PROGETTO “PUBBLICHIAMO Il Munarino’ 

 

Classi coinvolte:

prime, seconde, terze, quarte, quinta.

Obiettivi:

Realizzare uno strumento di comunicazione e di cooperazione tra di noi, con i genitori, con il mondo esterno su esperienze, problemi, idee che circolano nella nostra scuola.

Fasi dell’attività:

·      redazione attraverso un comitato composto da bimbi rappresentanti di tutte le classi: raccolta delle idee, selezione degli argomenti, distribuzione degli incarichi;

·      stesura degli articoli da parte dei “giornalisti” secondo la modalità (individuale o collettiva) decisa da ciascuna classe;

·      impaginazione e realizzazione della bozza;

·      distribuzione delle copie ai bimbi della scuola e in alcuni luoghi di incontro del paese frequentati prevalentemente dai bambini (biblioteca, Centro Mavarta, ecc…)

 

PROGETTO “PERCORSI SICURI”

Classi coinvolte:

seconde, terze, quarte, quinta.

Obiettivi:

1.      riflettere sull’importanza dell’andare a scuola a piedi e/o in bicicletta per la salute, per la conoscenza del proprio ambiente, per la relazione con gli altri;

2.     conoscere in modo approfondito il proprio territorio e partecipare per migliorarlo;

3.     sensibilizzare la cittadinanza sull’iniziativa.

Attività:

Nelle diverse classi verranno proposte alcune delle seguenti attività:

·      conoscenza del percorso casa-scuola e indagine sul mezzo utilizzato;

·      individuazione sulla cartina dei percorsi di ciascuno;

·      uscita sul territorio;

·      ricognizione delle difficoltà incontrate durante il tragitto e realizzazione di una piantina;

·      incontro con i vigili urbani per conoscere regole di comportamento del pedone e del ciclista;

·      realizzazione di una piantina con le proposte dei bambini;

·      confronto con i tecnici sull’attuabilità delle proposte, eventuali modifiche e stesura finale;

·      organizzazione e realizzazione della giornata “A scuola ci vado da solo” coinvolgendo le famiglie, la cittadinanza, l’amministrazione.

 

PROGETTI “STAR BENE A SCUOLA”

 

CLASSI PRIME: CONOSCERSI PER STARE BENE INSIEME

 

La consulenza dell’Associazione Onlus “L’Arcobaleno” di Reggio Emilia ha come obiettivo principale di analizzare le dinamiche comportamentali esistenti nei contesti classe. Il fine è quello di fornire opportune strategie di intervento che favoriscano il crearsi di una comunità di classe  che superi le eterogeneità e favorisca l’integrazione di tutti i bambini e l’instaurazione di un clima di condivisione e collaborazione che permetta la costruzione di una rete di relazioni efficace.

 

CLASSI TERZE: INSIEME STIAMO BENE?

Obiettivi:

Il progetto risponde a queste esigenze dei bambini:

1.      impariamo a comunicare con gli altri e con noi stessi in maniera adeguata, empatica e non aggressiva;

2.     impariamo a sviluppare quelle capacità emotive e sociali che ci aiutano a stare bene a scuola e ad imparare meglio.

Attività:

·        Interventi di psicomotricità da parte della dott.ssa Maria Ruini (10 incontri per classe).

·        Rappresentazioni iconiche di situazioni relazionali simulate.

·        Condivisione con i genitori tramite un incontro finale.

 

CLASSI QUARTE: GIOCHIAMO BENE  INSIEME

Educazione motoria con la collaborazione dell'associazione "Anni Magici"

Obiettivi:

raggiungere una motricità sempre più ricca e armoniosa attraverso situazioni di gioco e attività sempre più complesse;

relazionare con gli altri ed accettare le regole di comportamento e di gioco;

sviluppare la capacità di individuare soluzioni, strategie e di cooperare.

Attività:

giochi di abilità, strategia, regole e cooperativi.

 

PROGETTO "MUSICA A SCUOLA"

Classi coinvolte:

prime, seconde, terze, quarte, quinta.

Obiettivi:

Il progetto risponde a diversi bisogni dei bambini:

·      familiarizzare con la musica utilizzando strutture sonore accessibili e concrete alle diverse età dei bambini;

·      esprimersi nel gruppo nel “fare musica” rispettando i compagni, valorizzando tutti i componenti del gruppo;

·      sviluppare le capacità personali;

·      cooperare con gli altri.

Attività e metodologia:

Gli alunni sono invitati a

·      muoversi nello spazio pre-definito su precisi suggerimenti sonori;

·      interagire con i compagni nei “giochi” musicali proposti;

·      produrre suoni con lo strumentario Orff.

Ogni ora sarà composta da un momento  di “tensione” corrispondente all’attività più importante, ad altri di “distensione”, che hanno lo scopo di mantenere viva la concentrazione.

 

PROGETTO PER BIMBI STRANIERI

 

Questo progetto nasce dal desiderio di fornire agli alunni stranieri gli strumenti linguistici più idonei all'apprendimento della lingua italiana come mezzo per comunicare, studiare e integrarsi con l'ambiente che li circonda e dalla necessità di agevolare il lavoro delle insegnanti di classe nell'integrazione dei bambini presenti nella scuola.

La programmazione del lavoro è diversificata per  tre gruppi di alunni, che sono stati formati tenendo conto dell'età dei bambini, dei loro livelli di partenza e delle valutazioni espresse dalle insegnanti di classe su ogni singolo bambino.

Quest'anno il Progetto stranieri, grazie alla presenza di un’insegnante con un preciso monteore annuo, ha l'opportunità di articolare l'intervento nel corso di tutto l'anno scolastico garantendo continuità e sostegno al plesso. 

Questo Progetto inoltre si inserisce nel Progetto stranieri dell'Istituto Comprensivo perché, attraverso una ricaduta più ampia possibile, si possa riscoprire la ricchezza della nostra cultura e di quella degli altri paesi.

 

INIZIATIVE DI SOLIDARIETA’

 

PROGETTO: " SCUOLA APERTA .... NOI CON LORO"

Il progetto prevede l'adozione a distanza di una scuola elementare situata a Sarè-Taning nel dipartimento del Sedhiou nel Senegal meridionale, a 400 km da Dakar.  Saranno coinvolte le scuole elementari e la scuola media del nostro Istituto Comprensivo.

Tutti gli alunni saranno chiamati , attraverso un'adeguata opera di sensibilizzazione e conoscenza, a contribuire alla realizzazione del progetto attraverso: la raccolta di fondi per il sostegno economico della scuola, l'invio di medicinali e la messa a punto di attività finalizzate alla reciproca conoscenza, al tema dello sviluppo e della cooperazione.

I fondi raccolti verranno utilizzati dalla scuola pubblica senegalese di Sarè- Taning per un progetto di formazione per educatori, al fine di garantire un servizio antimeridiano e pomeridiano che dia la possibilità a tutti i bambini dell'area di poter accedere al servizio scolastico. 

Il progetto permetterà:

·      il confronto con una cultura diversa dalla propria;

·      l'apertura dei propri orizzonti di riferimento;

·      la consapevolezza di sé nell'incontro con "il diverso";

·      l'approccio al problema mondiale dello squilibrio di opportunità e di sviluppo.

 

MODALITA' DELLA RACCOLTA FONDI E MEDICINALI

-    La raccolta fondi avverrà attraverso l'iniziativa " La settimana del Pane" e ulteriori possibili fondi che ogni singolo plesso raccoglierà in base a specifiche iniziative antecedenti il periodo Natalizio (..a titolo esemplificativo : vendita del giornalino di plesso, vendita di bigliettini Natalizi ... ).

-    La raccolta di medicinali avverrà attraverso la sensibilizzazione dei genitori, durante le assemblee o altri momenti assembleari, prima delle festività Natalizie.  La dotazione di un minimo di medicinali costituisce un vincolo tassativo per il funzionamento della scuola senegalese e permette agli insegnanti un primo intervento di pronto soccorso.

 

LA SETTIMANA DEL PANE

La partecipazione all'iniziativa sarà condivisa da tutte le classi dell'Istituto Comprensivo ed avrà luogo nella settimana dal 1/12/03 al 6/12/03.

Durante la settimana del pane si inviteranno gli alunni a rinunciare alla propria merenda (compresi succhi e bibite) per  6 giorni. I ragazzi potranno portare da casa una bottiglietta di acqua naturale e sarà loro distribuita dalla scuola una michetta di pane.

Nella settimana successiva i soldi risparmiati dagli alunni (offerta libera) verranno raccolti dai docenti di ogni singola classe.  Una parte servirà per il pagamento della fornitura del pane, il resto verrà interamente devoluto alla realizzazione del progetto " Scuola aperta .... noi con loro".

 

 

I MOMENTI DI FESTA

 

I momenti e i motivi per fare festa all'interno di una scuola sono sempre tanti ed è bello che sia così.  Desideriamo però dare quest'anno uno stile particolare a queste occasioni.

Motivo di festa è ritrovarsi insieme (inizio scuola), avere una festa che scalda il cuore e ci stringe vicino al nostri cari (Natale), accorgerci di avere ricevuto tanto e che fa sentire bene imparare a condividere con chi è meno fortunato di noi.

Questi desideriamo siano i motivi per cui fare festa.

Al bando quindi le abbuffate (ecco perché non abbiamo voluto il mega-merendone d'inizio anno), lo spreco!

Per questo chiediamo alle famiglie una collaborazione adeguata:

·        rendiamo più semplici i nostri compleanni, un dolce è sufficiente (ricordiamo che ciascuno di noi mangia almeno cinque volte al giorno!)

·        eliminiamo le bibite (riscopriamo l'acqua, altrimenti il nostro spirito ecologista che figura ci fa?)

·        impariamo a condividere perché questo sì che significa diventare grandi e la festa ce la fa sentire "dentro"!

 

UNA SERATA CON LE FAMIGLIE

 

IL 17 DICEMBRE, PRESSO IL TEATRO FORUM

Con un canto iniziale, natalizio, tutti i bambini salutano il pubblico.

Poi ogni classe presenta una canzone che racconta di anziani, di nonni, della loro vita e del loro rapporto con i bambini.

E poi si narrano conte, filastrocche, fiabe che ora si ascoltano poco, ma che ci aiutano a ricordare come sia piacevole udirle soprattutto narrate da una persona che ci è vicina.

Infine ci salutiamo con un ultimo canto augurale.