Lorenzo Barone Web Site


Vai ai contenuti

Personaggi famosi e non: Peppe Calà

Sancataldesi

Vai al sito ufficiale

Peppe Calà ora Joseph Cala
(un mio vecchio conoscente)


Ha cominciato come cameriere e ora possiede un impero da cinquemila miliardi delle vecchie lire nel settore alberghiero.
«Il mio sogno? Trasformare Catania in una piccola Las Vegas».
Ha lasciato S.Cataldo trent'anni fa per fare fortuna in America. E c'è riuscito. E' tornato con un solo obiettivo: comprare mezza Isola.
«La piaga di questa terra? Politici e banche»
Mister Joseph racconta la sua epopea.
E ai compaesani manda a dire...


Intervista dell'agosto 2000

Che era nato nel paese sbagliato, Joseph Cala, al secolo Giuseppe Calà, originario di San Cataldo, l’aveva capito fin da ragazzino. “Vedevo troppa ignoranza intorno a me”, rammenta oggi nella tipica parlata “bruccolina”. Non capiva perché in Sicilia tutto era “difficile”: avere l’acqua dai rubinetti, un certificato, il lavoro che dovrebbe essere una cosa normale... “E poi non capivo perché la gente andava appresso ai politici, alla raccomandazione per lavorare… Troppa ignoranza”. Già a nove anni, come ricorda lui stesso, meditava di scappar via da San Cataldo, dove era nato. In casa, la mesata del padre operaio, a stento bastava a non far mancare il necessario agli altri cinque fratelli. Chi poteva assecondare la grande smania di evasione del piccolo Giuseppe? Che già a nove anni, pianifica la sua vita: mettere da parte un gruzzoletto e poi scappare via. A New York. A mettergli in testa l’America, fu don Totò Nuovo, il barista del corso principale a San Cataldo, dove Giuseppe si “impiegò” come cameriere. “A dieci anni, ama raccontare, sapevo fare tutto: il caffè espresso, i gelati, la pizza…”. Una bravissima persona, don Totò. Che lo trattava proprio come un figlio. Anche lui era stato in America, a New York: aveva fatto fortuna con la pizzeria ed era anche diventato un famoso cantante, conteso dalle Tv newyorkesi. “Mentre a San Cataldo lo disprezzavano”, chiosa Joseph Cala. Don Totò gli diceva sempre di aver fatto un grosso sbaglio a ritornare in Sicilia, per assecondare la nostalgia della moglie sancataldese.
“Vattene da questa terra amara. Qui vivono solo gli zeri!” mi ripeteva in continuazione. Ed anche i suoi clienti, lui i chiamava così: zeri, inutili. Che viveva in un paese da “terzo mondo” rammenta oggi Joseph - lo capiva ogni volta che arrivavano le comitive italo - americani. Loro, non chiedevano mai, come i sancataldesi, prima di ordinare; quanto costa? Ed oltre a non badare ai prezzi, gli lasciavano sempre buone mance. Tanto che in quattro anni, nel suo libretto al portatore, aveva racimolato due milioni e mezzo. Che nel ‘73 erano soldi. E fu in quell’anno, a soli tredici anni, che tagliò la corda.
Lasciò San Cataldo in una prima mattina d’estate. Con l’autobus della Alavit fino a Caltanissetta, e poi in autostop anche oltre lo Stretto. Ai suoi, per tranquillizzarli, raccontò che andava a Taormina. Mentre agli amici che ridevano e lo sfottevano con quello zaino sulle spalle, preannunciò: “Vado a Parigi e dopo a New York. Aspettatemi quando ritorno tra vent’anni”. E così fu. A Parigi, l’aiutò anche la fortuna: grazie ad un equivoco - gli avevano detto di ritornare, ma lui capì che l’avevano ingaggiato - andò a finire, come aiutante cameriere, da Chez Maxim, il miglior ristorante del mondo. Dove era di casa gente come Onassis, Rockefeller, Agnelli, Sophia Loren e Carlo Ponti. Da Maxim, seicento posti coperti ed un fatturato a nove zeri, la “Mecca Gastronomica” dei ricchi e famosi del globo, Joseph Cala ci resta tre anni: il tempo di imparare a far bene le salse, conoscere la gastronomia, ma anche apprendere l’abc del management. Anche se il suo sogno, la terra promessa restava sempre l’America. Tentò di arrivarci la prima volta, nel ‘74, ancora quattordicenne, con un volo Parigi-New York. Ma quando rivelò che voleva restarci per sempre, i poliziotti lo rimandarono in Francia. Due anni dopo, ritentò. Ma stavolta, si fece furbo: “Partii con un biglietto Parigi-Toronto via New York. Ed alla polizia dissi che restavo a New York solo un paio d’ore”. Gli andò bene. Anziché proseguire il volo per il Canada, andò da tutt’altra parte: a San Francisco in California.
Comincia così, a sedici anni, l’avventura americana di Giuseppe Calà negli States. Pochi conoscono forse la vera storia del Paperone siculo-americano, oggi quarantenne (nel 2000) ed ultramiliardario, che sognava da ragazzino l’America.
E che ha fatto fortuna negli States gestendo e realizzando Grand Hotels di lusso tra Los Angeles, San Francisco, New York, le Hawaii e Bahamas. “In America era un’altra cosa”, rammenta Joseph spaparazzato sotto un gazebo di contrada Bisiti Spia, ospite dell’amico e compaesano Cataldo Riggi, titolare del “Molino S.Giuseppe” alle porte del capoluogo. “Era tutto facile: due ore per avere la patente che costa diecimila lire. Vuoi una macchina? Con cento mila lire, la trovi nuova. Il problema, in America, non è trovare il lavoro: ma quale lavoro. Le opportunità sono infinite”. Adesso, a quarant’anni, Joseph Cala, è tornato di nuovo in Sicilia. Ma da Paperone e con i dollari in tasca. Sta battendo in lungo ed in largo l’isola, percombinare affari, comprare società ed espandere quel suo piccolo “impero” personale: la Cca, la Cala Corporation America. La Company statunitense con tanto di sito su Internet (www.calacorporation.com), una capacità di spesa di cinquemila miliardi, e società sparse in tutto il globo con azioni quotate a Wall Streat, la Borsa di New York. E’ un uomo d’affari sempre in movimento, oggi mister Joseph Cala, trascorre il tempo a spostarsi da una parte all’altra del mondo: Honululu, Tokio, San Francisco, Sudamerica. Ed ultimamente, ha aggiunto pure la Sicilia: a San Cataldo, il paese d’origine per stare un po’ in famiglia con genitori e fratelli, e soprattutto Catania. Dove nei giorni scorsi, dopo quattro mesi di trattative con gli emissari del ministero dell’industria ed il prefetto Santoro, ha messo a segno il primo affare della stagione: l’acquisto dell’ex azienda Costanzo, seicento dipendenti e commesse nel settore della costruzioni.
“Sono però abbastanza lenti” si lascia sfuggire Joseph”. E’ un mese che sono qui. E sono stanco. Perché non è solo il tempo che si perde - ragiona il Paperone siculo americano - ma le opportunità che uno perde altrove!”. Per combattere la piaga della disoccupazione alla radice, Joseph Cala, la sua brava ricetta, made in Usa ce l’avrebbe: concentrarsi come fanno le company d’oltre oceano, solamente su una città: farla più grande e più bella. La città ideale, lui l’ha trovata: il capoluogo etneo. Catania, come Las Vegas. Che da sobborgo di sessantamila anime, è diventata una metropoli di due milioni di abitanti - chiosa mister Cala - non certo per i Casinò”. La città del Mongibello, alla stregua di Los Angeles. Il sogno di Joseph, è di cambiare completamente il volto del capoluogo etneo in dieci anni. Di farla davvero “nuova” la Milano del sud. Si comincia, impiantando sott’acqua il primo albergo sottomarino del mondo.
Un monoblocco al settanta per cento in vetro e ferro, realizzato nei cantieri navali americani con l’87% dei finanziamenti del governo Usa, che è stato ultimato alla fine del 2002. Il primo albergo al 95% sotto il mare, ha 250 camere, l’Acqua Park, ed un piccolo centro commerciale di fronte, spiega Joseph Cala. Sarà trasbordato via nave, ed immerso sott’acqua davanti al porto. “Due anni fa - spiega il titolare della Cca - abbiamo ottenuto l’autorizzazione della Capitaneria. Si tratta di una struttura - assicura - che non comporta alcun impatto ambientale: sott’acqua, diventerà come un corallo e intorno ci nuoteranno i pesci!” Il manufatto, si impianta al massimo in un paio di giorni. Nessun problema, insomma. Tutto facile: l’unico grattacapo, se il monoblocco viene realizzato nella costa occidentale degli States, sarà semmai l’attraversamento del canale panamense. Dettagli. A mettere a “bagnomaria” gli alberghi, Joseph Cala ci ha già provato: ne ha realizzati un paio alle Hawai, il Grand Wailea ed il Maui, ed un altro alle Bahamas, l’Atlantis.
Tutti e tre sott’acqua solamente per il 15%. Undici milioni di turisti all’anno - calcola il titolare della Cala Corporation che arrivano da tutto il mondo. All’Atlantis, tremila camere, costato cinquemila miliardi, hanno costruito un tunnel tra due rocche, a trenta metri sotto il mare: “dove nuotano pescecani, delfini, squali, balene. Un sogno! Chi arriva, laggiù non vuole più uscire”. Quei tre “sogni” ultimamente, li ha comprati una compagnia alberghiera sudafricana. “Nel futuro, sono due i posti in cui il turismo andrà forte: lo spazio e sotto il mare” commenta serafico Joseph Cala. “Nello spazio, ancora non posso. Sotto il mare, invece…” Alberghi sott’acqua, la Cala Corporation, ne ha in programma una quarantina. Che andranno tutti a finire - costo cadauno 200 miliardi - dentro i mari e gli oceani di tutto il mondo: Bahamas, Hawaii, Bermuda. L’albergo sott’acqua, ma anche il più grande Centro Congressi del mondo, sogna mister Calà per Catania.
Un’altra città megagalattica, con 33 grattacieli per gli uffici, 150 mila camere d’albergo, un mega centro commerciale di 500 mila metri quadrati, alberghi grandiosi, tre campi da Golf, con duemila case intorno, ed altri duecentomila, trecentomila appartamenti. “Il comune - chiosa Joseph Cala - deve investire solo nel centro congressi e basta. Il resto saranno tutti soldi privati. Nostri e delle altre compagnie. Il sindaco Scapagnini? E’ molto felice. Mi ha fatto un’ottima impressione. Veniva spesso anche nei miei ristoranti, quando insegnava all’università di San Francisco”.
Per realizzare la “Catania due”, dovrebbero essere impiegate le maestranze dell’ex colosso Costanzo, adesso passate alla Cca. Che nei prossimi anni - preannuncia Cala - assumerà altri 4400 lavoratori”. Se la città di Catania accetta la mia proposta - è sicuro mister Cala - la Sicilia, risolverà il problema della disoccupazione. La ricetta è “semplice” ovviamente: per lo sviluppo dell’economia di un paese, bisogna ospitare i grandi congressi. Tutto qui. Per Catania, Joseph Cala, prevede in dieci anni, un milione e mezzo di nuovi posti di lavoro. Adesso dal Comune e dal sindaco Scapagnini, Mister Cala, attende solo l’okay per l’approvazione del piano di sviluppo. “Abbiamo bisogno solamente di mille ettari!” dice. “E poi, bum: faremo tanti grattacieli come a Las Vegas, Los Angeles. Catania è bellissima. C’è l’Etna, il mare. Non è grigia come Amburgo, Francoforte o Milano. A Roma, Venezia e Firenze - ragiona il titolare della Cca - non vogliono sentirne di ospitare congressi. Catania è il posto ideale! Se costruisci il più grande Centro Congressi del mondo - sogna il Paperone siculo americano - poi, tutti i grandi alberghi arrivano. Perché i soldi agli alberghi, non li portano certo il sole e la spiaggia. Ma i grandi congressi. E’ già accaduto così a Las Vegas, Los Angeles…”.

Da "Centonove"
_____________________________________________________________________________________
Ultime notizie 2011


E' durata solo undici giorni l'avventura di Joseph Cala alla guida della Salernitana.

Cala si era presentato con annunci e proclami ambiziosi. “Porterò quest'anno la Salernitana in serie B - aveva annunciato nella conferenza stampa di presentazione - in due anni, poi, raggiungeremo la serie A”. L'imprenditore italo-americano aveva anche annunciato di voler quotare in borsa la società granata e si era dichiarato pronto ad “investimenti per 40 milioni”. Invece, il primo intoppo si è registrato il 14 febbraio, quando la Salernitana per non incorrere in ulteriori penalizzazioni avrebbe dovuto versare gli stipendi ai tesserati.

Un passaggio omesso da Cala, che dopo essere entrato in possesso del pacchetto azionario, dalle parole affettuose rivolte ad Antonio Lombardi è passato in pochi giorni ad attacchi spietati sulla precedente gestione societaria dove - ha affermato - avrebbe trovato una situazione disastrosa. “Da quando è giunto a Salerno - aveva detto ieri Lombardi - non ha tirato di tasca un euro”.

“Amo Salerno ed i salernitani - ha detto Cala nel suo commiato - ma i tifosi hanno diritto alla trasparenza”. Lombardi, tornato al posto di comando, avrebbe già contattato il direttore sportivo Nicola Salerno ed il direttore generale Antonio Loschiavo, che si erano dimessi l'11 febbraio scorso. In tempi rapidi Lombardi, però, vorrebbe liberarsi della Salernitana. “Torno per evitare il fallimento e per far in modo che la Salernitana possa andare avanti”.
Intervista a Joseph Cala nella trasmissione del centro coordinamento salernitana

Ultime notizie 2012

L'avventura finita male al Lecco
Forse a qualcuno il nome di Joseph Cala non dirà niente, altri, più attenti, ricorderanno le peripezie di questo folkloristico imprenditore italo-americano, già in procinto di acquistare la Salernitana nel 2011.
Non se ne fece più niente, perché Cala, alla fine dei conti, non sborsò neanche un euro dei tanti milioni promessi, lasciando il club granata in balìa del fallimento che poi si concretizzò pochi mesi più tardi. Una perla su tutte del periodo trascorso nella città campana: "De Laurentiis è fesso perché ha speso tutti quei milioni per Cavani, noi i Cavani ce li produrremo in casa...".
In questi giorni Cala ci sta riprovando con il Calcio Lecco, club di serie D. Ieri sera si è scatenato il parapiglia in occasione della presentazione della squadra, che ha visto il ferimento di tre calciatori dopo un assalto di alcuni tifosi. Il club è in difficoltà economiche, il nome di Cala non convince, ma a chi vuole cacciarlo, in camicia sudatissima, dice: "Dovete darmi 100mila euro...", ma si "accontenterà" di 50 mila.............
Video
Joseph Cala al tg3 lombardo
Il presidente Cala pronto ad andarsene per 100 mila euro

Home Page | San Cataldo | Sancataldesi | Sport Cittadino | Anni 70/80 | Casa di Ospitalità | Book Fotografico | Varie ed Eventuali | Lascia un Commento | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu