L'animazione asiatica è spesso ricordata solo per i suoi service a basso costo. Ma è grazie a questi lavori in subappalto che sono nati studios come Akom, Far Eastern, Telecom, Imagin e molti altri. Verso la fine degli anni 90 hanno cominciato a produrre i loro lungometraggi indipendenti a livello di Empress Chung, A Chinese Ghost Story, My Life as McDull, Grandma and Her Ghosts o My Beautiful Girl Mari. Questa è la storia di uno studio giapponese che ha lavorato nell'ombra dei produttori americani per oltre 10 anni.

 


PROLOGO


La sede della Toei Doga

  • 1960 Debutta PINOCCHIO, serie in stop-motion prodotta da Arthur Rankin Jr. 
    Rimane una delle prime co-produzioni in assoluto tra Stati Uniti e Giappone.

  • 1962 La Toei Doga produce un cortometraggio scritto da Toru Hara.
    MOGURA NO MOTORO. L'animazione è a cura di Yasuji Mori

  • 1963 La serie animata ASTROBOY viene trasmessa dalla NBC.
    Essa segna il debutto dell'animazione giapponese negli Stati Uniti.

  • 1965 Daikichiro Kusube si trasferisce nella neo-nata A-Productions. 
    Miyazaki dopo una breve permanenza in quest'ultima, entra alla Zuiyo.

  • 1966 SPEED RACER della Tatsunoko debutta negli Stati Uniti.
    Diventa l'anime più seguito al di fuori del circuito televisivo nipponico.

  • 1967 La Rankin/Bass produce il film MAD MONSTER PARTY.
    Questo lavoro avrà una grande influenza sui lavori di Tim Burton.

  • 1970 La Toei licenzia dozzine di dipendenti per tagliare i costi di produzione.
    Kazuo Komatsubara e Koichi Murata fondano la Oh! Production.


 

Toru Hara nasce nel 1935 a Kitakyusu. Ottiene una laurea presso la prestigiosa università Waseda. In seguito è stato assunto dalla Toei Doga.

Arthur Rankin jr ha fatto il suo primo viaggio in Giappone nel 1958. Ha disegnato personalmente gli storyboard per le sue produzioni.

Jules Bass nasce a Philadelphia. Ha scritto i testi delle canzoni per la maggior parte delle produzioni targate Rankin/Bass.

Lontano dal centro di Tokio, in un anonimo palazzo di Koenji c'era un piccolo studio di animazione praticamente sconosciuto alla maggior parte degli anime fan giapponesi. La Topcraft viene fondata nel febbraio del 1972 dall'unione da un gruppo di animatori fuorusciti dalla Toei Doga. Il loro presidente, Toru Hara, aveva lavorato nel ruolo di progettista in TAIYO NO OJI ~ HOLS NO DAIBOKEN diretto dal collega e amico Isao Takahata: grazie al genio creativo di Hayao Miyazaki, che cura il layout generale, questa pellicola viene considerata il vero punto d'inizio dell'animazione nipponica, che fino a quel momento aveva collezionato solo pallidi tentativi d'imitazione delle già affermate scuole occidentali. La Rankin/Bass Productions (ditta americana specializzata in lavori in stop-motion), a seguito di una richiesta da parte del network ABC, necessitava di una serie televisiva. Toru Hara aveva incontrato per la prima volta Arthur Rankin Jr. alla Toei, durante la lavorazione di alcune serie. Si procede cosí alla realizzazione del film pilota di KID POWER. 

Tokiji Kaburaki

Le quindici puntate della serie definitiva vengono disegnate interamente da Katsumi Onishi, Akio Hosotani e Minoru Kibata. Della supervisione dei disegni era stato incaricato Tsuguyuki Kubo (classe 1942), il quale era già noto presso gli spettatori americani, dal momento che aveva realizzato JOHNNY CHYPER e la sigla d'apertura di SPEED RACER. Alcuni episodi sono stati diretti dall'esordiente Katsuhisa Yamada (classe 1948) che nonostante la giovane età diventa ben presto una delle colonne portanti della Topcraft. In precedenza aveva lavorato come assistente alla regia della serie TIGER MASK presso la Toei. Di conseguenza era stato scelto per dirigere alcuni episodi di MAZINGER Z (unica collaborazione Topcraft/Toei). Sempre nel 1972 ha visto la luce 20.000 LEAGUES UNDER THE SEA diretto da Tokiji Kaburaki. Inizialmente avrebbe dovuto essere uno speciale per la TV, ma alla fine è stato diviso in due episodi e trasmesso all'interno della serie Festival Family Classics. Il design dei personaggi risulta quindi diverso rispetto a quello dei rimanenti episodi disegnati dalla Mushi. Lo staff porta a termine altri due disegni animati realizzati per la casa di produzione americana: TOM SAWYER e uno special TV dedicato al campione di baseball WILLIE MAYS. Esiste anche un quarto mediometraggio dal titolo THAT GIRL, trasmesso nel 1973 ma completato già l'anno precedente.

 

Lista degli episodi di MAZINGER Z realizzati alla Topcraft

#

Titolo originale

Regia Supervisione

Disegni chiave

Intercalazioni

 

55

富士山 大直滑降作戦 Katsuhisa Yamada Akio Hosotani
Minoru Kibata, Hidemi Kubo 
Yasushi Hirakawa
Haruko Onishi, Noriko Sugiura
Kazuo Arai
16/12/73
60 マジンガーZ 秘密兵器発射!!
I Missili Misteriosi
Koichi Sasaki Akio Hosotani
Hidemi Kubo 
Yasushi Hirakawa
Mitsuko Nagai
Masahiro Yoshida
20/01/74
64 007対 ブロッケン殺人鬼 Katsuhisa Yamada Minoru Kibata
Kazuyuki Kobayashi 
Kazuo Arai
Mayoko Kanno
Masahiro Yoshida
17/02/74
65 風が運んだ 風船爆弾!!
Le Bombe Volanti nel Cielo
Koichi Sasaki Akio Hosotani
Hidemi Kubo 
Yasushi Hirakawa
Mitsuko Nagai
Haruko Onishi
24/02/74
70 不死身の指揮官 兜甲児!! Katsuhisa Yamada Susumu Sato

Haruo Fujimoto
Yasushi Hirakawa

Atsuko Shimazaki
Masahiro Yoshida
31/03/74
71 危機突破!! 新パイルダーGO!!
Un Nuovo Pilder per Mazinga Z
Koichi Sasaki Hidemi Kubo
Yasushi Hirakawa, Noriko Sugiura 
Minoru Kibata
Masayo Haruoka
Haruko Onishi
07/04/74
76 世紀の恋人 ダイアナンA! Katsuhisa Yamada Hidemi Kubo
Yasushi Hirakawa, Noriko Sugiura
Yoshinori Kanemori, Hiroshi Oikawa
Mayoko Kanno, Mitsuko Nagai
Masahiro Yoshida
12/05/74
82 悪魔の手に渡った マジンガーZ Katsuhisa Yamada Hidemi Kubo
Yasushi Hirakawa, Noriko Sugiura
Yoshinori Kanemori, Hiroshi Oikawa

Mayoko Kanno, Mitsuko Nagai
Masahiro Yoshida

23/06/74
84 深海はマジンガーZ の 墓場だ!! Koichi Sasaki Hidemi Kubo
Yasushi Hirakawa
Haruko Onishi, Mitsuko Nagai
Masahiro Yoshida
07/07/74
87 爆死!! 恐怖のピグマン子爵!!
Il Terrore del Marchese Pigman
Katsuhisa Yamada Hidemi Kubo
Hiroshi Oikawa
Noriko Sasaki
Atsuko Shimazaki, Fumiko Kawada Masayo Haruoka
28/07/74
89 待ったなし!! 驚異の地底4,000M!!
Il Mostro Sotterraneo
Tsunekiyo Otani Hidemi Kubo
Yasushi Hirakawa, Noriko Sugiura
Yoshinori Kanemori, Hiroshi Oikawa
Haruko Onishi, Mitsuko Nagai
Masahiro Yoshida
11/08/74
 

20.000 LEAGUES UNDER THE SEA è parte della famosa serie intitolata THE FESTIVAL OF FAMILY CLASSICS.

La prima parte è stata trasmessa il 1 ottobre del 1972. L'animazione è stata affidata alle mani di Susumu Shiraume.

L'anno seguente, col fallimento della Mushi Production e con la temporanea sospensione degli impegni con l'estero da parte della Toei Doga, la Topcraft rimane l'unica unità produttiva al servizio della società di Arthur Rankin Jr. e Jules Bass. Tuttavia, nel biennio 73/74, dall'America non arrivano sceneggiature e lo studio, che non può permettersi di rimanere inattivo, prende diverse commesse dalla connazionale Eiken (curando vari episodi di alcune serie sconosciute in Italia). Per la Rankin/Bass era stato solamente realizzato un film-pilota di un mai trasmesso seguito di 20.000 LEAGUES UNDER THE SEA. Lo storico giapponese Yoko Gomi, afferma inoltre che la Topcraft ha completato 3 episodi della serie TV JACKSON 5IVE (la quale era stata in gran parte subappaltata nel Regno Unito alla blasonata Halas&Batchelor). Finalmente nel dicembre del 1974 arriva la commessa per un cortometraggio a sfondo natalizio, dal titolo TWAS' THE NIGHT BEFORE CHRISTMAS e scritto da Jerome Coopersmith. I disegni chiave sono stati realizzati da Hiroshi Oikawa, Yoshinori Kanemori e Katsumi Aoshima mentre lo storyboard è stato preparato da Keiji Hisaoka. Dopo aver contribuito marginalmente alle animazioni di alcune puntate di KAGAKU NINJATAI GATCHAMAN per conto della Tatsunoko, lo studio realizza su sceneggiatura di Julian P. Gardner uno special di 24 minuti intitolato THE FIRST EASTER RABBIT, trasmesso dalla rete televisiva NBC nel 1975. I fondali sono di Minoru Nishida che ricopre anche il ruolo di direttore artistico.

WILLIE MAYS è stato il primo special ad essere trasmesso dalla ABC. L'animazione è curata da Hiroshi Wagatsuma.

THE FIRST EASTER RABBIT è stato creato dal cartoonist Paul Coker Jr. Lo storyboard porta la firma del veterano Keiji Hisaoka.

Il pupazzo di neve Frosty, protagonista del successivo WINTER WONDERLAND, comparve per la prima volta nel 1969 in FROSTY THE SNOWMAN, anch'esso commissionato in Giappone e piú precisamente alla Mushi Productions di Osamu Tezuka. Questo ennesimo seguito viene creato dal cartoonist Paul Coker Jr. e Tsuguyuki Kubo. Lo special è animato da Hidemi Kubo, Tadakatsu Yoshida e Yoshiko Sasaki con un importante contributo di Susumu Shiraume. L'animazione di questi tre special per la TV viene curata dal giovane e valente Kazuyuki Kobayashi, promosso a supervisore dei disegni dopo solo due anni (quando di norma ne occorrono  almeno cinque). Kazuyuki Kobayashi nasce nel 1948 e esordisce nel ruolo di intercalatore nella serie televisiva KID POWER. Data la bravura viene promosso in quello di disegnatore chiave in MAZINGER Z. Fino al 2009 ha mentenuto l'impiego presso lo Studio Gallop. Hidemi Kubo, fratello del noto Tsuguyuki, ha inoltre curato la supervisione dei disegni in due tra le piú note serie della Tatsunoko, TIME BOKAN e PAUL NO MIRACLE DAISAKUSEN. Alla realizzazione di quest'ultima serie vi hanno preso parte Fumiko Kawada, Yoshiko Sasaki e il veterano Minoru Kibata. Ancora del 1975 è la co-produzione nippo-tedesca MITSUBACHI MAYA NO BOKEN della neo-costituita Zuiyo-Eizo. La Topcraft firma un numero imprecisato di episodi con i disegnatori Yasushi Hirakawa, Yoshinori Kanemori e Hiroshi Oikawa.

Lista degli episodi di TIME BOKAN realizzati alla Topcraft

#

Titolo Originale

Regia Supervisione disegni

Disegni chiave e Intercalazioni

Fondali

 
3
恐怖の魔女狩り
Caccia alle streghe
Koichi Sasaki Hidemi Kubo
Fumiko Kawada
Yoshiko Sasaki
Hidetoshi Kaneko
Youko Tahara
18/10/75
8
大登場!ジンギスカン
Gengis Khan
Katsuhisa Yamada Hidemi Kubo
Fumiko Kawada
Yoshiko Sasaki
Hidetoshi Kaneko
Youko Tahara
--
24
牛若丸と弁慶の大決闘
Koichi Sasaki Hidemi Kubo
Masahiro Yoshida
Yoshiko Sasaki
Hidetoshi Kaneko
Youko Tahara
--
28
ジャックと豆の木大騒動
Katsuhisa Yamada Hidemi Kubo
Fumiko Kawada
Yoshiko Sasaki
Hidetoshi Kaneko
Youko Tahara
--
31
夢みるシンデレラ姫
Koichi Sasaki Hidemi Kubo

Masahiro Yoshida
Yoshiko Sasaki

Hidetoshi Kaneko
Youko Tahara
--
34
突撃!ヤマタのオロチ
Katsuhisa Yamada Hidemi Kubo
Masayo Hanaoka
Teruyo Shimamura
Hidetoshi Kaneko
Youko Tahara
--
37 王様は裸 Koichi Sasaki Hidemi Kubo
Masayo Hanaoka
Teruyo Shimamura
Hidetoshi Kaneko
Youko Tahara
--
42
アパッチ谷の秘密
Koichi Sasaki Hidemi Kubo
Yukie Takahashi
Kiyomi Kato
Hidetoshi Kaneko
Youko Tahara
--
 

 

In Giappone è stata trasmessa un'altra serie televisiva prodotta dallo Studio Pierrot nel 1999. Il titolo destinato ai mercati occidentali è BARBAPAPÀ AROUND  THE WORLD.

Gli stravaganti personaggi di DR. SNUGGLES sono stati creati dallo scrittore inglese Jeffery O' Kelly. I restanti sei episodi sono stati realizzati in Corea dalla Depatie-Freleng Enterprise.

Il 1977 si apre guardando al mercato europeo: Annette Tison e Talus Taylor preparano le sceneggiature per i nuovi episodi di BARBAPAPÀ, buffi esseri gommosi protagonisti di una serie animata famosa in Italia e persino in Giappone. Una delle prime a non portare il marchio di una major statunitense. Probabile che nessuno prima dell'uscita del libro "Anime" sia venuto a conoscenza che l'animazione è stata realizzata in Giappone e in particolare dalla Topcraft, la quale, per la prima volta dalla sua fondazione, lavora per una televisione olandese. Gran parte dei numerosi episodi  sono stati diretti da Katsuhisa Yamada e Koichi Sasaki. La K&S, piccola agenzia creativa attiva negli anni settanta, acquistava i diritti di personaggi europei per realizzarne serie TV di facile esportazione. Anche CALIMERO di Pagot era stato prodotto dalla K&S (in collaborazione con Toei) a tale scopo e trasmesso in Giappone solo qualche mese dopo. Il primo blocco di puntate di BARBAPAPÀ, in parte realizzato presso gli studi della Tama Productions, era stato venduto alla co-produttrice Polyscope BV e trasmesso in Francia da TF1 nel 1974 in 45 episodi di 5 minuti. Solo nel 1977, spinta dal successo dei relativi libri a fumetti, Tokio12-Channel (oggi TV-Tokio) acquista la serie dalla K&S e ne commissiona alla Topcraft una seconda stagione formata da un centinaio di episodi (con la supervsione della Polyscope BV e il supporto finanziario della Frank Fehmers Productions). In una recente intervista a Cartoon on the Bay, l'autore conferma che la intera fase di pre-produzione fu effettuata in Francia e che solo una parte degli episodi della seconda serie sono stati trasmessi perché i rimanenti avrebbero avuto una qualità mediocre. NNgallery riporta che Chew Kiat Lim ha scritto alcuni storyboard tra il 1975 e il 1976. La conferma della messa in onda nel 1977/78 la si trova nel sito Japan TV Anime History. Si conosce ben poco sullo staff di DOCTOR SNUGGLES, un'altra serie televisiva di 13 episodi di origine olandese. Ad eccezione del fatto che Tsuguyuki Kubo ha curato la supervisione dei disegni e parte degli storyboard. Qui sotto una selezione degli episodi di BARBAPAPÀ realizzati presso la Topcraft.

Titolo Giapponese Titolo Francese Titolo Olandese Titolo Italiano
バーバブラボーのモーターカー #50 L'AUTO S2#17 DE AUTORACE #66 L'AUTO #67
バーバ一家のサーカス #52 LE CIRQUE S2#06 HET CIRCUS #50 IL CIRCO #51
草競馬 #53 LA COURSE DE CHEVAUX S2#45 DE PAARDENRACE #74 LA CORSA IPPICA # 95
ベビーフード #55 LE REPAS DE BEBE' S2#05 DE BABY ETEN GEVEN #49 IL PRANZO DI BEBE #50
バーバパパのメキシコ旅行 #57 MEXIQUE S2#03 MEXICO #58 IL MESSICO #48
バーバ一家の風船旅行 #63 EN MONGOLFIERE S2#47 DE LUCHTBALLON #76 LA MONGOLFIERA #97
鯨を助けよう #65 SAUVONS LES BALEINES S2#13 ------------------------------------ SALVIAMO LE BALENE #62
ロボット洗たく機 #76 LE ROBOT VALET DE CHAMBRE #? DE ROBOT #82 IL ROBOT #60
バーバパパ西部の決闘 #78 BATAILLE DE SALOON S2#14 GEVECHT IN DE SALOON #55 DUELLO DI SPARI #64
ブタの郵便屋 #82 LE FACTEUR S2#08 DE POSTBODE #52 IL POSTINO #53
ふしぎな動物たち #88 LES ANIMAUX MYSTERIEUX S2#10 DE GEHEIMZINNIGE DIEREN #54 GLI ANIMALI MISTERIOSI #55
バーバパパの音楽学校 #91 ECOLE DE MUSIQUE S2#25 DE MUZIEKSCHOOL  #68 SCUOLA DI MUSICA #65
行方不明のバーバパパ #93 ---------------------------------- DE VERDWIJNING VAN BARBAPAPA #62 LA SCOMPARSA DI BARBAPAPA' #70
犬の品評会 #97 L'EXPOSITION CANINE S2#22 DE HONDENTENTOONSTELLING #63 LA MOSRA CANINA #87
渡り鳥のバーバズー #99 L'OISEU MIGRATEUR S2#41 DE TREKVOGEL #73 L'UCCELLO MIGRATORE #91
バーバパパの野外学校 #115 ECOLE EN PLEIN AIR S2#21 ------------------------------------ LA SCUOLA ALL'ARIA APERTA #71
バーバパパの劇場 #119 LE THEÂTRE S2#36 HET THEATER #69 IL TEATRO #86
恐竜が現われた #126 LE DINOSAURE S2#19 DE DINOSAURUS #60 IL DINOSAURO #69
ミュージカルコメディ #128 LA COMÉDIE MUSICALE S2#34 DE MUSICAL #92 LA COMMEDIA MUSICALE #84
ジャングルのミステリー #129 MYSTÈRE DE LA JUNGLE S2#38 HET GEHEIM VAN DE JUNGLE #80 MISTERO DELLA GIUNGLA #88
バーバピカリの魔術師 #133 LE MAGICIEN S2#33 DE TOVENAAR #67 IL MAGO #83
バーバパパの庭園 #142 LE JARDIN S2#40 DE TUIN #72 IL GIARDINO #90
バーバパパの日本旅行 #149 VISITE AU JAPON S2#39 BEZOEK AAN JAPAN #71 VISITA IN GIAPPONE #89
パンダの先生 #152 PROFESSEUR PANDA S2#28 PROFESSOR PANDA #65 PROFESSORE PANDA #78
 

 

Romeo Muller

Minoru Nishida

Dall'Olanda verso l'Inghilterra. A quarant'anni dalla pubblicazione di THE HOBBIT di J.R.R. Tolkien (in cui si raccontano le vicende di Bilbo e Gandalf) i produttori americani mettono in cantiere la sua trasposizione animata e allo studio diretto da Toru Hara vengono visionate le opere di Arthur Rackham, famoso artista specializzato nel creare illustrazioni fantasy. Grazie all'esperienza di Tsuguyuki Kubo, già supervisore dell'animazione in KID POWER, il film in questione vanta quasi un'ora e mezza di ottima animazione (circa 40.000 disegni). I fondali, curati a regola d'arte, sono opera di Kazuko Itoh e Hidetoshi Kaneko sotto la supervisione di Minoru Nishida, mentre sceneggiatura e regia sono affidate rispettivamente a Romeo Muller e Katsuhisa Yamada. Il film, premiato a suo tempo con il noto Christopher Award, è la prima riduzione televisiva in assoluto del libro scritto da Tolkien. Vera e propria perla è il cofanetto, editato a suo tempo dalla Disney Records, contenente il soundtrack del film: la presenza di un libro e un bellissimo poster, hanno contribuito non poco al progressivo aumento di valore in ambito collezionistico.  Sempre nel 1977 la Topcraft fu nuovamente di aiuto alla Tatsunoko, la quale era stata coinvolta in una coproduzione con la francese Procidis. Durante questa collaborazione, Tomoko Kida, lascia la Tatsunoko. Data la mole di lavoro vengono assunti nuovi giovani, tra i quali Hidekazu Ohara. Dopo la dissoluzione dello studio, però, le sue apparizioni nell'animazione televisiva diventeranno sempre più rare, e in seguito la abbandonerà definitivamente per intraprende la carriera di regista di spot commerciali.

Grazie a THE HOBBIT, Arthur Rankin e Jules Bass hanno ricevuto un Peabody Award. E' stato lo special piú premiato tra quelli prodotti dalla Rankin/Bass.

Viene trasmesso per la prima volta nel novembre 1977. Attraverso questo lavoro la Rankin/Bass si era conquistata l'attenzione di un pubblico adulto.

THE LORD OF THE RINGS è il titolo del film uscito l'anno seguente, il quale narra dei fatti accaduti nel primo libro della trilogia scritta da J.R.R.Tolkien. La direzione di questo lungometraggio porta la firma di Ralph Bakshi, uno dei pochi registi americani a credere nell'animazione per adulti. L'adattamento di Peter S. Beagle risulta fedele all'originale e la direzione artistica degna di nota. Ciò che ha fatto storcere il naso ai fan dell'animazione è stato l'utilizzo di parti dal vero, quasi inesistente nella prima parte ed eccessivo nella seconda (dove i soldati a cavallo sono tutte comparse in carne ed ossa). Una scelta probabilmente dovuta alla scarsa esperienza dello staff non abituato a film di così lunga durata, oppure alla mancanza di tempo a disposizione. Quest'ultimo sembra il motivo più valido, infatti la pellicola risulta incompleta terminando nel bel mezzo di una battaglia e mancando della parte conclusiva della storia. A questa carenza la Rankin/Bass Production supplisce nel 1979 con THE RETURN OF THE KING, bellissimo lungometraggio di 90 minuti realizzato dallo staff di THE HOBBIT. Il film inizia con la cattura di Frodo, ripercorrendo e concludendo la vicenda lasciata in sospeso da Bakshi. Il disegno dei personaggi, riprende quello modellato da Lester Abrams e Tsuguyuki Kubo due anni prima, senza tenere minimamente conto dei disegni di THE LORD OF THE RINGS e facendo emergere in questo modo una sorta di rivalità tra le due case di produzione.

THE RETURN OF THE KING è stato trasmesso nel maggio 1980 dalla NBC, ma era stato ultimato nel 1979.

THE RETURN OF THE KING è riuscito a catturare tutte le magiche atmosfere dell'opera originale di Tolkien.

Alcune recensioni bollano i titoli della Rankin/Bass come infantili e poco curati, non considerando che sono stati prodotti per la televisione con un budget ridotto rispetto a quello di un film per il grande schermo. Va detto che anche nei film di Bakshi il tedioso, quanto costoso, processo di colorazione era stato in parte realizzato dai famigerati service coreani. THE HOBBIT e THE RETURN OF THE KING sono stati recentemente rieditati negli U.S.A. dalla Warner Bros, ma in Europa rimangono purtroppo ancora inediti nonostante l'enorme popolarità dei romanzi tolkieniani. Nell'arco di tempo intercorso fra la lavorazione di questi due titoli, lo studio, porta a termine una versione animata del Christmas Carol di Charles Dickens, intitolata THE STINGIEST MAN IN TOWN, e sceneggiata da Romeo Muller. In questa riduzione del famoso libro, trasmessa a suo tempo anche in Giappone, Yoshiko Sasaki, Fumiko Kawada e Masahiro Yoshida assumono il ruolo di disegnatori chiave e Kazuko Itoh, sulle precise indicazioni di Kazusuke Yoshihara, riveste la carica di direttore artistico.

 

Una foto del reparto intercalazioni della Topcraft.

A seguito di questi lavori, la ITC Film di Londra (in cooperazione con la Rankin/Bass), decide di scegliere lo studio giapponese per realizzare un lungometraggio intitolato THE LAST UNICORN, tratto da un racconto di Peter S. Beagle. Quest'ultimo firma la sceneggiatura e parte dello storyboard assieme al regista Katsuhisa Yamada. Il film è stato uno dei pochi tra quelli prodotti dalla Rankin/Bass ad essere destinato alla distribuzione nelle sale. La lavorazione era iniziata nel giugno del 1980 e terminata nell'ottobre del 1981, in tempo per il doppiaggio e per non mancare all'apputamento natalizio. Il film ha il pregio di essere stato realizzato con ben 75.000 rodovetri, il numero piú alto mai conseguito per un film di Arthur Rankin Jr. (se si ipotizza che circa venti animatori vi hanno lavorato per tale periodo, è facile calcolare che ognuno di loro abbia dovuto compiere almeno dieci disegni al giorno). L'animazione, di qualità superiore rispetto ai precedenti film, è diretta ancora una volta da Tsuguyuki Kubo. Le scenografie, curate in ogni minimo dettaglio, sono create da Minoru Nishida, Kazusuke Yoshihara e Mitsuo Iwazaki ed arricchite dagli splendidi colori concepiti da Fukuo Suzuki. Le numerose sequenze che compongono questa pietra miliare del fantasy-animato, sono disegnate tra gli altri da Hidemi Kubo e Tadakatsu Yoshida, e riprese dall'abile Hiroyasu Omoto coadiuvato dal giovane Koji Shiragami.

Le canzoni di THE LAST UNICORN sono state scritte da Jimmy Webb.

Don Duga e Tsuguyuki Kubo hanno realizzato alcune sequenze aggiuntive per lo storyboard.

Oltre alla tecnica impeccabile, THE LAST UNICORN si è avvalso di interpreti della levatura di Mia Farrow e Christopher Lee. Mai distribuito nei cinema italiani è apparso in sordina solo alla fine del 2004 su alcuni canali privati. Durante il periodo natalizio viene regolarmente trasmesso con il titolo DAS LETZTE EHINORN dalla tedesca RTL2, la quale ha permesso a molti di ammirare la splendida sequenza a opera di Kazuyuki Kobayashi nella quale migliaia di unicorni prendono vita dalle onde del mare. Un'ultima curiosità: Christopher Lee ha partecipato anche nel doppiaggio della versione teutonica. Una nuova versione in CGI era stata annunciata per la primavera 2003, ma non era una produzione della Rankin/Bass. Internet Movie Database ha cancellato la pagina, dal momento che non poteva provare che il film fosse in fase di realizzazione. THE WIZARD OF OZ è un anime prodotto nel 1981 diretto dall'esordiente Fumihiko Takayama, basato sui racconti di L. Frank Baum e prodotto da Yoshimitsu Banno e Katsumi Ueno per la Toho. Lo staff della Topcraft ha realizzato gran parte dei disegni chiave e delle animazioni. Nel 1982 è stato distribuito negli Stati Uniti dalla Paramount Pictures: questo film ha goduto di un doppiaggio giapponese solo nel 1986. Fumihiko Takayama (classe 1953) inizia la carriera come operatore di ripresa negli episodi 24 e 29 di SHIN LUPIN SANSEI

THE FLIGHT OF DRAGONS è stato trasmesso dalla ABC solo nel 1986. Jeffrey Walker ha scritto una piccola parte della sceneggiatura.

Il bravo attore Jonh Ritter ha dato voce al protagonista del film, mentre il noto Don McLean ha cantato la sigla d'apertura.

L'ultima coproduzione con la Rankin/Bass e l'unica pellicola ad essere giunta in Italia è basata sull'omonimo libro di Peter Dickinson dal titolo THE FLIGHT OF DRAGONS. Una storia fortemente ecologista ma allo stesso tempo interessante e ben sceneggiata. Come da copione l'adattamento è di Romeo Muller, mentre storyboard e regia portano i nomi di Katsuhisa Yamada e del giovane Fumihiko Takayama. L'animazione è diretta da Tsuguyuki Kubo con la realizzazione dei disegni chiave affidata questa volta ad alcuni neo-assunti, tra i quali Mitsuru Hosoya, Toshio Kaneko e Mariko Aizawa. Takashi Watanabe, per la prima volta nella sua carriera, viene promosso a disegnatore. 

Kazuyuki Kobayashi

Le ambientazioni sono realizzate da Mitsuo Iwazaki e Minoru Nishida sulla base dei disegni abbozzati da Kazusuke Yoshihara, il quale crea alcuni dei migliori fondali mai visti in un film d'animazione e decisamente ispirati all'arte "Naìf". Per il design dei draghi, Tadakatsu Yoshida e Hidemi Kubo, affiancati questa volta dal veterano Susumu Shiraume, si sono rifatti direttamente alle tavole di Wayne Anderson, l'illustratore del libro (alcuni suoi lavori sono stati pubblicati nel secondo volume della collana Miti e Leggende, edita dalla Hobby & Work). Colonna sonora e sigla d'apertura sono opera del musicista Maury Laws che collabora con la Rankin/Bass dagli anni sessanta. Il 1982 vede lo studio di Toru Hara impegnato anche in 2 serie TV per il mercato nipponico. La prima è il seguito (mai trasmesso) di YOKAI NINGEN BEM, per la quale vengono completati solo due episodi. La seconda, KOJIKA MONOGATARI, è la trasposizione animata del film "The Yearling", la quale vede i disegni chiave firmati da Tadakatsu Yoshida, Mitsuru Hosoya e Yoshiko Sasaki. Verso la fine di quello stesso anno, la Topcraft realizza inoltre l'episodio 45 di JERINKO CHIE. Regia e supervisione dei disegni sono rispettivamente curate da Katsuhisa Yamada e Kazuyuki Kobayashi. Di fatto, questa non è stata la prima collaborazione con la TMS, dal momento che la Topcraft si era già occupata in precedenza di SHIN LUPIN SANSEI. In seguito, Tsuguyuki Kubo realizza il layout generale per THE CONEHEADS, ennesimo special televisivo prodotto dalla Rankin/Bass. Rimane ancora oggi ignoto il nome dello studio che lo ha realizzato. Voci non confermate, tra le quali Wikipedia, affermano che EASTER FEVER della Nelvana è stato realizzato dalla Topcraft.

Lista degli episodi di SHIN LUPIN SANSEI realizzati alla Topcraft

#

Titolo originale

Storyboard

Disegni Chiave

Intercalazioni

 
24

怪盗ねずみ小僧 現わる
Il Maestro

 
Kazuyuki Kobayashi, Fumiko Kawada
Tsukasa Tannai (Oh! Prod)
Toshio Kaneko, Mariko Aizawa
Hidekazu Ohara
03/20/78
109

ルパン 史上 最大の苦戦
L'Eredita' del Maestro

 
Kazuyuki Kobayashi, Hidemi Kubo
Yoshiko Sasaki, Masahiro Yoshida
Kiyoko Saito, Tamae Kuramochi
11/12/79
114

迷画 最初の晩餐の秘密

Katsuhisa Yamada
Kazuyuki Kobayashi, Masahiro Yoshida
Yukio Sakada, Toshio Kaneko
Kunitoshi Ishii, Yumiko Taguchi
Yukie Takahashi
12/17/79
119

ルパンを 殺したルパン
Lupin Contro Lupin

 
Hidemi Kubo, Hidekazu Ohara
Yoshiko Sasaki, Mitsuru Hosoya
Yoko Suzuki, Mariko Aizawa
Kiyomi Kato
01/21/80
122

珍発見 ナポレオンの財宝
Il Tesoro di Napoleone

Katsuhisa Yamada

Kazuyuki Kobayashi, Masahiro Yoshida
Yukio Sakada, Toshio Kaneko

Kiyoko Saito, Tamae Kuramochi
Takashi Watanabe
02/11/80
124

ポップコーンの旅
1999 Viaggio Popcorn

 
Hidemi Kubo, Tadakatsu Yoshida
Yukio Sakada, Mitsuru Hosoya
Yukie Takahashi, Kiyomi Kato
Yumiko Taguchi, Mariko Aizawa
02/25/80
128

老婆とルパンの泥棒合戦

 
Kazuyuki Kobayashi, Masahiro Yoshida
Yukio Sakada, Toshio Kaneko
Kiyoko Karida, Tamae Kuramochi
Yoko Suzuki
03/24/80
131

二人五右ヱ門 斬鉄剣の謎

 
Hidemi Kubo, Hidekazu Ohara
Yoshiko Sasaki, Mitsuru Hosoya
Yukie Takahashi, Kiyomi Kato
Yumiko Taguchi, Mariko Aizawa
04/14/80
134

ルパン逮捕 頂上作戦
Strategia dell'Accerchiamento

 
Kazuyuki Kobayashi, Masahiro Yoshida
Yukio Sakada, Toshio Kaneko
Mariko Aizawa, Kiyoko Karida
Takashi Watanabe
05/05/80
136

ゴールドバタフライの復讐
La Vendetta della Farfalla d'Oro

Katsuhisa Yamada
Hidemi Kubo, Hidekazu Ohara
Yoshiko Sasaki, Mitsuru Hosoya
Tamae Kuramochi, Yukie Takahashi
Kiyoko Saito, Yoko Suzuki
05/19/80
140

狼は走れ 豚は転がれ

Koichi Sasaki
Kazuyuki Kobayashi, Masahiro Yoshida
Yukio Sakada, Toshio Kaneko
Yumiko Taguchi, Kiyo Mizutani
Masako Terada
06/16/80
 

 

Hayao Miyazaki è nato a Tokio nel gennaio 1941. Ha esordito alla Toei Doga come animatore nelle serie OKAMI SHONEN KEN e MAHO TSUKAI SALLY.

Isao Takahata è nato il 10 ottobre 1935 nella prefettura di Miyagi. HEIDI e JERINKO CHIE sono solo alcune tra le numerose serie televisive da lui dirette.

Nel 1983 in un ufficio dirigenziale di Tokio, Hayao Miyazaki (classe 1941) e Isao Takahata (classe 1935) si scontrano con le richieste del presidente della TMS, il quale voleva che prendessero parte alla realizzazione di LITTLE NEMO, una coproduzione nippo-americana, durante la quale avrebbero dovuto sottostare alle idee dei finanziatori d'oltreoceano. Ai due registi nipponici, però, gli ordini dall'alto non erano mai piaciuti (vedi la fuga dalla Toei nel 1971) e tanto piú se, come in questo caso, arrivavano dall'estero. Miyazaki, dopo l'insuccesso commerciale di CAGLIOSTRO, era impiegato nell'insegnamento alle giovani leve presso la Telecom Animation Film (una sussidiaria della TMS). Destino vuole che anche l'altro progetto che lo vede impegnato, MEITANTEI HOLMES, viene bloccato a causa di mancanza di fondi da parte della RAI. Proprio per seguire questa serie televisiva, Miyazaki era stato costretto a interrompere NAUSICAÄ creando lo scontento presso i lettori di Animage. In seguito viene convinto dalla casa editrice Tokuma Shoten a realizzare un lungometraggio che segua la trama del manga da lui disegnato. Takahata, il produttore del film designato dallo stesso Miyazaki, ha il compito di selezionare una casa di produzione in grado di soddisfare la richiesta di circa due ore d'animazione per la primavera del 1984. In quel periodo le grosse società del calibro di Toei, Eiken, Ashi e Tatsunoko avevano abbassato notevolmente la qualità dei loro prodotti a favore della quantità (talmente elevata da richiedere manodopera nella vicina Corea). Erano sorti dal nulla decine di studi di animazione a Tokyo e dintorni, ma solo la TMS poteva contare sul know-how necessario. Tuttavia i recenti diverbi e i molti impegni con l'estero avevano portato immediatamente alla sua esclusione. Dopo avere visionato attentamente gli ultimi lavori della Topcraft, Takahata non ha piú dubbi. La compagnia guidata da Toru Hara poteva dimostrarsi la migliore nel ricreare le atmosfere fantasy nelle quali vi erano ambientate le vicende della principessa Nausicaä. Inoltre Toru Hara era stato il primo produttore a credere in Miyazaki quasi 15 anni addietro, aiutandolo ad uscire dall'anonimato. A quel tempo presso la Topcraft si era appena conclusa la fase di colorazione per alcune scene di un lungometraggio commissionatole dagli olandesi Toonder Studios ed era entrata in lavorazione la serie BUTTON NOSE per la Sanrio. Nel maggio dello stesso anno, quindi, Miyazaki lascia definitivamente la TMS e raggiunge la misconosciuta Topcraft e lì inizia a lavorare alla pellicola che verrà definita, da critica e pubblico, il suo capolavoro. Il messaggio del film e chiaramente contro la stupidità della guerra e allo stesso tempo ecologista. Akira Kurosawa ha detto: "NAUSICAÄ è stato il film che ha fatto conoscere Miyazaki al grande pubblico, e io lo rispetto profondamente". 

Una delle sequenze disegnate da Kazuyuki Kobayashi.

Questa scena porta la firma di Hidekazu Ohara

L'animazione di NAUSICAÄ viene curata da quel Kazuo Komatsubara che aveva progettato il film GOSHU IL VIOLENCELISTA, e da una ventina di disegnatori tra i quali Kazuyuki Kobayashi e Yoshinori Kanada, colui che ha curato le sequenze d'azione piú complesse del film. Isao Takahata aveva chiamato inoltre i veterani Yoichi Kotabe e Noboru Takano, oltre ad alcuni membri della Oh! Production (piú precisamente Toshitsugu Saida, Kitaro Kosaka e Tadashi Fukuda). Nello staff compaiono i nomi del 23enne disegnatore Hideaki Anno e del 20enne intercalatore Mahiro Maeda. Entrambi, il primo come regista e il secondo come meka-designer, realizzeranno una delle serie televisive piú amate del 1989, FUSIGI NO UMI NO NADIA per la Gainax. A tempo stesso Maeda continuerà la collaborazione con lo Studio Ghibli nel ruolo di disegnatore. La supervisione artistica è affidata a Mitsuki Nakamura, mentre la tavolozza dei colori, identica a quella di THE LAST UNICORN, porta la firma di Fukuo Suzuki. Prendono parte alla realizzazione anche Yoshiko Sasaki e Masahiro Yoshida. Tsuguyuki Kubo e una parte dello staff erano contemporaneamente impegnati nella lavorazione del lungometraggio di MACROSS su commissione della Tatsunoko Production. 

Questa parte del layout porta il nome di Tadakatsu Yoshida.

Grazie al fondamentale contributo di altri studi minori (su tutti Kusama Art e Doga Kobo), KAZE NO TANI NO NAUSICAÄ viene terminato a tempo di record e distribuito nel marzo del 1984. Il numero di fotogrammi usati, circa 56.000, è incredibilmente inferiore ai 75.000 di THE LAST UNICORN: il film prodotto dalla ITC, essendo destinato all'esigente pubblico americano, necessitava di un'animazione di alta qualità, mentre NAUSICAÄ, creato per il mercato nipponico, ha il suo punto di forza nelle spettacolari e sofisticate inquadrature (curate dal giovane Koji Shiragami). La full-animation richiede 24 disegni al secondo, troppi per la maggior parte dei produttori nipponici che ne usano solo 8 ripetuti tre volte nelle fasi di ripresa. Trasmesso in Italia dalla RAI sul finire degli anni ottanta, NAUSICAÄ ha goduto di un ottimo doppiaggio ma nello stesso tempo ha subito la mutilazione di alcune sequenze. Alla stesura della sceneggiatura partecipa inizialmente Kazunori Ito, ma nei credits finali il suo nome non compare, lasciando presagire una repentina fuga a causa di incomprensioni con il regista. Sebbene questo era stato il primo lungometraggio realizzato dallo studio di Toru Hara ad essere destinato al pubblico giapponese, ben presto i nomi dello staff erano diventati popolari presso i fan di anime e manga.

Tadakatsu Yoshida

Hidekazu Ohara

Nonostante la scarsa promozione, il film di Miyazaki aveva raggiunto ottimi risultati ai botteghini nipponici e inoltre ha ricevuto importanti premi e riconoscimenti in numerosi festival del cinema in patria e all'estero. Il merito di questo successo è da attribuire ad un valente redattore di Animage: Toshio Suzuki. Grazie alla popolarità del film anche il precedente THE LAST UNICORN aveva ottenuto la sua versione in giapponese, curata dalla CBS/FOX Home Video. 


Il compianto Jean Moebius Jiraud dichiarò: "Per completare LITTLE NEMO furono necessari ben 6 anni! Miyazaki realizzò NAUSICAÄ in soli 9 mesi!

 

KOALA BOY KOKKI non è una co-produzione, anche se il sito IMDb la cataloga tra quelle prodotte dalla canadese Cinar. Kazuo Okada è stato il direttore artistico in tutti gli episodi.

Nel 1985 erano stati completati gli ultimi episodi della serie BUTTON NOSE, prodotta dalla Sanrio Film (famosa per Hello Kitty) e destinata perlopiù a un pubblico infantile.

Nell'ottobre dello stesso anno entra in produzione una serie TV di 26 episodi dal titolo KOALA BOY KOKKI, diretta dal giovane Takashi Tanazawa (assistente di produzione in THE LAST UNICORN e aiuto regista in NAUSICAÄ). L'animazione, nonostante l'audience sia rivolta ad un pubblico infantile, risulta fluida e pulita grazie a Kazuyuki Kobayashi, Hidekazu Ohara e Masahiro Yoshida. Vi ha collaborato anche Katsuhisa Yamada, il quale è stato incaricato di realizzare alcuni storyboard (ekonte). Nel frattempo Miyazaki, ispirato dalle opere di Jonhatan Swift e spinto dalla Tokuma Shoten a realizzare un nuovo film, propone a quest'ultima il progetto di LAPUTA (nome dell'isola volante visitata da Gulliver). Terminata la serie con protagonista il piccolo koala, i dipendenti attendono la comunicazione (arrivata puntuale nel maggio 1985) del defintivo cambio di nome in Studio Ghibli (suggerito a Toru Hara da Miyazaki in persona). Per ironia della sorte, l'ultimo lavoro della Topcraft sarà l'episodio 24 di MEITANTEI HOLMES, serie ideata e abbandonata da Miyazaki nel 1983 e ripresa dalla sola TMS. Poco dopo, gran parte dello staff lascia la ditta, forse a causa della risaputa severità di Miyazaki o piú probabilmente per la drastica decisione di pagare lo stipendio in base al numero di disegni eseguiti. Corsi e ricorsi della storia: era stato proprio per questo motivo che molti animatori, 13 anni prima, avevano lasciato la Toei Doga per formare nuovi studi. Katsuhisa Yamada dopo saltuarie collaborazioni si stabilirà alla Madhouse, dove ha diretto alcuni episodi di RECORD OF LODOSS WAR. Seppur per breve tempo, nelle file della Topcraft hanno militato altri nomi noti dell'animazione come Keiji Hisaoka, Katsumi Aoshima e Yoshinori Kanemori. Hisaoka ha realizzato lo storyboard per THE HOBBIT e relativo seguito. Lascia la Topcraft e riprende la carriera di regista alla Toei Doga. Nel 1976 Aoshima e Kanemori abbandonano per fondare il loro proprio studio. In seguito, Yamada e Kanemori hanno curato rispettivamente regia e supervisione della serie PIRATES OF DARK WATER, una produzione Hanna & Barbera realizzata in buona parte dalla Madhouse.

 

Lista degli episodi di  BUTTON NOSE realizzati dalla Topcraft

#

Titolo giapponese

Regia Supervisione

Disegni Chiave

Intercalazioni

 
03 王様の初仕事 Takashi Tanazawa Kazuyuki Kobayashi
Masahiro Yoshida, Mitsuyo Yamada
Takashi Watanabe, Tomohiko Okubo
Yukie Takahashi, Kiyoko Saito
Kiyo Mizutani, Junko Yano
02/11/85
07 ぼく王様になりたいの Katsuhisa Yamada Hidekazu Ohara
Masahiro Yoshida, Mitsuyo Yamada
Takashi Watanabe, Tomohiko Okubo
Yukie Takahashi, Kiyoko Saito
Kiyo Mizutani, Junko Yano
30/11/85
08 百年目のお客さま Katsuhisa Yamada Hidekazu Ohara
Masahiro Yoshida, Mitsuyo Yamada
Takashi Watanabe, Tomohiko Okubo
Yukie Takahashi, Kiyoko Saito
Kiyo Mizutani, Junko Yano
07/12/85
10 アルバイトは大忙し Katsuhisa Yamada Hidekazu Ohara
Masahiro Yoshida, Mitsuyo Yamada
Takashi Watanabe, Tomohiko Okubo
Yukie Takahashi, Kiyoko Saito
Kiyo Mizutani, Junko Yano
21/12/85
12 チクタクボンの家出 Takashi Tanazawa Kazuyuki Kobayashi
Masahiro Yoshida, Mitsuyo Yamada
Takashi Watanabe, Tomohiko Okubo
Yukie Takahashi, Kiyoko Saito
Kiyo Mizutani, Junko Yano
11/01/86
13 竜にのろわれた村 Kozo Takagaki Hidekazu Ohara
Tadakatsu Yoshida, Yoshiko Sasaki
Mitsuru Hosoya
Yukie Takahashi, Kiyoko Saito
Kiyo Mizutani, Junko Yano
18/01/86
16 さよならキャプテン Katsuhisa Yamada Hidekazu Ohara
Tadakatsu Yoshida, Yoshiko Sasaki
Mitsuru Hosoya
Yukie Takahashi, Kiyoko Saito
Kiyo Mizutani, Junko Yano
08/02/86
17 ラリーは危機一髪 Takashi Tanazawa Kazuyuki Kobayashi
Masahiro Yoshida, Mitsuyo Yamada
Takashi Watanabe, Tomohiko Okubo
Yukie Takahashi, Kiyoko Saito
Kiyo Mizutani, Junko Yano
15/02/86
19 金色のたまご Takashi Tanazawa Kazuyuki Kobayashi
Masahiro Yoshida, Mitsuyo Yamada
Takashi Watanabe, Tomohiko Okubo
Yukie Takahashi, Kiyoko Saito
Kiyo Mizutani, Junko Yano
01/03/86
21 パーティーにご用心 Kozo Takagaki Hidekazu Ohara
Tadakatsu Yoshida, Yoshiko Sasaki
Mitsuru Hosoya
Yukie Takahashi, Kiyoko Saito
Kiyo Mizutani, Junko Yano
15/03/86
22 鉄仮面の騎士 Takashi Tanazawa Kazuyuki Kobayashi
Masahiro Yoshida, Mitsuyo Yamada
Takashi Watanabe, Tomohiko Okubo
Yukie Takahashi, Kiyoko Saito
Kiyo Mizutani, Junko Yano
22/03/86
24 森の妖精ボタン Kozo Takagaki Hidekazu Ohara
Tadakatsu Yoshida, Yoshiko Sasaki
Mitsuru Hosoya
Yukie Takahashi, Kiyoko Saito
Kiyo Mizutani, Junko Yano
05/04/86

 

Katsuhito Akiyama e Yukimatsu Ito hanno diretto lo sviluppo degli storyboard per THUNDERCATS. Questo porta la firma di Shigeru Ohmachi.

THUNDERCATS è stata trasmessa a partire dal gennaio 1985 e conta ben 125 episodi, alcuni dei quali completati in Sud Corea dalla Hanho Heung Up.

Tsuguyuki Kubo, Tadakatsu Yoshida e Minoru Nishida entrano nella Pacific Animation Corporation (PAC), lavorando sulla lunga serie dei THUNDERCATS, in parte realizzata in Corea del Sud. Quest'ultima è stata richiesta dalla LORIMAR-Telepictures a Arthur Rankin Jr. e Jules Bass, per i quali mantenevano una duratura amicizia. Kubo ha inoltre disegnato il layout per lo special THE WIND IN THE WILLOWS, realizzato interamente a Taiwan dal Cuckoo's Nest Studio.  La PAC era stata fondata da Masaki Iizuka nel 1985 per volere di Arthur Rankin e ceduta alla Disney nel 1989 dopo il ritiro dei due produttori americani. Iizuka, con un passato di animatore presso la Mushi, aveva curato gran parte dei loro film e serie TV come produttore associato. La PAC ha inoltre preso parte alla realizzazione della serie THE REAL ADVENTURES OF JONNY QUEST prodotta dalla Hanna & Barbera. L'ultima serie realizzata per la Rankin/Bass era stata COMIC STRIP, che conteneva quattro mini serie: TIGERSHARKS, MINI-MONSTERS, KARATE KAT (in collaborazione con E&G FILM) e STREET FROGS (la quale realizzazione è stata affidata a uno studio di Taiwan sotto la supervisione dello staff nipponico). Arthur Rankin ha detto: "L'animazione di THUNDERCATS venne prodotta dal nostro team in Giappone. Nel quale vi era a capo Masaki Iizuka, colui che partecipò come produttore associato in gran parte dei nostri precedenti lavori. Gli sono eternamente grato per l'elevata qualità che ci ha assicurato nel corso degli anni".

Miyazaki mentre corregge personalmente i disegni di LAPUTA.

TENKU NO SHIRO LAPUTA, primo film targato Ghibli, arriva comunque puntuale nell'agosto del 1986. Lo staff è in parte completamente rinnovato, dal direttore artistico Nizo Yamamoto, fino ad arrivare al supervisore dei disegni Tsukasa Tannai e passando per gli animatori Masaaki Endo e Masako Shinohara (tutti ex-dipendenti TMS). Tra le fila dei reduci di NAUSICAÄ spiccano i nomi di Koji Shiragami, Megumi Kagawa, Kazuyuki Kobayashi, e Mahiro Maeda. Naoshi Ozawa viene riconfermato come caporeparto del settore intercalazioni. A Yoshinori Kanada sono state affidate le scene d'azione più complesse. La Oh! Production presta il talento di validi artisti del calibro di Kitaro Kosaka, Tadashi Fukuda e Hirotsugu Kawasaki. Non solo i personaggi e parte della sceneggiatura ricordano la stupenda serie MIRAI SHONEN CONAN, il settaggio dei colori passa infatti nelle mani di Michiyo Yasuda, già collaboratrice di Miyazaki nella serie sopra citata. La scena finale nella quale Pazu sfida il malvagio Muska, è stata disegnata da Kazuhide Tomonaga. Tomonaga, dopo un passato nella Oh! Production, stava lavorando presso la Telecom al progetto più volte rimandato di LITTLE NEMO. Toshio Kawaguchi, Shinji Otsuka e Katsuya Kondo, giovani disegnatori pieni di talento, entrano a far parte dello studio a partire proprio da questa produzione. Sebbene ci fossero state le premesse per un nuovo successo, gli incassi furono modesti. Toru Hara stava puntando troppo nella sua politica commerciale fatta di "grandi costi, grandi rischi, grandi profitti" (e scarsa pubblicità). Sempre nel 1986 appare sui teleschermi nipponici la bella serie tv OZ NO MAHO TSUKAI, prodotta dalla Panmedia, che vede alternarsi ai disegni tutti i più famosi artisti della Topcraft, tra i quali Tadakatsu Yoshida, Shoetsu Hane, Tomohiko Okubo e il sempre valido Kazuyuki Kobayashi.

Nella realizzazione di LAPUTA sono stati coinvolti lo Studio Gallop, la Visual 80 e lo Studio Fantasia. 

Le bellissime canzoni del film sono state scritte dallo stesso Miyazaki, e composte da Joe Hisaishi.

Con il fondamentale (e annunciato) arrivo di Yoshifumi Kondo (artista della Nippon Animation), lo Studio Ghibli nel 1987 annuncia l'inzio della lavorazione di due lungometraggi prodotti, come NAUSICAÄ e LAPUTA, da Toru Hara. HOTARU NO HAKA, ambientato durante la seconda guerra mondiale, è stato distribuito nel mercato home video nostrano con il titolo UNA TOMBA PER LE LUCCIOLE, vincendo il granpremio al festival di Cartoombria. Diretto da Isao Takahata, vede il ritorno di Shoetsu Hane, Yoshiji Kigami e Hideaki Anno tra i disegnatori e la riconferma di Nizo Yamamoto nel ruolo di direttore artistico. Nello stesso anno, un pugno di artisti ormai già entrati nella sfera di collaboratori fissi di Ghibli, realizza i disegni chiave del superbo primo OAV di DEVILMAN. Infatti Tokyo Momonga non è altro che il nome del gruppo formato da Katsuya Kondo, Shinji Otsuka, Masaaki Endo e Toshio Kawaguchi. Se aggiungiamo anche la partecipazione di Michiyo Yasuda e Katsu Hisamura alla realizzazione degli sfondi, possiamo ufficialmente dire che questo OAV è stato opera dello studio di Miyazaki per almeno un buon 50%. Infine è bene ricordare che il regista Tsutomu Iida è stato assistente di Miyazaki in NAUSICAÄ.

HOTARU NO HAKA non è stato sovvenzionato dalla Tokuma, ma dalla concorrente Shinkosha. Il film conta circa 55.000 disegni. .

Hayao Miyazaki ha scritto personalmente il testo della sigla di coda, la quale è stata cantata dalla allora ventunenne Azumi Inoue.

Hayao Miyazaki scrive soggetto e sceneggiatura dell'altrettanto poetico TONARI NO TOTORO: una fiaba per grandi e piccini molto distante però dalle atmosfere drammatiche presenti nella pellicola del collega. Lo storyboard era già stato in parte completato nel 1980, ma i produttori della TMS lo avevano respinto, ritenendolo un probabile fiasco commerciale. Il film segna la fine della collaborazione di Tsukasa Tannai, dal momento che entrerà allo Studio Gallop assieme a Kazuyuki Kobayashi. Partecipano alla realizzazione dei fondali il direttore artistico Kazuo Oga, Hidetoshi Kaneko (che ritorna a lavorare per Toru Hara dopo THE HOBBIT e il trascurabile THE DRAGON THAT WASN'T) e la ormai affermata coppia formata da Toshiro Nozaki e Masaki Yoshizaki (già presente, con ottimi esiti, nei due precedenti film del regista). Editato dalla FOX nel mercato home video americano, col titolo MY NEIGHBOR TOTORO, aveva fatto sperare a molti appassionati sul possibile (ma mai avvenuto) arrivo in Europa dei lavori dell'autore giapponese. Il film è stato distribuito in Giappone dalla Toho, ma il successo è solo discreto e gli incassi coprono appena in parte i costi di produzione. I dirigenti della TMS avevano visto giusto. Questo è uno dei pochi film dello studio che non vede coinvolta la Oh! Production, i disegni aggiuntivi portano infatti il marchio Madhouse. La fluidità delle animazioni è garantita dagli abili intercalatori dello Studio Fantasia e della Anime ToroToro. Quest'ultima è stata fondata dal regista e animatore Yuki Kinoshita e sarà presente in tutti i prossimi film targati Ghibli.

 

 

Toshio Suzuki

Quando sembrava che l' avventura dello Studio Ghibli fosse giunta al capolinea, Toshio Suzuki  convince Miyazaki a realizzare un lungometraggio basato su un romanzo per l'infanzia di Eiko Kadono in cui si raccontano le avventure di una piccola apprendista strega al servizio di una società di consegne a domicilio. Miyazaki accetta e così MAJO NO TAKKYUBIN (KIKI'S DELIVERY SERVICE) diventa il successo definitivo, in quanto gli incassi superano di gran lunga quelli dei precedenti titoli nonostante il soggetto non sia di Hayao Miyazaki. Ancora una volta, il bravo Yoshinori Kanada (disegntore free-lance che, da NAUSICAÄ in poi, sarà presente in ogni film di Miyazaki), Shoetsu Hane e il co-supervisore dell'animazione Yoshifumi Kondo, impreziosiscono l'opera con sequenze da moviola, lanciando così lo Studio Ghibli nel firmamento delle maggiori case di produzione mondiali. Lo Studio Cockpit (fondato nel 1978 da un ex-produttore della Eiken), affianca per la prima volta Oh! Production, Anime ToroToro e Doga Kobo nella realizzazione di un film di Miyazaki. Dopo qualche mese dall'uscita della pellicola, Toshio Suzuki diventa il presidente dello studio, e buona parte dei suoi addetti, primi su tutti intercalatori e coloristi, vengono assunti con stipendio fisso mensile. Tutto questo grazie al cospicuo sostegno economico della casa editrice nipponica Tokuma Shoten. Solo i disegnatori avevano preferito rimanere free-lance, dal momento che lo ritenevano piú remunerativo dal punto di vista economico. D'ora in avanti un insucesso al botteghino avrebbe potuto essere fatale per Miyazaki e soci. Da questo momento inoltre, lo Studio Ghibli partecipa a produzioni su commissione di altre ditte, fra le quali, GIANT ROBOT, EVANGELION e il recente SPRIGGAN, dove nei credits compaiono i nomi di Mariko Suzuki, David Encinas e della nostra connazionale Alexandra Weirauch (entrata nel 1995 dopo una rigida selezione). Hiroko Minowa e Sachiko Sugino, come buona parte dei colleghi del reparto intercalazioni, hanno lavorato su molti titoli prodotti dalla Disney come POCAHONTAS 2 o THE TIGGER MOVIE (anche se il nome dello studio è stato omesso). Alexandra ha affermato in un intervista che lo studio ha lavorato anche su titoli come FUGISHI YUGI e FIRE EMBLEM.

Dopo il successo di MAJO NO TAKKYUBIN tutti i futuri film saranno distribuiti a luglio.

Il film vede l'unica collaborazione con il famoso direttore artistico Hiroshi Ono.

Il primo lungometraggio dell'era Suzuki è un rischioso adattamento di un manga, all'epoca, non molto famoso presso i lettori nipponici. Il coraggio del produttore, l'abile direzione del maestro Isao Takahata e i personaggi delineati da Yoshifumi Kondo conquistano però il cuore del pubblico. OMOIDE POROPORO diventa in questo modo il film giapponese piú visto del 1991. L'animazione è stata supervisionata dal sopra citato Yoshifumi Kondo assieme ad Yoshiharu Sato e al valente Katsuya Kondo (nessuna parentela con Yoshifumi). Hanno partecipato in qualità di animatori chiave Megumi Kagawa, Shoetsu Hane, Mahiro Maeda e Junko Ikeda (ognuno dei quali aveva lavorato in NAUSICAÄ). Direttamaente dal team esecutivo di LAPUTA vengono riconvocati anche Masako Shinohara, Masaaki Endo e Noriko Moritomo (la quale era stata una delle prime dipendenti a lasciare la Nippon Animation per raggiungere lo Studio Ghibli). Infine, nei credits, compare per la prima volta il nome di Masashi Ando, all'epoca intercalatore e succesivamente animatore chiave e supervisore dei disegni. Toru Hara, rimasto in veste di coordinatore dopo l'arrivo di Toshio Suzuki, si dimette dopo circa sette anni di permanenza, perché riteneva che i costi di gestione della nuova struttura fossero troppo elevati. Un altro film che avrebbe potuto essere scambiato per una produzione Ghibli è stato KUMO NO YONI, KAZE NO YONI. Ma questo è dato dal fatto che Katsuya Kondo ne ha realizzato il character design.

OMOIDE POROPORO vanta la bellezza di 74.000 disegni, più di ogni altro film precedentemente prodotto dallo studio.

Parte del merito va anche al direttore artistico Kazuo Oga. A soli 23 anni diventa l'assistente del grande Shichiro Kobayashi

Hayao Miyazaki, da sempre appassionato di volo e con un buon ricordo dei paesaggi incontrati in Italia (in uno dei suoi viaggi all'estero), vi ambienta in quest'ultimi i personaggi della sua nuova opera: KURENAI NO BUTA (PORCO ROSSO). La storia si svolge durante gli anni venti e narra delle vicende di un pilota sfigurato avente le sembianze di un maiale; a detta dello stesso regista "un progetto personale e alquanto poco commerciale". La colonna sonora è composta da Jo Hisaishi (noto in Italia per L'ESTATE DI KIKUJIRO), collaboratore della NHK-TV e autore preferito da Miyazaki, il quale lo ha voluto in tutti i suoi film per il grande schermo. Distribuito nel luglio del 92, non solo polverizza gli incassi di MAJO NO TAKKYUBIN, ma si piazza al primo posto della classifica dei film piú visti dell'anno (lasciandosi alle spalle titoli di cassetta come ALIEN 3 e HOOK). Miyazaki ha saputo assemblare uno staff eccezionale che comprende tutti i talenti dello studio, tra cui Yoshifumi Kondo, Yoshiharu Sato, Yoshinori Kanada, Mahiro Maeda, Masaaki Endo, Masako Shinohara e Noriko Moritomo. Lo Studio Takuranke (costituito nel 1987 da un ex-produttore della Sunrise) va ad aggiungersi alla lista di case di produzione che forniscono assistenza allo studio diretto da Toshio Suzuki.

PORCO ROSSO è stato concepito come un video promozionale per la JAL.

Tokiko Kato ha scritto e interpretato la canzone di chiusura.

Subito dopo la post-produzione di questo lungometraggio e per volere di Miyazaki, lo Studio Ghibli, si trasferisce a Koganei, un sobborgo residenziale di Tokyo: uno dei pochi rimasti a disporre di numerose aree verdi (fino a quel momento era stato utilizzato il vecchio e ormai inadeguato stabile situato nel congestionato distretto di Kichijoji). L'atmosfera per questo nuovo successo al botteghino viene purtroppo funestata dalla notizia della morte di Yasuji Mori. Mori era stato uno dei fondatori della Nippon Eigasha (oggi Toei Animation) e aveva cresciuto molti animatori che hanno lavorato per lo Studio Ghibli, fra i quali anche Hayao Miyazaki. Dopo questo film Yoshiharu Sato raggiungerà nuovamente la Nippon Animation, all'interno della quale si era sviluppato l'inconfondibile tratto di Miyazaki, che è stato uno dei punti di forza di quella casa di produzione per oltre 20 anni.

Nella realizzazione di POMPOKO sono state usate alcune parti in CGI.

Alla fine del 1993, UMI GA KIKOERU è stato distribuito nei cinema.

Il primo (e ad oggi l'unico) special per la televisione, UMI GA KIKOERU, viene realizzato nel 1993, prendendo come soggetto un romanzo pubblicato dalla Tokuma Shoten. La direzione è affidata a un free-lance di nome Tomomi Mochizuki (legato alla Asiado Prod.) con i personaggi caratterizzati ancora una volta dal bravo Katsuya Kondo, che in questa circostanza veste anche il ruolo di supervisore dei disegni. Partecipano all'animazione gli esperti disegnatori Masaaki Endo e Masako Shinohara, con al seguito numerosi giovani cresciuti all'interno della struttura fondata nel 1985, tra cui Takeshi Inamura e Masashi Ando. Inoltre, in questo momento il nome dello studio non viene associato a quello di Hayao Miyazaki o Isao Takahata, entrambi impegnati sul progetto del prossimo film destinato al circuito cinematografico. Il ritorno di Isao Takahata alla regia arriva il 16 luglio 1994 con un lungometraggio di ben due ore, dal titolo HEISEI TANUKI GASSEN PONPOKO. I temi trattati, da sempre molto cari ai due autori (dieci anni prima NAUSICAÄ riceveva un premio dal WWF), sono ecologia e urbanizzazione selvaggia, quest'ultimo un problema molto sentito in Giappone. La supervisione artistica porta la firma di Kazuo Oga, uno degli artisti piú apprezzati per quanto riguarda le scenografie, mentre la direzione dell'animazione è assegnata al team che in precedenza si era occupato di KURENAI NO BUTA: Megumi Kagawa e Toshio Kawaguchi (entrato nello studio in veste di autore del layout per la sigla iniziale di LAPUTA). Finalmente anche per il giovane Takehiro Noda arriva la promozione a disegnatore chiave. Noda aveva realizzato le intercalazioni in alcuni precedenti film. Per l'ennesima volta, la pellicola prodotta da Toshio Suzuki, risulta essere la piú vista tra tutte quelle di origine nipponica, superando persino un capolavoro come SCHINDLER'S LIST e il discusso THE LION KING. Parte del meritato successo va al supporto di due tra i piú abili disegnatori della Telecom, Kazuhide Tomonaga e Nobuo Tomizawa (i quali fondato quello studio assieme a al noto Yasuo Otsuka).

La canzone di apertura di MIMI O SUMESEBA è una versione di Country Road di John Denver cantata da Yoko Honna.

Oltre a ON YOUR MARK lo Studio Ghibli ha prodotto alcuni spot pubblicitari per la rete televisiva NTV.

L'anno seguente, assieme al lungometraggio MIMI O SUMESEBA, arriva l'esordio nel ruolo di regista per l'esperto character designer Yoshifumi Kondo. Il soggetto del film, dal quale Hayao Miyazaki ricava la sceneggiatura, proviene da un manga di Hirogi Aoi pubblicato dalla casa editrice Shueisha. La direzione artistica è affidata al 32enne Satoshi Kuroda, dipendente stipendiato dello studio a partire dal 1991, ma già nello staff addetto alla creazione dei fondali in MAJO NO TAKKYUBIN (a fianco di Hidetoshi Kaneko e Kazuo Oga). I personaggi sono curati da Kitaro Kosaka. Parallelamente a questa produzione, viene realizzato un cortometraggio musicale commissionato dal gruppo pop-rock Chase & Aska a sfondo fanta-ambientalista dal titolo ON YOUR MARK, ideato e diretto dal papà di NAUSICAA con il supporto di Masashi Ando alla supervisione dei disegni e di Yoji Takeshige alla supervisione dei fondali. Durate l'estate 1996 arriva una notizia sorprendente: la Disney, che da un decennio attingeva a piene mani dall'animazione Made in Japan (per le proprie serie televisive e film), firma un accordo con la Tokuma Shoten. Quest'ultimo riguarda la distribuzione in occidente dei film dello Studio Ghibli (assieme a NAUSICAÄ), a partire da quel MONONOKE HIME ancora in fase di realizzazione e previsto per la fine dell'anno. Inoltre la divisione nipponica di Buena Vista si promette di finanziare tutti i prossimi lavori dello studio diretto da Toshio Suzuki (sic). Dopo tredici anni, questo lavoro segnerà per Hayao Miyazaki la seconda incursione nel genere fantasy, questa volta però ambientato nel medioevo nipponico e lontano dall'immaginario del pubblico europeo. Jonh Roth, presidente dei Walt Disney Studios ha detto: "Miyazaki realizza film per tutta la famiglia, che noi ci sforziamo da sempre di produrre."

 

Seoul: Miyazaki in visita alla DR-Movie

MONONOKE HIME, dopo interminabili ritardi causati dall'elevato numero di fotogrammi da inchiostrare e colorare, vede la luce solo nel luglio 1997. Di conseguenza lo Studio Ghibli ricorre per la prima volta all'abilità e alla velocità dei "cugini" coreani. Infatti parte della colorazione digitale è stata effettuata dalla DR-Movie. Gli studi di Seul, dagli anni 80 ad oggi, hanno prodotto numerose serie televisive per conto delle compagnie americane e giapponesi. Imponente lo staff esecutivo che conta circa duecento addetti, tra i quali i disegnatori che hanno seguito Miyazaki dai tempi della fondazione dello Studio Ghibli, Megumi Kagawa, Masaaki Endo, Toshio Kawaguchi, Noriko Moritomo, Masako Shinohara e i giovani Takeshi Inamura e Takehiro Noda. Come sempre, in tutti i film del famoso studio, ha collaborato l'abile staff della Oh! Production, casa che ha cresciuto il supervisore ai disegni Kitaro Kosaka. La continuità dei disegni, oltre che dal sopracitato Kitaro Kosaka, è curata da altri due artisti: Masashi Ando e un Yoshifumi Kondo alla sua ultima collaborazione con il mondo della fantasia, prima della prematura morte arrivata l'anno seguente a soli 48 anni. Le bellissime e numerose scenografie portano la firma dei migliori autori del settore, tra i quali Kazuo Oga, Nizo Yamamoto e Satoshi Kuroda. Questo atteso lungometraggio segna anche l'ultima collaborazione di Yoshinori Kanada. Il pubblico, premia l'immane sforzo compiuto dallo staff accorrendo in massa nei cinema. Alla fine della stagione la pellicola è saldamente prima in classifica. La Disney, rimane invece perplessa dalla massiccia dose di violenza presente nel film decidendosi di distribuirlo nelle sale americane solo alla fine del 1999, peraltro mediante la controllata Miramax.  Gli altri titoli dovrebbero essere distribuiti senza problemi con il marchio Buena Vista International. Finalmente, dopo diverse anteprime piú o meno ufficiali e con due anni d'attesa, PRINCIPESSA MONONOKE (questo il nome del film in Italia) ha trovato spazio anche nelle sale italiane. La distribuzione, pessima come per tutti i prodotti del Sol Levante, è stata curata dalla Buena Vista Italia. Andy Wachowski ha dichiarato "Dopo avere visto un film come MONONOKE HIME, non puoi fare altro che prendere il telefono e chiedere tutte le opere di Miyazaki."

In Giappone, MONONOKE HIME è stato superato solo da TITANIC di James Cameron. 

Nella realizzazione dei disegni chiave ha partecipato per la Telecom l'abile Atsuko Tanaka.

La prima co-produzione con la Disney è il divertente TONARI NO YAMADA KUN diretto da IsaoTakahata. Miyazaki non ha contribuito alla realizzazione del film, in quanto ere completamente esausto dopo avere passato tre anni al lavoro su MONONOKE HIME. In realtà questa non è la prima volta che le strip di Hisaichi Ishii vengono portante sul grande schermo. Nel 1986, peraltro con scarso riscontro, era stato prodotto dalla Group Tac un lungometraggio intitolato OJA MANGA YAMADA KUN. Allo Studio Ghibli, quindi, erano tutti dubbiosi dal momento che il film sembrava troppo distante rispetto ai precedenti lavori. Anche Toshio Suzuki esitava a dare il via, ma allo stesso tempo era un grande ammiratore del manga originale. Il layout generale porta la firma del veterano Yoshiyuki Momose, uno dei piú importanti collaboratori dello studio dal momento che ha partecipato al fianco di Takahata in ognuno dei suoi film. Momose è stato uno dei principali disegnatori presso la Nippon Animation negli anni 70 e 80. Nel 1987 ha co-fondato lo studio Mook-DLE. Tuttavia il successo è stato abbastanza modesto, tanto che TONARI NO YAMADA KUN poteva essere definito l'unico flop dello Studio Ghibli gestione Suzuki. Il film segna comunque l'importante e defnitiva svolta a favore della tecnica digitale. Nessun disegno è stato infatti colorato per mezzo della tecnica tradizionale, tagliando così i suoi elevatissimi costi. 

Il film è costato 19 milioni di dollari. Pur essendo cinque volte meno caro di un qualunque progetto della Disney, è una somma colossale per il cinema d'animazione giapponese.

SEN TO CHIHIRO segna un'importante svolta nella politica di distribuzione. Il gruppo Tohoku Shinsha subentra alla Toho come esclusivista per i prossimi film targati Ghibli.

Ben diverso, in materia di incassi, è stato il destino di SEN NO CHIHIRO KAMIKAKUSHI diretto da Miyazaki. Il film ha incassato oltre qualsiasi aspettativa, stabilendo un nuovo record nel mercato cinematografico nipponico. Questo film rappresenta per Miyazaki il ritorno alla spiritualità di TONARI NO TOTORO. Nonostante le scene d'azione siano relativamente poche, la qualità tecnica ha settato nuovi standard per quanto riguarda l'animazione giapponese, grazie sopratutto all'abilità di Masahi Ando, Kitaro Kosaka e Megumi Kagawa. Un imponente impatto visivo lo suscitano anche gli splendidi fondali, i quali sono stati curati da un Yoji Takeshige in ottima forma. Takeshige è nato a Philadelphia nel 1964 è ha partecipato nel team di rifiniture sfondi in TONARI NO TOTORO e OMOIDE POROPORO. Questo nuovo capolavoro è inoltre il film piú premiato tra quelli prodotti dallo studio di Toshio Suzuki. Ha vinto un prestigioso Orso d'Oro al Festival di Berlino, alcuni Annie Awards e l'importante Christopher Award. Infine, ma non meno importante, una meritata candidatura all'Oscar, sebbene Disney avesse già altri due suoi film in concorso. Grazie ai successi di critica ricevuti negli USA, SEN TO CHIHIRO ha vinto l'Oscar come migliore film d'animazione. Miyazaki ha però preferito non recarsi a Los Angeles, forse a causa della nuova crisi internazionale. Il prossimo film targato Ghibli ha subito un ennesimo ritardo. Dovrebbe venire completato per l'estate del 2004. La causa principale è stato l'abbandono del regista Mamoru Hosoda. La regia di HOWL NO UGOKU SHIRO è oggi accreditata a Hayao Miyazaki.

 

Venezia: Miyazaki riceve l'ambito Leone D'Oro!

In 2002 Studio Ghibli realizza NEKO NO OGANESHI, un film considerato minore come impatto visivo, dal momento che è stato prodotto con un budget limitato ed è stato subappaltato in gran parte alla coreana DR-Movie. La direzione era stata affidata a Hiroyuki Morita. Ed anche per lo studio di di Toshio Suzuki è arrivato il momento di trasporre sul grande schermo un romanzo della letteratura occidentale. Infatti HOWL NO UGOKU SHIRO è un libero adattamento del libro dell'autrice Diana W. Jones HOWL'S MOVING CASTLE. Questo rimane uno dei maggiori sforzi fatto dal personale di Ghibli. Un capolavoro, una pietra miliare della storia dell'animazione. Una sceneggiatura perfetta di Hayao Miyazaki, sfondi meravigliosi disegnati da Yoji Takeshige, ed una superba e fluida animazione di Kitaro Kosaka, Takeshi Inamura, ed Akihiko Yamashita (autore degli storyboard e supervisore ai disegni nella sorprendente serie di OAV di GIANT ROBO). E non dobbiamo dimenticare che una fetta del successo va anche alla musica della New Japan Philharmonic Orchestra ed al compositore Joe Hisaishi, uno dei molti collaboratori insostituibili di Miyazaki. Quasi immediatamente divenne il film non americano piú visto nella storia del cinema in Giappone. Lo staff include una lista di grandi nomi come Shinji Otsuka, Makiko Futaki, Masako Shinohara e Kenichi Yamada (intercalatore fino al 1996). Molti studi esterni sostennero la produzione, Madhouse, Oh! Production e Doga Kobo fra gli altri. Il processo di animazione, a differenza di SEN TO CHIHIRO, è stato fatto interamente in Giappone, senza appoggio di studi coreani o cinesi. Nel 2003 compare un altro film che porta l'arcinota impronta dello Studio Ghibli: NASU 'A SUMMER IN ANDALUSIA'. La produzione però riporta il nome Madhouse. Questo perchè i personaggi erano stati concepiti da Kitaro Kosaka, artista cresciuto tra la Oh! Production e lo Studio Ghibli.

Il film ha fatto incetta di premi in tutto il mondo e nel corso del  2005 ha ricevuto un premio speciale al Festival del cinema di Venezia.

Grazie al gruppo Disney/Buena Vista il film è stato distrubito anche negli USA, ma data la scarsa promozione è risultato un flop.

Come per il film precedente, Toshio Suzuki ottenne i diritti di un libro di un autore non-giapponese, perché i nipponici apprezzavano da molto tempo le trasposizioni animate di storie della letteratura occidentale (vedi la serie dei World Masterpiece Theater della Nippon Animation). Con grande sorpresa la direzione di GEDO SENKI (TALES OF EARTHSEA) è affidata, e non certo per volere di Hayao Miyazaki, a suo figlio Goro al suo esordio nell'animazione. Nonostante critiche negative questo lungometraggio è rimasto ai vertici delle classifiche per molti giorni. La lista di animatori di chiave vede un discreto numero di veterani come Megumi Kagawa, Yoshiyuki Momose e Hideaki Yoshio (membro di Ghibli fin dal 1995). Per la prima volta alcuni animatori coreani come Kim Dong Jun e Jang Gil Yong hanno realizzato i disegni principali. Uno staff di 40 artisti si è occupato della realizzazione dei fondali, compreso personale della DR-Movie (oggi lo studio più quotato di Seoul). Toshiharu Mizutani, Hiromasa Ogura, Kazuo Oga, Ko Hyo Soon e Park Jong Im sono tra i più famosi. Oh! Production, Gonzo e Gainax hanno contribuito alla produzione.

I personaggi di GEDO SENKI sono stati ripresi e modellati da un fumetto di Hayao Miyazaki intitolato SHUNA NO TABI.

Tamiya Terashima ha composto la musica, mentre lo stesso Goro Miyazaki assieme con Akino Arai ha scritto il tema principale.

A distanza di 4 anni dal acclamato HOWL viene prodotto un nuovo film del maestro Miyazaki. Caratteristica peculiare del nuovo GAKE NO UE NO PONYO è la assoluta assenza di CG, infatti il computer è stato utilizato solo ed esclusivamente per la colorazione degli oltre 17.000 disegni utilizzati presso il Takahashi/T2studio. Noboru Yoshida ha supervionato un team di venti giovani artisti impegnati nella realizzazione degli sfondi. Le soprendenti scene d'azione portano la firma di Atsuko Tanaka e Makiko Futaki, entrambe tra le poche veterane ad avere mantenuto un ruolo fondamentale all'interno dello studio, e preziose collaboratrici di Miyazaki fin dai tempi della fondazione della Telecom. Oltre ad Anime ToroToro, come studio di supporto, compare per la prima volta anche la mitica Tatsunoko Pro e Brain Base (formata da alcuni ex-dipendenti TMS). L'animazione, curata da Akihiko Yamashita, Megumi Kagawa e Kitaro Kosaka con la supervisione di Katsuya Kondo, è assolutamente fluida, e i colori concepiti da Michiyo Yasuda sono i piú belli tra tutti i film da lei realizzati. Uno dei massimi risultati profusi dall'animazione giapponese. Sebbene è stato distribuito in ben 481 cinema, record per un film di Miyazaki, il film incassa molto meno dei precedenti. Tendenza che ha preso inizio da HOWL in poi. Sarà per i temi trattati, il film era senza dubbio destinato a un publico di bambini, o per la concorrenza spietata dei film Pixar, amatissimi in terra nipponica? 

In Giappone il film è stato visto da 12 milioni di spettatori e nel 2009 era al quarto posto tra i film più visti nella storia dello Studio Ghibli.

Sebbene sia stato presentato e acclamato dal pubblico del Festival del Cinema di Venezia, non è stato incluso tra i 5 film in corsa per il premio Oscar.

In questi anni lo Studio Ghibli è diventato un effige di qualità, una realtà incontrastata nel mondo dell'animazione mondiale in grado di portare al successo i generi più disparati. Il prossimo film annunciato per il 2010 però non ha colpito i media, né per la scelta del regista, il giovane Hiromasa Yonebayashi, né per il soggetto, "The Borrowers" della compianta autrice inglese Mary Norton. Ora la strada è in salita e per ora non si intravedono ancora eredi degni di tale nome per i 2 grandi registi Miyazaki e Takahata. Oggi la sua partnership con il continente americano, iniziata con la fondazione della Topcraft, sembra essere destinata a rafforzarsi grazie ai finanziamenti della Walt Disney. 

 

TOPCRAFT (Toru Hara)

SERIE TELEVISIVE

KID POWER
(
キッド・パワー)

1972
15 Episodi

Tokiji Kaburaki
Koichi Sasaki

THE JACKSON 5IVE
(
ジャクソン・ファイブ)

1972
3 Episodi

n/d

BARBAPAPA
(
バーバパパ)

1977/78
110 Episodi

Koichi Sasaki
Katsuhisa Yamada

DOKTOR SNUGGLES
(
ドクター スナッグル)

1979
7 Episodi

Bjørn Frank Jensen

KOALA BOY KOKKI
(
コアラボーイ コッキィ)

1984/85
26 Episodi

Takashi Tanazawa

FILM PILOTA

KID POWER PROMOTION FILM
(
キッド・パワー・プロモーション・フィルム)

1972
2 episodi

Tokiji Kaburaki

SHIN NIMAN KAITEI MILES
(
新・海底二万マイル)

1974
1 episodio

n/d

DOCTOR NOGUCHI
(
ドクター・ノグチ)

1976
1 episodio

n/d

YOKAI NINGEN BEM part II
(
妖怪人間ベム Part II)

1982
2 episodi

Katsuhisa Yamada

ALTRE COLLABORAZIONI

KAGAKU NINJATAI GATCHAMAN
(Tatsunoko)

1972/74

Hisayuki Toriumi

ONBU OBAKE
(Eiken)

1972/73

Yonehiko Watanabe

BOKEN KOROBOKKURU
(Eiken)

1973/74

Yonehiko Watanabe

MITSUBACHI MAYA NO BOKEN
(Zuiyo)

1975/76

Hiroshi Saito

PAUL NO MIRACLE DAISAKUSEN
(Tatsunoko)

1976/77

Hiroshi Sasagawa

JIM BOTAN
(Eiken)

1974/75

Noboru Shiroyama

IPPATSU KANTA KUN
(Tatsunoko)

1977/78

Hiroshi Sasagawa

MAZINGER Z (Toei)
EPISODI #55, #60, #64, #70, #76, #82, #84, #87, #89

1973/74

Tomoharu Katsumata

TIME BOKAN (Tatsunoko) 
EPISODI #3, #8, #24, #28, #31, #34, #37, #42

1975/76

Hiroshi Sasagawa

SHIN LUPIN SANSEI (TMS)
 EPISODI #24, #109, #114, #119, #122, #124, #128

1979/80

Yasumi Mikamoto
Kyosuke Mikuriya

JERINKO CHIE (TMS)
 EPISODI #42, #45, #49, #51

1981/82

Isao Takahata

KOJIKA MONOGATARI (Visual 80)
 EPISODI #11, #12, #14, #22, #23, #27, #29, #32
*elenco non ufficiale

1982/83

Masaaki Osumi

YUME NO HOSHI NO BUTTON NOSE (Sanrio)
 EPISODI #3, #7, #8, #10, #12, #13, #16, #17, #19

1983/84

Masami Hata

MEITANTEI HOLMES (TMS) 
EPISODIO #24

1984/85

Kyosuke Mikuriya

CORTOMETRAGGI PER LA TELEVISIONE

20.000 LEAGUES UNDER THE SEA
(Kaitei Niman Miles)
(
海底2万マイル)

45 m

1972

Tokiji Kaburaki
Katsuhisa Yamada

THE RED BARON
(Reddo Baron)
(
レッド・バロン)
45m 1972 n/d

TOM SAWYER
(Tom Sawyer no Boken)
(
トム・ソーヤの冒険)

45m

1972

n/d

WILLIE MAYS AND  THE HEY-SAY KID
(Willie Mays to Kiseki o Maneku Musume)
(
ウィリー・メイズと奇跡を招く娘

45m

1972

n/d

THAT GIRL
(That Girl)
(
ザット・ガール)

45m

1972

n/d

'TWAS THE NIGHT BEFORE CHRISTMAS
(Christmas Zenyoru)
(
クリスマス前夜)

24m

1974

Katsuhisa Yamada
Koichi Sasaki

THE FIRST EASTER RABBIT
(Easter Rabbit)
(
イースター・ラビット)

24m

1975

Katsuhisa Yamada
Koichi Sasaki

FROSTY'S WINTER WONDERLAND
(Frosty no Sutekina Huyu no Kuni)
(
フロスティのすてきな冬の国)

24m

1976

Katsuhisa Yamada

THE STINGIEST MAN IN TOWN
(Machi Ichiban no Kechinbo)
(
町一番のけちんぼう)

56m

1978

Katsuhisa Yamada

LUNGOMETRAGGI PER LA TELEVISIONE

THE HOBBIT
(Hobbit no Boken)
(
ホビットの冒険)

1h 17m

1977

Katsuhisa Yamada

THE RETURN OF THE KING
(Hobbit no Boken Part II)
(
ホビットの冒険 王の帰還)

1h 27m

1979

Katsuhisa Yamada

THE FLIGHT OF DRAGONS
(Soratobu Dragon Tachi)
(
空飛ぶドラゴンたち)

1h 37m

1982

Katsuhisa Yamada
Fumihiko Takayama

LUNGOMETRAGGI PER IL CINEMA (COLLABORAZIONI VARIE)

OZ NO MAHOTSUKAI
(The Wizard of Oz)
(
オズの魔法使い)

1h 25m

1982

Fumihiko Takayama

ALS JE BEGRIJPT WAT IK BEDOEL
(The Dragon that wasn't. Or was He?)
(
ボンメル エンド トンプス)

1h 24m

1983

Harrie Geelen
Bjørn Frank Jensen

MACROSS AI OBOETEIMASUKA
(Macross Do You Remember Love?)
(
超時空要塞マクロス 愛・おぼえていますか)

2h 05m

1984

Noboru Ishiguro
Shoji Kawamori

LUNGOMETRAGGI PER IL CINEMA

THE LAST UNICORN
(Saigo no Unicorn)
(
最後のユニコーン)

1h 37m

1981

Katsuhisa Yamada

KAZE NO TANI NO NAUSICAÄ
(Nausicaä of the Valley of Wind)¹
(
風の谷のナウシカ)

1h 56m

1984

Hayao Miyazaki

STUDIO GHIBLI (Toru Hara)

LUNGOMETRAGGI PER IL CINEMA

TENKU NO SHIRO LAPUTA
(Castle in the Sky)
(
天空の城ラピュタ)

2h 04m

1986

Hayao Miyazaki

HOTARU NO HAKA
(Grave of the Fireflies)²
(
火垂るの墓)

1h 30m

1988

Isao Takahata

 TONARI NO TOTORO
(My Neighbour Totoro)
(となりのトトロ)

1h 28m

1988

Hayao Miyazaki

MAJO NO TAKKYUBIN
(Kiki's Delivery Service)
(
魔女の宅急便)

1h 54m

1989

Hayao Miyazaki

STUDIO GHIBLI (Toshio Suzuki)

ALTRE COLLABORAZIONI

SHINSEIKI EVANGELION
(Gainax) EPISODIO #11

1995

Hideaki Anno

FUSHIGI YUGI
(Pierrot) EPISODI #05, #06, #09, #10, #11, #12, #14
*elenco non ufficiale

1995

Hajime Kamegaki

POPOLOCROIS MONOGATARI
(BeeTrain) EPISODI #03, #04, #05, #06

1998

Koichi Mashimo

OVERMAN KING GAINER
(Sunrise) EPISODIO #26

2002

Yoshiyuki Tomino

GANKUTSU OU
(Gonzo) EPISODIO #20

2004

Mahiro Maeda

CHEVALIER D'EON
(Production I.G.) EPISODI #02, #03, #06

2006

Kazuko Furuhashi

GURREN LAGAN
(Aniplex) EPISODIO #01

2007

Hiroyuki Imaishi

BONEN NO XAM'D
(Bones) EPISODI #22, #23, #24, #25

2008

Masayuki Miyaji

TETSUWAN BIRDY DECODE
(A-1 Pictures) EPISODIO #05

2008

Kazuki Akane

KIDO SENSHI GUNDAM 00 (2nd SEASON)
(Sunrise) EPISODI #04 e #09

2008

Seiji Mizushima

SHIKABANE HIME: AKA
(Gainax) EPISODI #02, #05, #08, #10

2008

Masahiko Murata

LUNGOMETRAGGI PER LA TELEVISIONE

UMI GA KIKOERU
(The Ocean Waves)
(
海がきこえる)

1h 14m

1993

Tomomi Mochizuki

CORTOMETRAGGI VARI

ON YOUR MARK

6m 40s

1996

Hayao Miyazaki

KUJIRA TORI

16m

2001

Hayao Miyazaki

THE GHIBLIES EPISODE 2

24m

2002

Yoshiyuki Momose

LUNGOMETRAGGI PER IL CINEMA

OMOIDE POROPORO
(Only Yesteday)
(おもひでぽろぽろ)

1h 58m

1991

Isao Takahata

KURENAI NO BUTA
(Porco Rosso)
(
紅の豚)

1h 33m

1992

Hayao Miyazaki

HAKUMI TANUKI 
GASSEN PONPOKO
(Pompoko)
(
平成狸合戦ぽんぽこ)

1h 58m

1994

Isao Takahata

MIMI WO SUMASEBA
(Whisper of the Heart)
(
耳をすませば)

1h 51m

1996

Yoshifumi Kondo

MONONOKE HIME
(Princess Mononoke)
(
もののけ姫)

2h 13m

1997

Hayao Miyazaki

TONARI NO YAMADA KUN
(My Neighbours the Yamadas)
(
となりの山田くん)

1h 45m

1999

Isao Takahata

SEN TO CHIHIRO
NO KAMIGAKUSHI
(Spirited Away)
(
千と千尋の神隠し)

2h 05m

2001

Hayao Miyazaki

NEKO NO ONGAESHI
(The Cat Returns)
(
猫の恩返し)

1h 15m

2002

Hiroyuki Morita

HOWL NO UGOKU SHIRO
(Howl's Moving Castle)
(
ハウルの動く城)

1h 56m

2004

Hayao Miyazaki

GEDO SENKI
(Tales of Earthsea)
(
ゲド戦記)

1h 56m

2006

Goro Miyazaki

GAKE NO UE NO PONYO
(Ponyo on the Cliff by the Sea)
(
崖の上のポニョ)

1h 40m

2008

Hayao Miyazaki

 

THE HOBBIT

THE RETURN
OF THE KING 

THE LAST 
UNICORN

THE FLIGHT
OF DRAGONS

THE DRAGON
THAT WASN'T

 KAZE NO 
TANI NO NAUSICAÄ

Kazuyuki
Kobayashi

disegni chiave disegni chiave disegni chiave supervisione
dei disegni
disegni chiave disegni chiave

Tadakatsu
Yoshida

disegni chiave disegni chiave disegni chiave layout
generale
disegni chiave disegni chiave

Yoshiko
Sasaki

n/d n/d disegni chiave disegni chiave n/d animazioni

Hidekazu
Ohara

animazioni animazioni disegni chiave n/d disegni
chiave
disegni chiave

Tsuguyuki
Kubo

supervisione
dei disegni
supervisione
dei disegni
supervisione
dei disegni
supervisione
dei disegni
n/d n/d

Shoetsu
Hane

disegni chiave n/d n/d disegni chiave n/d disegni chiave

Masahiro
Yoshida

n/d n/d disegni chiave disegni chiave n/d disegni chiave

Takashi
Watanabe

animazioni animazioni animazioni disegni chiave n/d disegni chiave

Kiyoko
Saito

n/d n/d animazioni animazioni n/d animazioni

Yumiko
Taguchi

n/d n/d animazioni n/d animazioni animazioni

Yukie
Takahashi

n/d n/d animazioni animazioni n/d animazioni

Emiko
Ishii

n/d n/d rifiniture rifiniture n/d rifiniture

Taeko
Oumi

n/d

n/d

rifiniture

rifiniture

n/d

rifiniture

Fukuo
Suzuki

n/d

n/d rifiniture

rifiniture

n/d

scelta colori

Tomoko
Kida

n/d

n/d

montaggio

montaggio

n/d

montaggio

Hiroyasu
Omoto

riprese

n/d

riprese

riprese

riprese

n/d

Koji
Shiragami

n/d

n/d

riprese

n/d

riprese

riprese

 


THE LAST
UNICORN


ALS JE BEGRIJPT
WAT IK BEDOEL


KAZE NO TANI
NO NAUSICAÄ


TENKU NO SHIRO LAPUTA


Sen to Chihiro
NO KAMIGAKUSI


GEDO
SENKI


DISPONIBILITA' IN ITALIA

TITOLO ORIGINALE, TITOLO ITALIANO, FORMATO E DISTRIBUZIONE

20.000 LEAGUES
UNDER THE SEA

20.000 LEGHE
SOTTO I MARI

VHS

A&S

THE LAST
UNICORN

L'ULTIMO
UNICORNO

VHS

PANARECORD

THE FLIGHT 
OF DRAGONS

IL VOLO
DEI DRAGHI

VHS

WARNER

YOKAI NINGEN BEM
PART II

BEM II
IL MOSTRO UMANO

DVD

DYNIT

HOTARU NO HAKA

UNA TOMBA
PER LE LUCCIOLE

VHS/DVD

YAMATO VIDEO
MEDUSA

MONONOKE HIME

PRINCESS MONONOKE

VHS/DVD

BUENA VISTA

MAJO NO TAKKYUBIN

KIKI
CONSEGNE A DOMICILIO

VHS/DVD

BUENA VISTA

SEN TO CHIHIRO
NO KAMIGAKUSHI

LA CITTA' INCANTATA

VHS/DVD

UNIVERSAL

TENKU NO SHIRO
LAPUTA

LAPUTA
CASTELLO NEL CIELO

VHS/DVD

BUENA VISTA

HOWL NO UGOKU SHIRO

IL CASTELLO ERRANTE
DI HOWL

VHS/DVD

LUCKY RED

GEDO SENKI I RACCONTI
DI TERRAMARE
DVD LUCKY RED
GAKE NO UE
NO PONYO
PONYO SULLA SCOGLIERA DVD LUCKY RED
TONARI
NO TOTORO
IL VICINO TOTORO DVD LUCKY RED
KURENAI NO BUTA PORCO ROSSO DVD LUCKY RED


FAQ

TOM SAWYER fa parte della serie Festival of Family Classics.

Quanti episodi di Festival of Family Classics ha realizzato la Topcraft?
A tutt'oggi non esiste ancora una lista completa. 

La Topcraft era stata fondata come Videocraft Dentsu?
No. Videocraft era il precedente nome della Rankin/Bass.

Miyazaki ha lavorato a THE LAST UNICORN?
No. Miyazaki a quel tempo era impiegato alla Telecom Animation Film (TAF).

Esiste un sequel prodotto da Osamu Tezuka chiamato UNICO?
Sono 2 film completamente diversi. THE LAST UNICORN è tratto da un libro di Peter S. Beagle.

NAUSICAÄ è stato animato dalla Nibariki?
Nibariki è il nome della agenzia di Miyazaki che cura i diritti d'autore legati alle sue opere.

Il logo ufficiale della Pacific Animation Corp. nel 1993. 


La Topcraft era stata coinvolta in THUNDERCATS?
No. Erano state la Pacific Animation e la AIC a realizzarne il numero maggiore di episodi.

La spettacolare intro di THUNDERCATS è opera del compianto Yoshinori Kanada?
No. La sequenza in questione porta la firma di Masa Yuki, che a sua volta era un fan di Kanada.

Esiste un sequel di THUNDERCATS sempre animato in Giappone?
È stato annunciato per il 2011. Sarà prodotto dalla Warner e animato dallo Studio 4ºC.

Il sequel di YOKAI NINGEN BEM è stato di recente trasmesso?
Si. Ma è una produzione dello Studio Comet e porta la data 2006.

Akira Miyazaki è uno pseudonimo di Hayao Miyazaki?
No! Akira Miyazaki collaborava con la Nippon Animation e altre compagnie.
Hayao Miyazaki usò lo pseudonimo Tsutomu Teruki nella seconda serie di LUPIN III.



BIBLIOGRAFIA CONSULTATA

more info
The Enchanted World
Of 
Rankin/Bass

more info
Hayao Miyazaki
Master of Japanese Animation


THE 
ANIMATED
MOVIE Guide

more info
TENKU NO SHIRO LAPUTA
Roman Album

more info
KAZE NO TANI NO NAUSICAÄ
Roman Album


more info
Animage
November 1983
more info
Topcraft 
10th anniversary

more info
MONONOKE HIME
Movie Album

more info
Animationary
1993

more info
Nippon Animation
Eiga Poster




LINK VARI

Il sito definitivo in quanto a novità e informazioni
sul mondo del cinema internazionale.

Eccellente sito creato in Italia
con una realizzazione grafica molto chiara e ordinata.


Ottimo sito realizzato in Italia che ospita
un forum di discussione decisamente interessante.

Era un sito italiano che ha ospitato il mio vecchio lavoro.
Fabio realizza splendidi dipinti a sfondo Fantasy!

Fonte di informazione che tutti i fan
dell'animazione giapponese dovrebbero consultare.

Hanno detto di noi: "Vous ne savez pas ce qu'est Topcraft?
Raison de plus pour visiter ce site de toute urgence!"


 Sito Web che contiene tutto ciò
che riguarda il grande Hayao Miyazaki! 

 


CREW

webmaster

supervisor scannering support

Ringraziamenti speciali a:

 
Paolo Paron (Società Tolkieniana Italiana) 
Lawrence Lin (Nausicaa.net)
Frank Rafter