pagina della Nuova Tèchne di Paolo Albani

BREVE PRESENTAZIONE DELLA




                            
       Tèchne, prima serie                  Tèchne, nuova serie                        Nuova Tèchne
               1969-1976                                1986-2013                                       2014-
      (Edizioni di Tèchne)                 (Campanotto Editore)                   (Editore Quodlibet)


    La prima serie di Tèchne (19 numeri dal 1969 al 1976, affiancati da 50 quaderni dedicati alla poesia, alle arti, al teatro e alla saggistica) è stata il laboratorio di quello sperimentalismo verbo-visivo legato all'esperienza del Gruppo 70, fondato da Eugenio Miccini (1925-2007) e Lamberto Pignotti, sodalizio artistico che fu, insieme al Gruppo 63, una delle espressioni più significative dell'avanguardia italiana del secondo dopoguerra.
    La nuova serie di Tèchne, diretta e redatta da Paolo Albani e Lino Di Lallo (Lino purtroppo è uscito nel 1995), graficamente curata da Alessandra Barsi, ha ripreso le pubblicazioni nel 1986
a metà degli "stupidi anni ottanta" (come li ha definiti Sebastiano Vassalli), per i tipi di Campanotto Editore di Udine, con Eugenio Miccini direttore responsabile fin quando, dopo la sua scomparsa, non è subentrato Carlo Marcello Conti.
   Nel 2014 la rivista cambia nome, diventa Nuova Tèchne e esce in forma digitale, cioè in eBook, presso la Collana Note azzurre dell'editore Quodlibet, e può essere acquistata sulle principali piattaforme di vendita in rete (
amazon.it, bookrepublic.it, mondadori store, kobo, ecc.).
    La Nuova Tèchne pone al centro della sua ricerca  una sperimentazione verbo-visiva che guarda verso il comico, il nonsenso, il fantastico, il bizzarro, il gioco.

    La rivista pubblica solo testi creativi e inediti, almeno per il lettore italiano; niente saggistica seria, recensioni, dibattiti sul rapporto fra... o sulla funzione di..., o simili amenità.
    La prima regola che ci siamo imposti è la brevità, in sintonia con la "dimensione piccola" della rivista. La periodicità è di un numero all'anno, s'intende quando abbiamo del materiale buono, altrimenti aspettiamo tempi migliori.

    All’inizio la rivista era così strutturata: un editoriale; una parte iniziale dedicata alla traduzione di documenti inediti delle avanguardie storiche (manifesti del surrealismo ceco, del futurismo polacco e catalano) e/o di testi di autori stranieri; una parte centrale monografica (rapporto poesia-politica; nonsense; ecc.) affiancata da una «piccola antologia» riguardante il tema prescelto (stupidità, linguaggi immaginari, giochi di parole) e costellata di interventi visivi; proposte di nuovi autori insieme al recupero di umoristi poco conosciuti del passato; una rubrica dedicata alla posta (con corrispondenze immaginarie); una chiusura in forma di «art index».
    Dal 2008 la rivista ha iniziato a curare dei numeri monografici dedicati a: Matematica divertente (17, 2008); Rogo dei libri (18, 2009); Nulla (19, 2010); Modeste proposte (20, 2011); Incompiutezza (21, 2012); Consigli inutili (22, 2013); Parodia (23, 2014); Marziani (e simili) (24, 2015); Autobiografie, biografie immaginarie e dintorni (25, 2016).
    La rivista ha pubblicato testi inediti per il lettore italiano di: Alphonse Allais, Guido Almansi, Eugenio Battisti, Enrico Baj, Anacleto Bendazzi, Andrè Breton, Lewis Carroll, Daniil Charms, Velimir V. Chlébnikov, Charles Cros, Edward Estlin Cummings, Antonio Delfini, Robert Desnos, Giampaolo Dossena, Marcel Duchamp, Ramón Gómez de la Serna, Isidore Isou, Edward Lear, Michel Leiris, Gian Pietro Lucini, Luigi Malerba, Fosco Maraini, Filippo Tommaso Marinetti, Ferruccio Masini, Bruno Migliorini, Christian Morgenstern, Slawomir Mrozek, Vitezslav Nezval, Gino Patroni, Georges Perec, Ezra Pound, Pierre Reverdy, Angelo Maria Ripellino, Erik Satie, Adriano Spatola, Piero Sraffa, Stanisław Ignacy Witkiewicz, Ermanno Cavazzoni, Paolo Nori, Ugo Cornia, ecc.
    Sulla rivista in versione cartacea sono apparsi anche una serie di interventi «estemporanei», conferendole un inconsueto timbro d’unicità, di rivista-oggetto: ad esempio sul numero 1 (settembre 1986) la pagina 63 (un omaggio inconscio al Gruppo 63), intitolata «La stoffa dell'artista», contiene un pezzo di stoffa autentica, incollata sul foglio; oppure sul numero 2 (settembre 1988) la pagina 107 presenta nell'angolo in alto a destra un taglio essendo dedicata all'orecchio di Van Gogh; ancora sul numero 3 (dicembre 1989) alla pagina 45 un intervento attribuito a Georges Ribemont-Dessaignes, intitolato "Sketch muto", è rappresentato con un frammento di vero scotch incollato sulla pagina.
    Nella Lettera a Tèchne di Eugenio Battisti, uscita sul primo numero della rivista, nel 1989, ma ancora straordinariamente attuale, il grande storico dell'arte c'invitava "a rifare il Burchiello".
    Sul "perché" e sul "come" fare una rivista abbiamo cercato di seguire i consigli di Giambattista Vicàri, fondatore della rivista il Caffè.
   
Da qualche anno (esattamente dal 2003), a fianco del materiale che esce sulla rivista, prima in forma cartacea e ora in quella digitale, ho creato uno spazio - una specie di rivista parallela - dove vengono presentati solo in rete, cioè solo nel web, contributi a personaggi, riviste, movimenti, ecc., cosiddetti irregolari o (ritenuti) "minori": fino a oggi sono usciti omaggi a Max Aub, Renzo Butazzi, Gian Pio Torricelli e al sodalizio Giorgio Manganelli-Gastone Novelli. Questo spazio si chiama:

 tèchneonline
       


    Per saperne di più potete leggere su Parol, quaderni d'arte diretti da Luciano Nanni, il resoconto dell'incontro avuto da Tèchne nella primavera del 1993 con gli studenti del corso di Estetica del DAMS di Bologna. E ancora la mia intervista apparsa sul numero 17-18, edito il 30 settembre 1998, di Golem, rivista on line fondata da Umberto Eco, Gianni Riotta e Danco Singer e diretta a quel tempo da Stefano Bartezzaghi.
    Un cenno a Tèchne anche nella mia intervista apparsa nel sito di Armando Adolgiso, drammaturgo e regista teatrale, cliccando sul link ENTERPRISE.
    Di Tèchne si parla, fra gli altri, nel saggio di Giuliano Manacorda che fa da introduzione al catalogo della mostra IN/FORMA DI RIVISTA tenutasi a Roma nel 1991 e
nel libro di Giancarlo Ferretti e Stefano Guerriero Storia dell'informazione letteraria in Italia dalla terza pagina a Internet 1925-2009  (Feltrinelli 2010).
     Nel 2002 esce in appendice al libro Geiger-Tèchne edizioni di poesia e arte, a cura di Marco Bazzini e Giorgio Maffei, Gli Ori Editore, Pistoia, una mia "intervista possibile sulla nuova serie di Tèchne".
   L'8 maggio 2012,  a Pagina 3, programma radiofonico di approfondimento delle pagine culturali e dello spettacolo su Rai Radio 3, Edoardo Camurri parla di un articolo di Paolo Nori, La rivista delle modeste proposte, perdersela è un peccato, uscito su Il Foglio quello stesso giorno,  dedicato a Tèchne. Per ascoltare Camurri cliccate qui.


Home page     Archivio