BANDE DI ENERGIA

Si dice banda di energia un insieme di livelli energetici posseduti dagli elettroni. Si dice banda di valenza l'insieme degli elettroni che hanno un livello energetico basso, tale da restare nei pressi dell'atomo di appartenenza. Si dice banda di conduzione l'insieme di elettroni che hanno un livello energetico abbastanza alto, tale da lasciare l'atomo di appartenenza, dando luogo ad una conduzione di tipo elettrico. Tra la banda di valenza e la banda di conduzione vi può esser una banda proibita, cioè un insieme di livelli energetici non consentiti, in quanto un generico elettrone o si trova nella banda di valenza o si trova nella banda di conduzione. Se osserviamo i seguenti diagrammi:

Bande di energia

possiamo concludere che negli isolanti la banda proibita è molto grande, di conseguenza sono pochi gli elettroni che raggiungono una energia sufficiente a passare nella banda di conduzione, di conseguenza l'isolante non conduce. Nei materiali conduttori, le due bande di valenza e di conduzione si sovrappongono, manca, quindi la banda proibita; quindi un notevole numero di elettroni possiede energia sufficiente ad essere considerato nella banda di conduzione, quindi il conduttore è in grado di condurre la corrente elettrica.

Nei materiali semiconduttori la banda proibita è piccola, quindi è sufficiente un innalzamento della temperatura per portare un certo numero di elettroni dalla banda di valenza alla banda di conduzione. 


pagina iniziale  

 

ING. PIETRO DE PAOLIS - VIA MARCHE 7 - 73013 GALATINA (LECCE) - TEL. 0836 561519

DROGAGGIO DEI SEMICONDUTTORI

Si dicono semiconduttori alcuni materiali che hanno un comportamento intermedio tra conduttori e isolanti; sono semiconduttori il germanio, il silicio, il carbonio, l'arseniuro di gallio.

La struttura di un semiconduttore e del seguente tipo:

Struttura di un semiconduttore non drogato

Possiamo notare che ogni atomo mette in comune quattro elettroni; essendo questi elettroni attratti dagli atomi vicini i nuclei dei vari atomi si tengono legati tra loro da un tipo di legame detto covalente. Normalmente tutti gli elettroni si trovano nella banda di valenza, restano, cioè legati all'atomo di appartenenza e il semiconduttore si comporta da isolante.

Si dice drogaggio di un semiconduttore il fatto di inserire all'interno del semiconduttore atomi aventi valenza cinque, cioè pentavalenti, oppure atomi aventi valenza tre, cioè trivalenti. Tra le sostanze pentavalenti ricordiamo il fosforo, l'antimonio, l'arsenico; tra le sostanze trivalenti ricordiamo il bario, l'alluminio, il gallio, l'indio.

Se inseriamo sostanze pentavalenti, come nel seguente schema:

Semiconduttore drogato con atomo pentavalente

vediamo che dei cinque elettroni dell'atomo pentavalente quattro vengono utilizzati per il legame covalente, mentre il quinto elettrone resta libero. Si dice drogaggio di tipo N quando il semiconduttore è drogato con sostanze pentavalenti, possiede quindi elettroni liberi, diventa quindi un perfetto conduttore, cioè se lo alimentiamo con un generatore esterno, come nel seguente schema:

Il semiconduttore drogato conduce la corrente

vi è movimento degli elettroni liberi e quindi il semiconduttore di tipo N conduce.

Se invece inseriamo sostanze trivalenti, come nel seguente schema:

Semiconduttore drogato con atomo trivalente

vediamo che i tre elettroni dell'atomo trivalente vengono utilizzati per il legame covalente, mentre manca un elettrone nella banda di valenza. Si dice lacuna un posto libero per l'elettrone nella banda di valenza; tale posto può essere occupato da un altro elettrone il quale a sua volta crea una lacuna, di conseguenza la lacuna può essere come una carica positiva mobile, che dà luogo ad una corrente elettrica. Si dice drogaggio di tipo P quando il semiconduttore è drogato con sostanze trivalenti, possiede quindi lacune libere, diventa quindi un perfetto conduttore, cioè se lo alimentiamo con un generatore esterno, come nel seguente schema:

Il semiconduttore drogato conduce la corrente

vi è movimento di lacune e quindi il semiconduttore di tipo P conduce.

A causa dell'aumento di temperatura un certo numero di elettroni può acquistare energia sufficiente a passare dalla banda di valenza alla banda di conduzione; per ogni elettrone che passa nella banda di conduzione resta una lacuna nella banda di valenza. Si dicono cariche minoritarie le coppie elettrone-lacuna che si creano in seguito all'aumento di temperatura. Si dicono cariche maggioritarie gli elettroni nel semiconduttore drogato di tipo N e le lacune nel semiconduttore drogato di tipo P.


pagina iniziale  

 

GIUNZIONE P-N

Si dice giunzione P-N l'unione di una barretta di semiconduttore di tipo P con una di tipo N. All'atto della formazione della giunzione si verifica uno spostamento di cariche, in particolare gli elettroni e le lacune situati nella parte centrale della giunzione si neutralizzano, essendo cariche di segno opposto. Per ogni lacuna che dalla zona P passa alla zona N, resta nella zona P una carica fissa negativa. Per ogni elettrone che dalla zona N passa alla zona P resta una carica fissa positiva. Di conseguenza, non appena un certo numero di elettroni e di lacune si sono neutralizzate, le cariche fisse determinano una differenza di potenziale che respinge le altre cariche facendole restare nella zona di appartenenza, tale tensione è detta barriera di potenziale e la indichiamo con la lettera Vg.(si legge vugamma; g = gamma). La barriera di potenziale per il silicio vale Vg = 0,6 V; per il germanio Vg = 0,2 V .

La situazione finale la possiamo vedere dalla seguente figura:

Giunzione P-N

La zona intermedia possiede solo cariche fisse e non vi sono cariche mobili, né elettroni, né lacune, per cui è detta zona di svuotamento.


pagina iniziale 

 

POLARIZZAZIONE DELLA GIUNZIONE

 Polarizzare una giunzione vuol dire applicare una certa tensione ai suoi estremi. Una giunzione si dice polarizzata direttamente quando il polo positivo del generatore, che deve essere in corrente continua, è applicato alla zona di tipo P, come nel seguente schema:

Giunzione polarizzata direttamente

In una giunzione polarizzata direttamente vi è conduzione di corrente quando la tensione supera una tensione di soglia che coincide con la barriera di potenziale Vg .

Una giunzione si dice polarizzata inversamente quando il polo positivo del generatore di tensione è applicato alla zona N. Come nel seguente schema:

Giunzione polarizzata inversamente

In una giunzione polarizzata inversamente non vi è conduzione di corrente, salvo quella dovuta alle cariche minoritarie, che è una corrente molto piccola.



pagina iniziale 

 

ING. PIETRO DE PAOLIS - VIA MARCHE 7 - 73013 GALATINA (LECCE) - TEL. 0836 561519