SPECIALS EVENTI MUSICALI

note.jpg (68908 byte) 

 

 

LE BAND
IL GRUPPO
STORIA                         REPERTORIO 

 

 

PERUGIA '60:

Formazioni 1

Formazioni 2

Formazioni 3

Formazioni 4

 

LYRICS1               LYRICS2                 LYRICS3                    LYRICS4                         LYRICS5     


SPECIALS
COVER

LINKS

I FAVOLOSI '60
PERUGIA BANDS
NEWS                                GALLERY

 

 

 

 

-

 

Dopo la fantastica avventura dei Ragazzi di Pietra, Giorgio entra in una nuova band nata dallo sfaldamento di altri gruppi, "I CADETTI". Sauro e Norberto suonano saltuariamente e si dedicano prevalentemente al loro lavoro. Aldo intanto, come lavoro segue il settore stampa e propaganda, dove conosce e stringe amicizia con MARIO CENCI, notissimo autore e chitarrista dei Rockers di PEPPINO di CAPRI. Uniti da una grande amicizia e dalla comune grande passione per la musica, danno vita alla organizzazione di numerosi concerti in Umbria, forti anche dell'appoggio di una agenzia di spettacolo, la DO.RE.MI. di Firenze, di Rodolfo Ambrosi responsabile organizzativo dell'AICS nonché di grande disponibilità e amicizie nella Casa Discografica Ricordi. Tra l'inizio del 1974 e il 1978, con la produzione di Giancarlo Sacconi, oltre a realizzare eventi minori, riescono a portare con successo sulla Piazza del Popolo di Todi, prima un concerto dei NOMADI (in quel periodo suonano molti pezzi di Guccini), poi una delle prime esibizioni in pubblico di FIORELLA MANNOIA (ha inciso un solo album qualche tempo prima "Mannoia Foresi & CO" per la RCA e in quella occasione sale sul palco insieme al meno  fortunato cantante Federico TROIANI che lancia in quel periodo il suo primo disco "Strade" con la  Ricordi).  Ma gli eventi che i nostri serbano per gli amanti della musica di quegli anni scattano tra il 1976 e il 1978. Il primo è un'indimenticabile concerto spettacolo di EDOARDO BENNATO ad Assisi, (in quel momento è in vetta a tutte le classifiche con l'album "Burattino senza fili"). Questo concerto è il frutto di una lunga complessa trattativa con la Ricordi, un gran lavoro organizzativo ed è per il pubblico grandiosamente gratuito. Alle 18.00 è previsto l'ingresso del cantante sul palco, mentre il pubblico è intrattenuto dalle canzoni di una giovane americana che deve sopportare l'impazienza della folla che aspetta l'inizio di Edoardo. Aldo e Giancarlo lo aspettano nel suo camerino e sono particolarmente tesi per questo imprevisto ritardo. Dopo qualche decina di minuti trascorsi il manager di Edoardo comunica che è arrivato e che si è isolato in un campo vicino a provare alcuni brani. Viene raggiunto e convinto a non dilazionare oltre la sua entrata in scena. Finalmente il concerto inizia ed è il delirio, la folla sottolinea ognuna delle sue canzoni con cori ed applausi scroscianti per tutta la sera. La zona di Assisi, Bastia Umbra, S.Maria degli Angeli e tutte le strade verso Perugia e Foligno (E45 in particolare) restano letteralmente paralizzate fino alle prime ore dell'alba successiva. Lo stesso Bennato ne rimane così entusiasta che si ferma (anche  perché non era semplice andarsene) fino a notte tarda con gli organizzatori a commentare l'evento. Oltre 15.000 persone senza calcolare gli abitanti della zona si sono riversate intorno al palco allestito sulla enorme piazza del parcheggio pullman (ovviamente più o meno vicino) ed hanno cantato e gioito come forse ora si vede fare solo ai più grandi concerti (non dimentichiamo che stiamo parlando di oltre 40 anni or sono). Nella avanzata primavera del 1978 si riesce ad organizzare anche l'esibizione di EUGENIO FINARDI che lancia in quel periodo la sua nuova canzone "Extraterrestre", lo facciamo esibire su un palco, il cui sfondo e costituito dallo stupendo scenario del Parco di Valcasana (Scheggino) che ricorda, quella sera, la locandina del film "Incontri ravvicinati del III tipo", la canzone piace molto ed il numerosissimo pubblico è soddisfatto. Sulla scia di questi risultati e di un grande entusiasmo, Aldo valuta con Mario e Rodolfo di realizzare una manifestazione importante per l'Umbria costituita da una sorta di mix tra sport musica e cultura, si pensa a qualcosa di simile alla Sei Giorni di Milano, in cui oltre alle gare su pista di ciclismo, si svolgono contestualmente spettacoli e concerti musicali. Nasce così, con la fattiva collaborazione di tutta l'AICS provinciale, la prima "TRE GIORNI PERUGINA". Ciclismo su pista, lotta libera, marcia, arti marziali, ginnastica artistica, teatro e folklore, ma soprattutto musica di bande paesane, della Perugia Big Band, del complesso l'Esagono che fa da supporto a tutta la manifestazione, di cori  e...dulcis in fundo dei migliori cantanti e band nazionali del periodo, inondano gli spalti del glorioso stadio Santa Giuliana, e di tutta la città.Il tutto corredato da una mostra concorso fotografica e una di pittura.  Il venerdì sera concerti di  Pierangelo Bertoli e Rino Gaetano, il sabato sera Alberto Camerini e Ivan Graziani, la domenica (anche per accontentare un pubblico più amante del soft) Ornella Vanoni, accompagnata però dai New Trolls. Un numero di persone impensabile per l'epoca (circa 15.000 e ahinoi...purtroppo gran parte senza pagare) riesce a ruotare tra una corsa e un concerto, una gara e uno spettacolo. Ma alla fine...un vero successo, anche in barba ad una radio privata dell'epoca che  fa di tutto, a differenza delle altre, per boicottare la manifestazione che viene definita "senza possibilità di futuro" per il non senso, secondo loro, di realizzare concerti in uno stadio. Con queste previsioni questa emittente non poteva durare e, infatti,...non esiste più! Anche questi ricordi fanno parte a pieno titolo della storia della musica vista però da un'angolatura particolare che non è in questa occasione ne quella del palco ne quella del pubblico, ma pur sempre di tante persone che l'hanno amata e che hanno voluto dare il loro contributo alla sua diffusione ed alla sua fruibilità tra le varie generazioni producendo comunque bellissimi sogni e vibranti emozioni. A presto.