BOTTA E RISPOSTA CON ATTIVISSIMO - PAGINA 3

(Vedi anche la smentita alle obiezioni di Attivissimo sul crollo del WTC-7, sul crollo delle Torri Gemelle e sullo schianto del Pentagono, nonché le risposte alle sue 12 domande)



<  PAGINA PRECEDENTE

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Commento pubblicato da Paolo Attivissimo : 20/2/06 21:05

«La mancata risposta ovviamente equivale a dichiarare di avere torto e di non sapere come rispondere.»

Questo è un espediente veramente squallido e patetico. Potrei applicarlo a te e a tutte le domande che ti ho fatto e alle quali non hai voluto rispondere: per esempio, la fonte dei famosi 60 cm, che prima erano così importanti e adesso sono diventati (cito) "INSIGNIFICANTI" ...esattamente la stessa tattica usata dopo il debunking del pod, del transponder, del carrello automatico, e di tante altre "prove" del complotto.

Il fatto stesso che tu ricorra a questi giochini dovrebbe squalificare ogni tua domanda, ma per questa volta starò al gioco, così non potrai vantarti di nulla. Fra l'altro, guarda che qui nessuno tranne te sta facendo una gara a chi piscia più lontano.

La risposta è semplice: perché l'aereo le ha sorvolate, visto che il suo angolo di incidenza era diverso da zero e le bobine erano ad almeno 25 metri di distanza dal punto d'impatto.

La distanza delle bobine è già stata appurata prima nella foto satellitare. L'altezza delle bobine è stimabile per eccesso in un paio di metri (forse meno). L'altezza della piegature delle colonne è stimabile in un metro o due. Le misurazioni precise le lascio a te, io non ho tempo adesso: ma lo spendo, il tempo, se tu spendi il tuo per trovare la fonte dei 60 cm.

La mia ipotesi richiede semplicemente che l'aereo abbia seguito una traiettoria con angolo di incidenza diverso da zero, ossia che fosse leggermente "in discesa", grosso modo come quando si atterra.

L'angolo di incidenza nonzero è dimostrabile con la presenza dell'intaglio circolare dell'angolo superiore del generatore (situato grosso modo alla stessa distanza delle bobine), plausibilmente prodotto dall'impatto con una gondola di motore del 757.

L'intaglio indica che la base del motore del 757 era ad almeno un paio di metri d'altezza quando l'aereo era a 25 metri di distanza. La gondola pende sotto le ali di un paio di metri.

Riassumo: le ali, sempre spannometricamente, erano a circa quattro metri dal suolo quando l'aereo era a 25 metri di distanza, ma erano a uno-due metri d'altezza 25 metri più in là. Ergo, la traiettoria era in pendenza e non radente (parallela al terreno).

L'aereo poteva quindi benissimo passare sopra le bobine senza toccarle.

Considerato il peso delle bobine, è anche possibile che lo spostamento d'aria non sia stato sufficiente a muoverle in modo significativo (anche se tu stesso dici che forse l'impatto o l'onda d'urto le ha spostate in seguito).

Se il concetto della traiettoria inclinata non ti è chiaro, ribadisco la mia scommessa già fatta altrove: mandami i soldi per comperare un kit di un 757 (sono modellista appassionato) e ti costruisco un modello in scala 1:144 della scena (il modello del Pentagono lo pago di tasca mia), ti invito a casa mia e ti faccio provare fisicamente la traiettoria. Ci stai?

O devo dedurre che se non ci stai, ho ragione io? :-)



---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



Commento pubblicato da jack : 21/2/06 02:26

Ripeto per la terza volta, visto che evidentemente ne hai bisogno per capire: il dettaglio dei 60 cm è SEMPRE stato un dettaglio insignificante. Non ci ho MAI imperniato sopra tutta la mia teoria, come insinui tu. Se non fosse stato insignificante ma fosse stato fondamentale mi sarei premurato di segnarmi le fonti (più di una), non ti pare? Invece non spreco nemmeno tempo a cercarle e ti do ragione proprio perchè è insignificante e non cambia nulla, sia che abbia ragione io, sia che abbia ragione tu. Posso anche darti ragione su questo punto: l'aereo non era a 60 cm dal suolo. Comunque non cambia nulla: le bobine avrebbe dovuto colpirle lo stesso. E più avanti ti spiego perchè.
Insomma, vinci la battaglia ma perdi comunque la guerra. Ora capisci? Questo tuo attaccamento a quest'unico dettaglio è triste, insensato, ed ha evidentemente l'unico scopo di distogliere il discorso da faccende più importanti. Inoltre non ho mai nominato nemmeno di striscio il pod, la storia del carrello che esce fuori da sola non l'ho MAI portata come prova perchè sapevo già da me che era una stupidaggine, e il discorso sul transponder l'hai tutt'altro che risolto. Non attribuirmi colpe che non ho e non attribuirti meriti che non hai.
Sto ancora aspettando inoltre tutte queste domande a cui non ti avrei risposto.
Ora, chiariamo una cosa: non sei tu a fare un piacere a me continuando a discutere, questo mettitelo bene in testa, se riesci a trovare un po' di posto tra l'arroganza e la saccenza. Ok?
Andiamo avanti.

Se ti faccio una domanda e tu non rispondi, significa che non sai come rispondere.
Dove lo vedi lo squallore? Qual è la parte che non capisci? Cosa c'è di squalificante?

"Riassumo: le ali, sempre spannometricamente, erano a circa quattro metri dal suolo quando l'aereo era a 25 metri di distanza, ma erano a uno-due metri d'altezza 25 metri più in là. Ergo, la traiettoria era in pendenza e non radente (parallela al terreno)."

Questo è il top. Hai toccato il fondo. Stai stravolgendo completamente la versione ufficiale che vorresti difendere, paradossalmente rendendola più logica e verosimile di quanto non sia.
Resta da capire se sei davvero così ignorante sui fatti, o se fai il finto tonto per poter cambiare quello che non ti conviene quando ti pare.
Ormai lo sanno anche i sassi. Uno dei punti più discussi dell'intera faccenda è proprio che secondo la versione ufficiale, e ti sfido a negarlo stavolta, l'aereo ha si è avvicinato al Pentagono in linea perfettamente retta, senza la benchè minima pendenza. IN LINEA PERFETTAMENTE RETTA.
Ti anticipo: fonte?
Oltre a innumerevoli trasmissioni e articoli sull'argomento (per esempio, lo hai visto il recentissimo speciale del TG1 in cui dicevano proprio questa cosa?), c'è la ricostruzione virtuale della Purdue University che è stata tra l'altro presa come versione ufficiale dei fatti dallo stesso governo americano (fonte più ufficiale di così non la trovi).
Secondo quella ricostruzione, il Boeing 757 ha viaggiato dall'autostrada fino al Pentagono in linea perfettamente retta senza il minimo angolo di pendenza, perchè in questo modo si tenta di giustificare la totale assenza di solchi o buche nel terreno che altrimenti l'aereo avrebbe dovuto scavare. Ecco un'immagine presa proprio dal sito della Purdue (in cui il Boeing è ancora lontano una quarantina di metri dalla parete):

http://news.uns.purdue.edu/UNS/images/sozen.pentagon.jpeg

Come vedi, secondo la versione ufficiale il Boeing 757 ha viaggiato in linea perfettamente retta e radente il suolo, altro che 5 metri di altezza.
La stessa versione ufficiale dei fatti smentisce la tua (fantasiosa, devo ammetterlo. La fantasia non ti manca mai) ipotesi.

La tua ipotesi, tra l'altro, non tiene conto del fatto che i pali della luce sono stati tranciati a circa 6-7 metri da terra (sono alti 10 metri). Quindi la traiettoria non poteva essere regolarmente discendente come dici tu, perchè se così fosse stato, quando il Boeing si trovava sopra l'autostrada avrebbe dovuto essere molto più in alto di così(non ho voglia di fare i calcoli precisi ma non ce n'è bisogno: di sicuro molto più in alto dei 6-7 metri che testimoniano i pali, se come dici tu l'aereo variava l'altezza della rotta di 3-4 metri ogni 25 metri di strada).
Proviamo a unire i dati sui pali della luce con la tua teoria? Otteniamo un'ipotesi secondo cui il Boeing ha volato a 6-7 metri d'altezza sull'autostrada, si è mantenuto poi a 4-5 metri d'altezza per tutto il percorso dall'autostrada al Pentagono fino a trovarsi a solo 25 metri dall'edificio, dopodichè ha improvvisamente abbassato il muso ed è sceso di 3-4 metri di colpo?
Un pochino troppo... fantasiosa come teoria, non trovi?
Troppo inverosimile anche per il sito complottista più paranoico.

Ho fatto una piccola ricostruzione grafica (volgarmente detta "disegnino") della tua ipotesi. Che traiettoria avrebbe avuto cioè l'aereo se come dici tu non fosse andato in linea retta ma discendente di quel tanto che basta per evitare i rotoli di cavi:

Immy11settembre\traiettoria_attivissima.JPG

Completamente diversa dalla versione ufficiale. Tengo a precisare che le dimensioni del Pentagono, dell'aereo e delle bobine sono perfettamente in rapporto tra loro, e anche precise (ci ho messo mezzora controllando anche il millimetro con il solito righello. Spartano e primitivo quanto vi pare, ma efficace).

Chiarisco inoltre, nel caso ce ne sia bisogno, che i miei soldi tu non li vedrai mai neanche in fotografia. Neanche mezzo centesimo. In barba a tutti i tuoi tentativi di scucirli ai visitatori del tuo sito (offrimi una fetta di pizza, comprami un modellino... ma piantala...).

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Commento pubblicato da Paolo Attivissimo : 21/2/06 07:24

"Ripeto per la terza volta, visto che evidentemente ne hai bisogno per capire: il dettaglio dei 60 cm è SEMPRE stato un dettaglio insignificante."

Cito le tue parole: "Resta il fatto che il Boeing 757 è passato, secondo le testimonianze ufficiali, a 60 cm dal suolo, e con una traiettoria che l'ha portato proprio addosso ai rulli. Eppure le bobine sono rimaste in piedi. C'è qualcosa che non quadra."

A me sembra che i 60 cm siano il perno della tua affermazione. Ma fa niente.

"non spreco nemmeno tempo a cercarle e ti do ragione proprio perchè è insignificante e non cambia nulla"

Cambia eccome! Perché se non è documentato quel 60 cm, la quota alla quale l'aereo ha sorvolato le bobine può anche essere diversa e quindi sufficiente a non colpirle.

Questo tuo attaccamento a quest'unico dettaglio è triste, insensato, ed ha evidentemente l'unico scopo di distogliere il discorso da faccende più importanti.

Oh scusami, il "dettaglio" l'hai tirato in ballo tu, e comunque ho già discusso di moltissimi altri aspetti (pod, carrelli, transponder, discorsi di Bush, lampi, WTC...) in molte altre pagine.

Sto ancora aspettando inoltre tutte queste domande a cui non ti avrei risposto.

Basta che ti rileggi i commenti, ma fa niente, non credo che le tue risposte possano essere costruttive. [NdA: Sì, come al solito: "Rileggi i tuoi commenti e troverai centinaia, migliaia di domande a cui non mi hai risposto! ...ma ripensandoci, non è poi così importante che tu li rilegga davvero. Non leggerli, ok? Ok??". Non aver paura, per ora non ho intenzione di mettermi davvero a rileggere tutto per prepararti un elenco delle domande a cui TU non hai voluto/potuto rispondere. Non fartela sotto.]

Questo è il top. Hai toccato il fondo. Stai stravolgendo completamente la versione ufficiale che vorresti difendere

Ehm... chi ti ha detto che io voglio difendere a tutti i costi la versione ufficiale? [NdA: Classica scusa vigliacca del piede in due scarpe: per non poter essere accusato di essere un ufficialista dogmatico ripete in continuazione di non difendere affatto tutta la versione ufficiale e che ci sono delle zone grigie e dei dubbi, ecc... ma se poi si va a vedere cosa dice DAVVERO nei suoi articoli, ci si accorge che in realtà difende SEMPRE la versione ufficiale, proprio come il più dogmatico degli ufficialisti. Tra quello che dice e quello che fa c'è un abisso, come per ogni bugiardo.]

Uno dei punti più discussi dell'intera faccenda è proprio che secondo la versione ufficiale, e ti sfido a negarlo stavolta, l'aereo ha si è avvicinato al Pentagono in linea perfettamente retta, senza la benchè minima pendenza. IN LINEA PERFETTAMENTE RETTA.

Una linea retta può anche essere inclinata. Una variazione di un paio di metri, quando c'e' di mezzo un aereo largo 38, è impercettibile. [NdA: Stranamente qui si scorda di citare che ho anche detto PARALLELA AL TERRENO, e quindi non può essere inclinata rispetto ad esso.]

c'è la ricostruzione virtuale della Purdue University che è stata tra l'altro presa come versione ufficiale dei fatti dallo stesso governo americano

E' una ricostruzione. Ha margini d'errore. Ho gia' discusso e detto abbondantemente che quella simulazione è molto imprecisa. Il terreno davanti al Pentagono non è piatto e questo non viene considerato nella simulazione. Trovo ironico che "dimostri" la tua tesi usando un documento "ufficiale" quando non credi alla versione "ufficiale".

La tua ipotesi, tra l'altro, non tiene conto del fatto che i pali della luce sono stati tranciati a circa 6-7 metri da terra (sono alti 10 metri). Quindi la traiettoria non poteva essere regolarmente discendente come dici tu

Non esistono soltanto le linee rette. L'angolo d'incidenza può essere cambiato anche solo per via della conformazione del terreno o della variazione di quota dell'aereo . Che è quello che succede spesso durante gli atterraggi.

Troppo inverosimile anche per il sito complottista più paranoico.

A differenza delle tue ipotesi su esplosioni, rottami disposti da una squadra di agenti invisibili, pali della luce tranciati col telecomando in coreografia perfetta, e bobine che si spostano da sole?

Completamente diversa dalla versione ufficiale.

Ma chi ti ha detto che io difendo a spada tratta la versione ufficiale?

Chiarisco inoltre, nel caso ce ne sia bisogno, che i miei soldi tu non li vedrai mai neanche in fotografia. Neanche mezzo centesimo.

Guarda che non ho bisogno dei tuoi soldi. La mia era una scommessa: credi alle tue idee abbastanza da scommetterci qualche decina di euro? Io sì. [NdA. Oh, com'è coraggioso ed eroico nella sua ricerca della verità, il paladino della giustizia. Tanto i soldi devo darli io a lui, mica li dà lui a me...]



---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



Commento pubblicato da jack : 21/2/06 12:25

" A me sembra che i 60 cm siano il perno della tua affermazione. Ma fa niente. "

E come al solito ti sbagli, perchè 50, 60, 70, 80 o anche 100 cm da terra non cambia NULLA, come ti ho già ripetuto fino alla nausea. Ecco perchè è insignificante.

"Cambia eccome! Perché se non è documentato quel 60 cm, la quota alla quale l'aereo ha sorvolato le bobine può anche essere diversa e quindi sufficiente a non colpirle."

Non cambia niente, perchè la quota può essere diversa fino a un certo punto. Il buco nella parete testimonia che a più di un metro e mezzo da terra quando si è schiantato l'aereo non poteva trovarsi. NON POTEVA. Ce lo dice la foto. Quindi che fossero 60 cm o 100, o anche 150, non cambia nulla.
Ma comunque, l'hai vista la ricostruzione della Purdue, che ti ricordo non è fatta da un qualunque sito complottista della domenica, ma è la versione ufficiale dei fatti precisamente come la sostiene il governo USA?
A documentare la cifra di 60 cm dal suolo basterebbe anche solo la ricostruzione grafica della Purdue: guarda la foto:

http://news.uns.purdue.edu/UNS/images/sozen.pentagon.jpeg

Dalle ombre sotto l'aereo, si vede che i motori sono rasoterra. A momenti toccano l'erba. E l'aereo è parallelo al suolo, al millimetro. Ogni sua parte è perfettamente parallela al suolo.
Questo è quello che dice la versione ufficiale, rendiamoci conto.

" Ehm... chi ti ha detto che io voglio difendere a tutti i costi la versione ufficiale? "

Questo è un giochetto che fai spesso. Ogni tanto salti su a dire: "Ma io non difendo la versione ufficiale al millimetro", in modo da poterti salvare in extremis quando si dimostra senza possibilità di errore che alcuni aspetti della versione ufficiale sono assolutamente impossibili.
Ma allora che versione difendi? Quella tua personale, secondo cui il Boeing 757 è passato a 6-7 metri dal suolo sopra l'autostrada, per poi risalire e successivamente ridiscendere con una traiettoria tanto inclinata verso il basso da farlo abbassare di 3-4 metri ogni 25 metri di tragitto, e andare contro il Pentagono?
Ok, per quanto sia fantasiosa, illogica e tecnicamente quasi impossibile, va bene. Difendi la posizione che vuoi. A me basta provare che quello che dice il governo USA a proposito dell'attentato è falso. Di provare che quello che dice attivissimo è falso non mi frega nulla, a meno che attivissimo non voglia difendere alcuni aspetti della versione ufficiale. In quel caso smentendo attivissimo smentisco anche la versione ufficiale. Capisci? Non sei il fine, sei il mezzo.

" Una linea retta può anche essere inclinata. Una variazione di un paio di metri, quando c'e' di mezzo un aereo largo 38, è impercettibile. "

Se tu perdessi questo brutto vizio di evidenziare solo i pezzi che ti fanno comodo stravolgendone il senso, sarebbe un'ottima cosa.
Perchè tralasci il fatto che successivamente ho detto non solo linea retta, ma anche radente e completamente PARALLELA al suolo? Il senso del discorso era tutto lì. Perchè hai tralasciato proprio la parte più importante? Eri distratto?
Una variazione di un paio di metri si noterebbe eccome. Nella versione ufficiale illustrata dalla Purdue, non c'è. E se anche ci fosse, sarebbe insufficiente a far spostare l'aereo di 3-4 metri ogni 25 metri di strada, come dici tu. L'immagine (Immy11settembre\traiettoria_attivissima.JPG) della traiettoria che proponi, come ti ho già detto, è completamente diversa dalla versione ufficiale.
Se la sostieni ripudi la versione ufficiale dei fatti perchè è palesemente assurda, e diventi uno sporco complottista paranoico anche tu, non è buffo?

" E' una ricostruzione. Ha margini d'errore. Ho gia' discusso e detto abbondantemente che quella simulazione è molto imprecisa. "

E' una ricostruzione più che precisa, essendo stata fatta al computer e non a mano nuda. E' precisa nel senso che è venuta fuori esattamente come volevano i creatori.
Le cosiddette "imprecisioni" in realtà sono "omissioni" che si sono dovute nascondere per rendere il più credibile possibile la versione ufficiale. Non ignoranza, ma malafede.
Resta comunque il fatto che quella è la versione ufficiale, accettata come tale in tutto il mondo. E che se la si smonta, si smonta la versione ufficiale, non si smonta solo una semplice ricostruzione fatta da chissà chi.

" Trovo ironico che "dimostri" la tua tesi usando un documento "ufficiale" quando non credi alla versione "ufficiale". "

Per dimostrare che la versione ufficiale è falsa, non posso certo ricorrere a documenti non ufficiali. Devo prendere i documenti ufficiali su cui si fonda e usando proprio quelli, dimostrare che è falsa e non può essere vera.
Cosa c'è di strano?
Sarebbe strano se pretendessi di smontare la versione ufficiale con fonti e documenti scritti dal primo che passa e perciò inattendibili.

" Non esistono soltanto le linee rette. L'angolo d'incidenza può essere cambiato anche solo per via della conformazione del terreno o della variazione di quota dell'aereo . Che è quello che succede spesso durante gli atterraggi. "

Mi fai un disegnino della traiettoria che proponi? Voglio vedere se l'ho capita bene... dovrebbe avere una forma a gobba di cammello, come una collina, se ho capito bene.
A parte il fatto che così si smentisce la versione ufficiale (grazie, attivissimo), resta da vedere se almeno questa traiettoria sia materialmente eseguibile.
E se anche ci fosse una minima percentuale che la rendesse possibile tecnicamente, resterebbe comunque l'intelligentissima e ovvia domanda formulata anche allo speciale del TG1 e a cui i piloti non hanno saputo dare risposta: "Perchè non si è schiantato sul Pentagono dal basso verso l'alto [NdA. Errore di distrazione. Volevo dire: "dall'alto verso il basso"], facendo così anche danni maggiori, invece di mettere a repentaglio tutta la missione proprio all'ultimo, zigzagando in traiettorie impossibili e senza senso"???
I piloti non hanno saputo che dire e hanno ammesso che effettivamente è una cosa assurda. Perchè è una cosa assurda, bisogna ammetterlo.

" A differenza delle tue ipotesi su esplosioni, rottami disposti da una squadra di agenti invisibili, pali della luce tranciati col telecomando in coreografia perfetta, e bobine che si spostano da sole? "

Che schifo.
CHE SCHIFO.
Stai stravolgendo completamente TUTTO quello che ho detto per farmi sembrare un pazzo paranoico inaffidabile e vaneggiante.
Questo è mentire sapendo di mentire, nè più nè meno. Che schifo.
L'esplosione [di una bomba o di un missile intendevo qui, ovviamente] è tutt'altro che inverosimile. Non solo è possibilissima, ma si adatta perfettamente alla scena e non lascia i punti oscuri senza risposta che invece lascia la tua versione (dove sono finite le ali? La coda? I motori? Ecc.).
Agenti invisibili?? Quali agenti invisibili?? Secondo te una manciata di federali subito dopo l'impatto avrebbero bisogno di essere invisibili per non farsi notare? E se anche qualcuno li avesse notati, secondo te ci avrebbe trovato qualcosa di strano in una manciata di federali nei pressi del Pentagono ad occuparsi dello schianto appena avvenuto? Secondo te quei due che sono stati fotografati e che tu stesso mostri nel tuo sito mentre raccolgono rottami sono invisibili???
Secondo te far esplodere una manciata di C4 con un detonatore è un'impresa impossibile? Per giustificare la tua ipotesi tiri fuori una dopo l'altra cose ai limiti dell'assurdo (40 tonnellate di acciaio evaporate, motori spariti, ali vaporizzate, coda svanita, traiettorie illogiche e tecnicamente impossibili), ma secondo te far detonare una carica esplosiva quando si vuole è impossibile??? Basta premere il pulsante del detonatore!
Ho detto che le bobine si sono spostate da sole??? HO DETTO QUESTO? Oppure ho detto che le bobine possono essere state spostate perchè magari intralciavano i lavori dei pompieri, o per qualche altro logico motivo simile??? Tu che ne dici? Cosa ho detto? Andiamo a riguardare qualche commento più su??
Che schifo.
Attivissimo, stai grattando il fondo.

" Guarda che non ho bisogno dei tuoi soldi. La mia era una scommessa: credi alle tue idee abbastanza da scommetterci qualche decina di euro? Io sì. "

Certo.
Ma non abbastanza da darli A TE, questi euro.
Dai, lascia perdere. Te l'ho detto: neanche mezzo centesimo avrai mai da me. Se vuoi un modellino, compratelo con la paghetta.

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

A questo punto, Attivissimo evita accuratamente di rispondere e sceglie invece di sviare il discorso impuntandosi su un commento che avevo scritto ad un altro utente dicendogli che non parlavo con odio, ma con esasperazione.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Commento pubblicato da Paolo Attivissimo : 21/2/06 12:57

"Nessun odio, è esasperazione."

Se sei esasperato, tieni presente che nessuno ti obbliga a continuare a partecipare alla discussione.

Ci sono molti siti complottisti dove le tue teorie sull'esplosione coreografata verranno accolte con molto piacere e acriticamente.

Se continui a postare qui, aspettati invece che ti si chieda di giustificare le tue teorie basandole sui fatti, punto per punto. Non mi sembra una pretesa esagerata.



---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Nel seguente commento rispondo non solo ad attivissimo, ma anche ad un utente col nick "Buffalo" che mi ha fatto alcune obiezioni, che ricopio fedelmente nel commento.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



Commento pubblicato da jack : 21/2/06 13:40

Buffalo, sono abbastanza giovane e dotato di un carattere abbastanza cattivo da imbestialirmi seriamente di fronte a vigliacchi tentativi di cavarsela travisando tutto quello che l'avversario dice (agenti invisibili, bobine che si spostano da sole... bah). Magari invecchiando mi calmerò, ma sinceramente spero di no.

"radente il suolo non significa orizzontale"

Secondo la versione ufficiale, l'aereo viaggiava in linea retta, radente il suolo, e assolutamente PARALLELO al terreno. Non lo dico io (anzi, io dico che è assurdo), lo dice il governo degli Stati Uniti.

"un aereo che si schianta su un muro come quello del Pentagono non lascia l'impronta netta come Will Coyote, è plausibile che un buon 0,5/1 metro si spezzi intorno al buco. Specie se poi esplode e prende fuoco il tutto"

Vero. Ecco perchè ci si aspetterebbe per esempio che il buco sulla facciata sia più largo.
Riguardo ai danni che ha fatto l'aereo, sai che quello che si è schiantato sulla Torre Nord prendendola in pieno lo ricorda molto, Will Coyote? Guarda qui:

Immy11settembre\danni_ali.JPG

Sono messi a confronto i due buchi, della Torre e del Pentagono. Nella Torre ha lasciato perfettamente il segno delle ali, che dovrebbero essere fragilissime, secondo attivissimo.
Il muro del Pentagono inoltre non è, come sembrate credere, un bunker antiatomico indistruttibile. E' composto da mattoni, cemento armato e una rete in kevlar in mezzo. E se volete sostenere che una semplice rete in kevlar ha fatto la differenza e ha polverizzato l'aereo, forse è il caso che ci pensate due volte.

"per "margini di errore" in una ricostruzione si intendono non quelli della mano che la disegna, ma errori di rispondenza con la realtà. Se casa tua è larga 20m, che la disegni coi pastelli a cera o con un computer della NASA se la disegno di 25m la ricostruzione è comunque sbagliata."

Sì, d'accordo. Resta comunque il fatto che la ricostruzione della Purdue è matematicamente precisa al millimetro, è stata fatta prendendo le misure esatte dell'aereo e del Pentagono fino ai dettagli (guardate, si vede perfino il riflesso del prato sulla fusoliera dell'aereo). Se vuoi comunque sostenere che è errata, d'accordo, ma in questo caso è come dire che la versione ufficiale non regge, perchè chi ha fatto quella ricostruzione per dimostrare la versione ufficiale, allora ha omesso volontariamente dei particolari per far quadrare meglio la storia del Boeing 757 contro il Pentagono.
Dunque siamo tutti d'accordo: la storia ufficiale del Boeing 757 contro il Pentagono come ce l'hanno raccontata non regge?


Per Attivissimo:

"Se sei esasperato, tieni presente che nessuno ti obbliga a continuare a partecipare alla discussione."

Ti piacerebbe. Cominci a sentirti l'acqua alla gola? Cominci a capire che le tue fantasiose ricostruzioni non reggono?
Come mai non hai risposto a tutto il resto del mio commento ma ti sei attaccato solo a questo dettaglio dell'esasperazione? Per cambiare discorso? Guarda che io ho scritto molto di più.

"Se continui a postare qui, aspettati invece che ti si chieda di giustificare le tue teorie basandole sui fatti, punto per punto. Non mi sembra una pretesa esagerata."

Ed infatti è ciò che faccio.
Sono esasperato non per la fatica di sostenere la mia posizione, come sembri credere, ma per lo sforzo di sopportare le tue vigliaccate, la tua ottusità, le tue bugie, il tuo stravolgere i miei discorsi a tuo favore, il tuo girare intorno ed evitare le domande che non ti convengono, la tua saccente ignoranza e la tua sempre più evidente malafede.
Capito?


Cordialmente,

il vostro paranoico complottista di quartiere.


P.S.

E un'altra cosa: questa storia che i siti complottisti accettano qualunque cosa volentieri e "acriticamente", è una vigliacca insinuazione che mira a screditare gli avversari facendoli passare per fessi creduloni e quindi inattendibili. Invece di commentare che cosa viene detto, si scredita chi lo dice. Tipico trucchetto.

Se dici una cosa del genere significa che non sei mai stato su Luogocomune.net. Lì il livello delle discussioni è altissimo e molto più competente. Imparagonabile a quello che c'è qui.

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



Commento pubblicato da Paolo Attivissimo : 21/2/06 14:08

Come mai non hai risposto a tutto il resto del mio commento ma ti sei attaccato solo a questo dettaglio dell'esasperazione? Per cambiare discorso? Guarda che io ho scritto molto di più.

Non so te, ma io lavoro per vivere; cacciare le bufale è un hobby. Il tempo che posso dedicare a questo hobby, e quindi a risponderti, è limitato. Ne ho già speso troppo e inconcludentemente. Adesso devo smettere. Sei libero di interpretarla come una resa o come semplice esasperazione (anche i debunker si esasperano, sai). Fa' quello che vuoi. Resta pure della tua idea, scrivi qui tutti i tuoi ragionamenti, non li cancellerò.

Se dici una cosa del genere significa che non sei mai stato su Luogocomune.net. Lì il livello delle discussioni è altissimo e molto più competente. Imparagonabile a quello che c'è qui.

Cito da Luogocomune.net:

"Una volta all'interno, le ali cominciano a "sfilacciarsi", man mano che incocciano con le colonne in cemento armato, e disperdono nell'ambiente il carico di gasolio (disegnato in arancione)."

Gli aerei non vanno a gasolio.. Errore "colloquiale"? digita "gasolio site:luogocomune.net" e guarda quante volte hanno scritto questa baggianata colossale. Gliel'ho anche segnalata, ma non l'hanno ancora corretta (tranne in un punto).

Nella sezione "Un falso assolutamente inutile", ci risiamo:

"Quello potrebbe essere etilene, al massimo, o comunque un carburante ad altissima volatilità. Ma di certo il gasolio non si comporta così."

Ma non solo: nella stessa sezione, il filmato dell'impatto viene dichiarato falso perché c'è un chiarore dietro la torretta dell'eliporto, che viene interpretato come una fiammata. Si dice quindi che il chiarore è un fotomontaggio. Qualunque fotografo sa che una fonte luminosa produce lo stesso effetto. Basta fotografare il sole attraverso le foglie per ottenere lo stesso chiarore: questo non vuol dire che la foto è falsa né tanto meno che il sole si trova davanti alle foglie.

Ho già segnalato anche questo errore macroscopico a LC, ma non è ancora stato corretto.

Questi sono i tuoi geni dell'analisi?


---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



Commento pubblicato da jack : 21/2/06 15:23

" Non so te, ma io lavoro per vivere; cacciare le bufale è un hobby. Il tempo che posso dedicare a questo hobby, e quindi a risponderti, è limitato. Ne ho già speso troppo e inconcludentemente. Adesso devo smettere. Sei libero di interpretarla come una resa o come semplice esasperazione (anche i debunker si esasperano, sai). Fa' quello che vuoi. "

Ed infine Attivissimo si arrende con la più banale, stupida e puerile delle scuse: "non ho tempo di risponderti." (Per scrivere pagine di deliri e ridicoli voli di fantasia però ha tutto il tempo del mondo, vero?)
Conclusione scontata. Era ovvio che avrebbe gettato la spugna. E' molto stancante tentare di negare l'evidenza in continuazione inventandosi baggianate sempre peggiori.
Non che ammetta chiaramente di essersi arreso, è ovvio, quando mai ha ammesso di avere torto su qualcosa anche davanti a prove inconfutabili? Di solito quando appare evidente che ha torto su qualche punto cambia discorso, evita le domande, le ignora come se non fossero state fatte, si attacca a dettagli insignificanti che non c'entrano nulla, ma mai, MAI ammette di aver detto una castroneria, anche quando c'è un cumulo di prove sotto al suo naso che gli grida: "Ma che accidenti stai dicendo?? E noi? Non ci vedi?? Siamo qui! Che ne dici di considerarci, una volta tanto??".
Parecchie volte mi ha accusato di non aver risposto a decine di sue domande, e io ogni volta gli chiedevo di citarmi per favore almeno le più vistose, almeno UNA di esse! E lui niente. Si limitava a ribadire che non ho risposto a decine di sue domande, e che quindi aveva ragione lui. Vabbè, si fa la festa e se la gode. Si diverte così, è crudele togliergli anche questo piccolo divertimento. Che cosa gli rimane, sennò?
Ogni volta le sue risposte erano la metà delle mie, perchè metà delle mie obiezioni le ignorava (non sapendo farvi fronte), e l'altra metà le travisava cercando di spiegarle con assurdi voli di fantasia.
Eppure ha mai ammesso di non sapere cosa rispondere? Ha mai detto: "E' vero, a questo non avevo pensato, questo è impossibile, questo è illogico"? Ha mai ammesso di avere torto su qualcosa, una cosa qualunque? Macchè. Davanti all'evidenza del torto, cambiava semplicemente discorso sperando che i suoi seguaci non si accorgessero che aveva tralasciato metà delle mie obiezioni perchè incapace di rispondere.
E il peggio è che i suoi seguaci sembrano non accorgersene davvero, ansiosi come sono di essere rassicurati e confortati che il mondo sia davvero come ci dice la televisione. Attivissimo è la loro ultima ancora di salvezza, e quando qualcuno gliela distrugge reagiscono ovviamente malissimo e aggressivamente. Che gente triste. Chissà come ci rimarranno quando la verità verrà finalmente fuori e si renderanno conto di aver avuto torto marcio e di aver detto cretinate per anni.
Perchè prima o poi si scoprirà, la verità, questo è sicuro. Una cosa così grossa non potrà restare nascosta ancora per molto. Ci potranno volere 10, anche 20 anni, ma si scoprirà.


P.S.
Cercare di dimostrare che centinaia di pagine, documenti, analisi e prove presenti su Luogocomune.net sono tutte false perchè invece di "kerosene" hanno scritto "gasolio" 3 volte, è davvero un tentativo patetico. Come dire che un errore di scrittura svilisce tutto un libro di 700 pagine.
Luogocomune.net non ha ancora corretto quel vecchio errore di scrittura perchè sta dicendo da mesi che l'intera sezione 11 settembre del suo sito va aggiornata, riveduta e corretta da errorini simili. E tu lo sai benissimo.
Per cui insinuare che sono un cumulo di incompetenti per un errore simile è davvero l'ultima spiaggia di un poveretto che non sa più a cosa aggrapparsi. Che sia gasolio, kerosene o benzina, il senso generale del discorso non cambia e tutte le centinaia di prove sull'11 settembre di luogocomune.net non ne vengono inficiate minimamente.
Riguardo al filmatino: i dubbi sono tutt'altro che risolti. Quel chiarore che secondo te è normale in alcune copie del filmatino c'è, in altre no. Così come in alcune copie c'è una data sbagliata sotto (12 settembre, 17:37), e in altri la parte inferiore del filmato è stata tagliata per nasconderla. Strano, no? Anche nello speciale del TG1 hanno mostrato il filmatino con sotto la data sbagliata, ma hanno pensato bene di tagliarla a metà dell'inquadratura per non farla notare. Curioso.

Be', mi sembra che sia tutto. E' stato un piacere.


P.P.S.
Ah, non ti dispiace se trascrivo il nostro dialogo sul mio sito, vero? Dopotutto non è mica una conversazione privata, è pubblica e visibile a chiunque già adesso, per cui non c'è niente di male.
Farà un figurone accanto alla sezione che ti smentisce.

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Conclusione:

E così Attivissimo getta la spugna. Dopo aver dichiarato tutto baldanzoso: "Non voglio che tu ti possa vantare di avermi battuto quindi ti smonterò ogni parola", improvvisamente cambia idea e afferma di non avere il tempo di rispondere per colpa del lavoro.
Stranamente però non chiede un po' di tempo per poter rispondere con calma appena potrà, no, lui si rifiuta proprio di rispondere. Indefinitamente.
Ma che strano. Io al posto suo sbrigherei il lavoro (se fosse proprio così urgente), e poi riprenderei la discussione.

Ancora una volta si dimostra completamente incapace di spiegare punti fondamentali della questione come: Dove sono finite ali, coda e motori dell'aereo? Perchè sulla facciata del Pentagono c'è solamente un buco di 4-5 metri di diametro e nessun segno delle ali, dei motori o della coda? Perchè il prato è immacolato? Come possono 60 tonnellate di acciaio, alluminio, gomma e vetro evaporare lasciando solo una manciata di rottami ridicoli trasportabili a mani nude? Come possono 30 tonnellate di kerosene esplose all'impatto lasciare danni così lievi? Cosa accidenti ha provocato quel foro d'uscita nel terzo anello del Pentagono? Come può il Boeing 757 aver seguito la traiettoria rasoterra che vorrebbe la versione ufficiale quando è stato dimostrato che, oltre che illogica, è tecnicamente impossibile? E ancora una volta si dimostra un vigliacco nel non voler ammettere a nessun costo di avere torto neanche davanti all'evidenza, e nel defilarsi con una scusa ridicola come: "non ho il tempo di risponderti".

Attivissimo si vanta in continuazione di avere tutte le risposte, di poter spiegare qualunque cosa, ma quando ci prova riesce solo a coniare ridicole baggianate solo apparentemente autorevoli che non stanno né in cielo né in terra e che, oltre a contraddire la versione ufficiale, invece di spiegarne i punti oscuri li peggiorano. Attivissimo, insomma, tutto riesce a dimostrare tranne che le cose sono andate come vorrebbe farci credere.

Spero che questo dialogo, insieme alla sezione che lo smentisce punto per punto sul Pentagono, a quella che smantella le sue obiezioni sul WTC-7 e alle risposte alle sue 12 domande, siano sufficienti a provare che tutto quello che il grande cacciabufale afferma è solo, appunto, una bufala, e che Attivissimo è capace unicamente di tirare fuori dal cilindro teorie più strampalate e campate per aria di qualunque ipotesi complottista possiate mai trovare sul web.

Alla prossima (devo dire che è stato divertente, in un certo senso).


---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
.

19/11/2010 - AGGIORNAMENTO

Il webmaster di Luogocomune.net ha fatto un video esilarante e molto istruttivo che racchiude la maggior parte delle scorrettezze logiche e dei trucchetti che attivissimo usa abitualmente per convincere i propri ascoltatori delle sue baggianate.

"La demolizione controllata di Paolo Attivissimo":
.


.
Mostratelo a chiunque creda ancora a questo individuo.

.
.

13/10/2011 - AGGIORNAMENTO

Il webmaster di Luogocomune.net ha creato una seconda videosmentita ad Attivissimo, visto che ha continuato a inventarsi nuove bugie sull'11 settembre:

"Le bufale di Attivissimo":

 
<  PAGINA PRECEDENTE

 
 

HOME PAGE