fantasyblackgoldE.gif (2367 byte)

se questa non fosse la home page di un sito web,ma la Porta che concede accesso a “luoghi inusitati”?
E se dietro la Porta, dall’altra parte del Confine, si srotolassero  piatti camminatoi scavati nei dorsi mastodontici d’improbabili serpenti, sospesi 

sull’abisso inconoscibile come ponti tibetani?E se, sul fondo dell’abisso, sopiti nei bozzoli di bava ma pronti a risvegliarsi  e a ghermire, giacessero in promiscuo miscuglio mostri dagli occhi di   pulce e pulci dagli occhi di mostro?

E se  qualcuno  di   tutto questo ti avesse avvertito?
Busseresti alla Porta?
 E  allora, coraggio!

Bussa (clicca) alla Porta del Matto
(ma se ti resta ancora un po' di buon senso,
prima di bussare, consulta Il Senza Nome)


Il Senza Nome

Hanno bussato alla Porta del Matto

mortali
(Alcuni di loro, fatalmente confusi dalle perfide entità dell' Universo Tarots,  non sono mai tornati indietro)

        
  IL MATTO  
Invia una E-mai ad Antonio Piras

 


"Il Folle e il Saggio succhiano latte dallo stesso seno"
dal romanzo “Triguna”

Attenzione tutti i racconti pubblicati in questo sito sono di proprietà dell'autore (Antonio Piras) la riproduzione non autorizzata di essi o di parte di essi sarà perseguibile civilmente e penalmente nella misura massima consentita dalla legge in vigore