L'ombra magra
(frammento)

 

Siedi sulla nuda terra e attendi paziente che un astro sorga. Quando la stella sarà alta dietro di te, guarda appena davanti ai tuoi piedi: se il tuo corpo non avrà un'ombra, allora sarai Mago.

(Dal Libro dei Maghi, Penultima Fase)

 

esserino dai sottili occhi impauriti barcollò in direzione della rete metallica dipinta di giallo, lasciando che la testa eccessivamente grande dondolasse in avanti come un

Il Racconto
"I' ombra magra"

è tratto dalla raccolta

"Click qui per conoscere "Sette Ossi di rana"

"Sette ossi di rana"
Edizioni Il Cerchio
Iniziative Editoriali
1997

ed è stato pubblicato nell'antologia:
"Le armi e gli amori"



"Le armi e gli amori" 1995
Marino Solfanelli Editore
a cura di Gianfranco De Turris

battacchio.

La sua ombra si mosse con lui, verso la rete...

Attorno, percepiva una miriade di fluidi mentali, una mescolanza convulsa di riflessioni che giudicò essergli vicine, sebbene non direttamente sfruttabili per la sublimazione del proprio essere. Stringendo gli occhi dal taglio obliquo fino a trasformarli in impercettibili fessure, si guardò intorno e scoprì l'origine di quel brusio incontrollato di pensieri: decine di forme gracili, con la testa spropositatamente grande, si trascinavano penosamente all'interno del cortile spazioso, seguite implacabilmente dalle loro ombre silenziose e magre...

Dal loro, intuì il suo aspetto. Ciò che provò non fu delusione e nemmeno pietà per la propria condizione: soltanto, quella cosa nuova, la sua ombra magra, gli procurava un senso di doloroso disagio. Gli rinfacciava la sua finitezza e gli ricordava che soltanto liberandosi di lei sarebbe riuscito finalmente ad essere Mago...

 

 

ã by Antonio Piras

Torna alla pagina precedente


L' EREMITA

Torna alla Home Page

Frappe (clicca), la prudence est l’armure du sage: rien n’est indifférent.