Quindici marzo

 

Stasera sono ripiombato nel passato. Ho acceso la televisione ungherese e improvvisamente mi sono accorto: domani Ŕ il 15 marzo, festa nazionale in Ungheria! Come potevo dimenticarla? Forse non l’ho nemmeno dimenticato, al massimo, lo nascosto dietro a tanti problemi quotidiani, magari anche dietro a un risentimento personale, dietro a quei comportamenti irrazionali che sempre pi¨ sovente stiamo esercitando.

Domani Ŕ grande festa, festeggiano nuovamente l’inizio della rivoluzione contro gli Asburgo, lÓ lontano, nella terra dove sono nato anch’io. Talvolta rischio di dimenticarla.

Ora ricordo; era il 1948, il centenario dell’evento e noi piccoli studenti eravamo pieni di entusiasmo nell’attesa del giorno pi¨ importante della nostra storia. Da allora abbiamo un altro di simile, sempre intriso di sangue soffocato sotto il tallone dello straniero occupante, chi da ovest, chi dall’est, domani chissÓ chi sarÓ di turno – lo vuole il destino magiaro – forse siamo giÓ di nuovo sotto ma non ce ne accorgiamo. SarÓ come sarÓ, non Ŕ ancora successo che in qualche modo non fosse successo, dice l’antico proverbio ungherese – forse non tutti lo capiranno, e non sarÓ l’unica cosa misteriosa.

Io ero il caposquadra nel preparare e affiggere le decorazioni, la nostra classe era piena di fotografie di Kossuth, di Petőfi e di Tßncsis, gli eroi di quella che sfoci˛ in guerra di indipendenza. Preparavamo delle scritte con lettere cubitali, inchiodandole sui muri con gli spilli sottratti a mia madre sarta. Non le dispiaceva, lei amava visceralmente la patria e tranquillamente si sarebbe immolata per difenderla, altro che una manciata di spilli. Io tredicenne, gustavo la storia un po’ di riflesso: erano i nostri che l’hanno scritta, io sarei stato un degno discendente per ricordarla. Nulla mi faceva pensare che non molto tempo dopo mi sarei trovato io sulle barricate per cacciare lo straniero, per mettere fine alla tirannia. Meno che mai avrei creduto di essere dimenticato o peggio, taciuto di invenzione. Io veneravo gli antichi eroi, ingenuamente credevo che avrei ricevuto anch’io la mia riconoscenza. Qui, dove vivo, non sanno anzi, non vogliono sapere ma non sarebbe meglio nemmeno se ritornassi. Sarei il vecchietto sorpassato che vive nei ricordi.  

Domani Ŕ grande festa e se mi ricordo, mi metto anche la coccarda tricolore. Mi guarderanno credendomi impazzito, ma io sar˛ contento: io so cosa ho fatto, il mio conto Ŕ a posto.

Ivan Plivelic

Ferrara

Link:

 La primavera dei popoli 1848/NÚpek tavasza 1848

 

OSSERVATORIO LETTERARIO

***Ferrara e l'Altrove ***

ę

 

TESTV╔RM┌ZS┴K/PORTALE IN UNGHERESE - MAGYAR NYELVŰ PORT┴L - IRODALMI GAL╔RIA/GALLERIA LETTERARIA FIGYELŐ/OSSERVATORIO - MEGJELENT SZ┴MOK ARCH═VUMA/ARCHIVI DEI FASCICOLPUBBLICATI  

 UNGAROHOME - ARCH═VUM-DGL - ARCH═VUM-DGL1

 

HOME