Dialogo con le scuole islamiche

Federico Repetto

Per contrastare l’attuale ondata di violenza terroristica e militare, intendiamo lanciare un messaggio di pace alle scuole on line dei paesi islamici, rivolgendosi in particolare al mondo mediterraneo che ci è più affine. Certo, esiste già un dialogo on line tra scuole nostre e loro (più i vari gemellaggi, non solo on line e per iscritto, ma con visite e conoscenza diretta); tuttavia ci sembra che questo sia un momento speciale in cui la fiducia reciproca è scesa ai minimi storici. Dichiarazioni di Bush e Berlusconi (con smentite che sicuramente l'opinione pubblica araba e islamica non si è bevuta), caccia all'arabo in grande in America, ma in piccolo anche in Europa e in Italia, sono fatti che richiedono una smentita da parte della gente comune, dei giovani in particolare.

Proprio per contrastare il piano dei terroristi, dobbiamo rassicurare gli islamici dell'altra sponda del mediterraneo, nonché dell’Albania e della Bosnia, del fatto che almeno alcuni di noi non ce l'hanno a priori con loro. La lettera dovrebbe essere firmata da classi, da singoli studenti e insegnanti, da associazioni di volontariato che si occupano dei giovani e da associazioni di categoria degli insegnanti e dei genitori. Tutte queste persone e gruppi potranno mandare la loro adesione a mediatori@didaweb.net.

Le scuole on line probabilmente sono ben poco rappresentative delle società cui ci rivolgiamo. Bisognerebbe partire on line, ma poi arrivare a creare il "caso" e a dargli risonanza, ed arrivare a scrivere a giornali di paesi islamici o a scuole non on line. Insomma, l’iniziativa potrebbe avere due generi di ricadute:

1) far arrivare a molta gente un messaggio generico di pace (tra l’altro invitando i nostri corrispondenti on line a comunicare in giro la versione araba del nostro messaggio);

2) specificamente, contribuire a promuovere ulteriormente il dialogo interculturale tra studenti e classi (in inglese o francese, on line o per posta ordinaria).

 

L'Appello per un dialogo di pace con le scuole dei vicini paesi islamici si può sottoscrivere nel sito (www.didaweb.net/mediatori/)