FERMIAMO LA MORATTI

Comitato di Firenze

I genitori si oppongono all’"uso" dei loro figli per la valutazione INVALSI – MORATTI

Si è svolto ieri l’altro l’incontro promosso dal Comitato di Firenze FERMIAMO LA MORATTI per discutere dell’iniziativa ministeriale di sottoporre le scuole e quindi gli alunni alle prove di valutazione predisposte dall’INVALSI; genitori e studenti sono stati tutti d’accordo nel respingere tale iniziativa che, oltre che illegittima e lesiva delle prerogative degli organi collegiali della scuola, è soprattutto inaccettabile sotto il profilo didattico e pedagogico; gli alunni non sono oggetti da "testare", ma sono soggetti che partecipano ad un processo formativo che non tollera interventi estemporanei ed autoritari.

Per questa ragione i genitori hanno deciso, facendo affidamento anche sulle dichiarazioni delle OO.SS. (CGIL Scuola e COBAS hanno dichiarato l’illegittimità e quindi la non obbligatorietà di tali prove) di diffidare le scuole dal sottoporre i loro figli a tali prove.

E’ auspicabile che il Ministero dimostri questa volta un minimo di buon senso ed eviti contrasti che potrebbero comportare anche azioni legali.

Si allega lo schema di diffida che tutti i genitori possono inviare alle scuole a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno per contestare dette prove.

Per ogni ulteriore informazione gli interessati possono contattare il Comitato per la Scuola della Repubblica che mette a disposizione del nostro Comitato anche la consulenza legale gratuita (Fax 055/588820 e-mail: comfirenze@inwind.it).

p. il Comitato "Fermiamo la Moratti"

Sebastiano Busia