CASTIGLION FIBOCCHI
 
I l  paese di Castiglion Fibocchi sorge sulle ultimi propaggini del massiccio del Pratomagno che degradano verso la piana di Arezzo, lungo l'antica Via Clodia ( o Cassia Vetus ).  
Il territorio comunale già abitato nella tarda età repubblicana ( I secolo A.C .), attorno all'anno mille fu castello dei Conti Guidi a guardia della strada che collegava il Valdarno al Casentino. Nel 1835, con la vittoria di firenze su Arezzo cadde anch'esso sotto il dominio della Repubblica di Firenze. Lungo l'attuale strada dei Setteponti si possono osservare alcuni esempi della tipica edilizia rurale: le Case  Leopoldine, con la colombaia, la loggia e il portico, fra le più belle della zona. A monte del capoluogo si trova la piccola frazione di Gello Biscardo con il suo borgo antico splendidamente conservato. Sulla collina si possono osservare i ruderi di S.Quirico, la pieve paleocristiana di cui si hanno testimonianze già dal XI secolo.
Palazzo Comunale 

Il Palazzo Comunale

Annunciazione - Chiesa di San Pietro a Pezzano 
Annunciazione 
Chiesa di San Pietro a Pezzano 
Cappella del Cimitero
Prodotti Tipici 
 

Il vino e l'olio sono sicuramente i prodotti di maggior spicco del nostro territorio, così come lo sono, uniti alla castagna, di buona parte del territorio attraversato dalla Setteponti. Questa terra da cui trae origine il Chianti ( Bettino Ricasoli, il creatore della formula di questo vino, fece i suoi esperimenti nella fattoria del Borro con le uve di queste colline ) è però anche la terra che ha reso famoso nel mondo il vinsanto se è vero che, sempre nelle cantine del Borro, vi fossero ancora ad inizio secolo alcuni caratelli di vinsanto prodotto con le uve di Castiglion Fibocchi e che portavano la targhetta "Francesco Giuseppe, imperatore d'Austria", Da questa terra partiva quindi il vino da dessert che chiudeva i pasti sulla tavola imperiale.

Gello Biscardo  
 
Il piccolo nucleo montano di Gello Biscardo, unica frazione di Castiglion Fiboccchi, ha come il capoluogo, origini antiche, ed alcuni studi riconoscerebbero in Gello il primo insediamento da cui, in età tardo-repubblicana, ebbe inizio il popolamento dell'area. Anche questo "comunello",alla stregua del capoluogo, fu inizialmente un possedimento dei Conti Guidi e subì poi le stesse alterne vicende di questo fino a quando entrò a far parte della Repubblica Fiorentina. Nel piccolo nucleo di casa Fini si dovrebbe però cercare il primo insediamento da cui ebbe poi origine l'attuale villaggio. 
 
Gello di Notte 

Gello di Notte

 
Castiglioni Home Page