A.D.S. S.PAOLO (San Teodoro -ME )
Sede della  Società
Campionato
2006/2007

Home page

La Storia

Sede e Recapiti

I Dirigenti

La Rosa
Classifica 3° Cat.

Calendario 3° Cat.

Settore Giovanile

Le Figurine

Album Fotografico

La Formazione

Cronaca partite

Statistiche

Albo d'oro

 

La nascita dell'Associazione Sportiva risale al 22 agosto 1976 e si sono succedute moltissime cariche a Presidente, di cui l'ultimo in carica dal 28 giugno ad oggi, Gilbero Caridi.  Il San Teodoro si è affiliato alla Federazione Italiana Gioco Calcio dal 12 luglio 1985 ed ha sempre avuto una squadra iscritta in terza categoria a partire dalla stagione calcistica 1985/1986. Nel campionato 1998/1999 e nel campionato 1999/2000 ha giocato in seconda categoria.
Indirizzo Società Via Europa n° 47
 
Citta, Cap e Provincia

98030 San Teodoro (ME)

 
Telefoni

095/

Fax

095/

 
E-mail
 
 
 

Campo Sportivo Comunale

Allenatore Giocatori ed accompagnatori
- Dove c’è attualmente il campo sportivo, una volta si chiamava “area di mastro Brasi”. Narravano gli anziani che mastro Brasi era un agricoltore che d’estate si improvvisava scalpellino, ma poiché possedeva due capre e qualche pecora, per continuare a lavorare, si faceva portare a dorso di mulo o su carro le pietre sullo spiazzo erboso e mentre le sue caprette e pecorelle restavano al pascolo, lui lavorava tranquillamente la pietra utilizzata poi dai muratori negli ingressi delle porte. E mentre lavorava e gli animali brucavano 1’erba continua l’aneddoto - mastru Brasi chiacchierava con i bambini del paese che andavano a trovano e che gli chiedevano di raccontare loro qualche “un cuntu “, cioè una favola. Prima che però l’allora sindaco Vincenzo Leanza risolvesse il problema del campo sportivo, consultandosi anche con il suo vice, il noto appassionato di sport professor Gaetano Virzì, per oltre un ventennio ogni spazio diventava buono per tirare quattro calci al pallone. Torna utile ricordare sfide memorabili contro Cesarò, Troina e Cerami (organizzate da Gianni Anello) nel campo sotto il cosiddetto Pontelongo sulla strada che porta a Cesarò, dove durante il fascismo i ragazzi delle scuole, vestiti da “balilla” e da “piccole italiane” partecipavano alla colonia montana “Costanzo Ciano”, in divisa picchettavano la zona e organizzavano giochi dall’alza-bandiera sino al tramonto. Ma prima di questo spiazzo, trasformato poi in area agricola, con i caseggiati diventati anche discoteca e pizzeria, le partitelle tra casaloti e squadre forestiere vennero disputate per anni in un grande spazio detto u‘margiu a mula (dove tra l’altro ora sorge la circonvallazione della zona a valle del paese che porta anche verso la strada per il cimitero ed Ancipa e che allora si chiamava anche sutta u ‘bagghiu) oppure sutta a ‘pirrera, in un altro grande spazio erboso ricavato a un centinaio di metri sulla sinistra della strada che da San Teodoro porta verso i boschi. Ricordo che le formazioni le quali scendevano in campo venivano letteralmente improvvisate, facendo scendere in partita ragazzi che magari il sabato sera arrivavano dalla campagna soprattutto per il cambio di biancheria o giovani muratori che, in virtù dei loro scarponi da lavoro e di una presunta potenza naturale nel tiro e nel placcaggio degli avversari, venivano preferibilmente schierati nel ruolo di terzini. Famosissima e richiestissima l’accoppiata di terzini Peppino Lucifero (emigrato in Australia) e Liddu Versaci (trasferitosi poi a Catania) che, calzando i loro scarponi da muratori - sistematicamente impedivano a ogni attaccante di poter arrivare palla al piede sino alla porta. Il Campo Comunale, dotato di spogliatoi, con cancello d’ingresso da via Circonvallazione, è stato realizzato nel 1975 ed inaugurato il 23 agosto 1979 benedetto alla presenza dell’autore del libro (in quanto presidente della Polisportiva) da monsignor Giorgio Caputo. La costituzione dell’Associazione Sportiva con atto notarile repertorio numero 7294 rogito 1375, risalendo al 22 agosto 1976, cioè tre anni prima, servì quindi da molla per la soluzione di un problema che i giovani di San Teodoro avvertivano da sempre. E quando i Santeodoresi, oltre al campo, ebbero anche una vera squadra, incominciarono a farsi molto onore.
Tratto dal libro "San Teodoro perla dei Nebrodi"
Autore Enzo Catania
La foto del Campo Sportivo Comunale  

Foto del campo sportivo

 
 
 

 

Il tuo browser non supporta Java oppure la console Java non è attiva