La campagna globale per l'istruzione

Nel mondo più di 120 milioni di bambini e di bambine non hanno accesso neppure alla scuola di base. Per richiamare l'attenzione sull'importanza del diritto all'istruzione e richiedere istruzione gratuita e di qualità per tutte le bambine ed i bambini, associazioni di 150 paesi del mondo hanno dedicato la settimana dall’1 all’8 aprile al lancio della Global Education Campaign. Tra gli obiettivi della campagna, la richiesta agli Stati, di riservare almeno il 6% del PIL all’istruzione (agli Stati industrializzati viene richiesto di destinare una percentuale pari all’8%). La settimana internazionale è stata preceduta da una marcia che, partita da Nuova Delhi il 15 marzo, ha attraversato tutta l’India, raggiungendo le città più importanti ma anche i villaggi più remoti, per sottolineare il ruolo dell'istruzione contro lo sfruttamento del lavoro minorile.

In Italia capofila dell'iniziativa è Mani Tese che, nell’ambito della "Campagna Contro le Forme Peggiori di Sfruttamento del Lavoro Infantile", per tutto il mese di aprile, insieme alle altre 300 associazioni aderenti alla Global March against Child Labour, promuove una azione di sensibilizzazione nelle scuole (il Cres - Centro Ricerche Sviluppo di Mani Tese ha realizzato per le scuole un kit didattico di approfondimento e analisi, per insegnanti e studenti di ogni ordine e grado, sulle complesse tematiche dello sfruttamento del lavoro infantile nel Nord e Sud del mondo. Il kit presenta un’antologia di storie di vita e testimonianze di bambini lavoratori e una rassegna stampa sul tema dello sfruttamento del lavoro infantile) e una mobilitazione nazionale in 150 città d’Italia. La Campagna si è aperta il 2 e 3 aprile al Piccolo Teatro di Milano, dove si è svolta la Conferenza "Le forme peggiori di sfruttamento del lavoro minorile. La situazione in Europa e nel mondo".

Il mese di mobilitazione che si è svolto in Italia si inserisce nel più ampio programma internazionale del Movimento della Global March against Child Labour. Il Movimento, attivo dal 1998, in collaborazione con l’Organizzazione Internazionale del Lavoro promuovere la ratifica universale e l’applicazione della Convenzione OIL n° 182 relativa alle forme peggiori di lavoro minorile ed all’azione immediata per la loro eliminazione. Fino ad ora sono 64 i paesi che hanno ratificato la Convenzione ma a settembre si terrà a New York la Sessione Speciale dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite dedicata ai diritti dell’infanzia e in quella sede, Mani Tese, coordinatore europeo della Global March against Child Labour, rappresenterà ufficialmente la Marcia e conta di ottenere dalle delegazioni presenti impegni per la ratifica e l'effettiva applicazione della Convenzione. [C. G.]

Mani Tese, piazzale Gambara 7/9, 20146 Milano, tel. 02.4075165, fax 02.4046890, e-mail: manitese@manitese.it, www.manitese.it