Home Page Pagina precedente Mappa del SitoSite MapPagina degli Sponsor - Sponsor's PageQuestionario - Questionnaire Libri elettronici - e-bookUn aiuto per voi

     Vasco Rossi - Bollicine

Ernesto Teodoro Moneta - Genealogia


 

Stemma di famiglia

L'ora del riposo non Ŕ giunta ne per me, ne per nessuno dei combattenti per la grande e buona causa, perchŔ la pace che dall'alto ci sorride non Ŕ la pace della quiete, ne la rassegnazione, ma opera alacre e continua per la veritÓ, per la giustizia
e per il bene comune".

 

E. T.  Moneta  29.12.1907
 

Famiglia Moneta-Caglio.- Ŕ la famiglia dei Monetari o zecchieri di Milano, che il pi¨ antico documento qualifica per "Arimanni" (la classe dei guerrieri Longobardi). Uno dei Monetari partecip˛alla prima crociata, a quanto dice Galvano Fiamma, storico milanese, e un altro di essi, Oldrado, fu Console delle Milizie milanesi alla battaglia di Legnano.


Guelfa per tradizione, fu seguace dei Torriani nella lotta fra questi e i Visconti, ed alla vittoria di questi ultimi la famiglia fu bandita da Milano e si ritir˛ nel proprio feudo di Gorla Maggiore . Diede molti notai, magistrati e sacerdoti alla cittÓ di Milano, uno di essi fu cospicuo oblatore dell'Ospedale Maggiore di Milano: Giovanni Antonio.
Di essi rimane in Milano la via Moneta dove sorgeva la casa con la torre dei Moneta a sorvegliare la zecca, situata sull'area dell'attuale via Zecca vecchia.


Patriota per convinzione, fu presente nei primi albori del Risorgimento col nob. Giuseppe Moneta, personaggio della Repubblica Cisalpina e poi del Regno Italico di Napoleone. Egli fu il primo ad introdurre in Italia l'industria del sapone e della soda. Il di lui figlio nob. Carlo Aurelio carbonaro, fu poi combattente con i figli giovinetti nelle Cinque Giornate di Milano ed al ritorno degli Austriaci, preso e malmenato, morý per i maltrattamenti subiti nelle prigioni del Castello Sforzesco. Dei suoi figli ben sette a un tempo si arruolarono con Garibaldi nel 1859-60. Di essi Giovanni, morý per le ferite riportate alla battaglia dei Tre Ponti presso Brescia, Enrico ed Ernesto Teodoro furono dei Mille. Quasi tutti emigrarono in America; dopo il 1870 si distinsero quali ingegneri ed agrari. Pompeo fu professore all'UniversitÓ di Buenos Aires e uno dei progettisti e costruttori della Ferrovia delle Ande. A lui si deve il Palazzo delle Poste di Buenos Aires. Ernesto Teodoro, rimasto in Italia, fece tutte le campagne del Risorgimento, diresse per quarant'anni "Il Secolo" di Milano, ricevette il Premio Nobel per la Pace del 1907. Il di lui figlio nob. Luigi (1875-1945) fu uomo politico e uno dei fondatori della Democrazia Cristiana con Don Davide Albertario. Volontario contro il Tedeschi nelle guerre 1915-1918 e 1943-45 morý all'Ospedale militare di Roma a 69 anni per le ferite e lesioni riportate in guerra. per ereditÓ materna, in forza di sentenza di Tribunale Francese, assunse il titolo di Duca d'Istria.

Ernesto Teodoro Moneta Caglio, (1907-1995) figlio secondogenito di Luigi, dottore in teologia, studioso di Liturgia e canto ambrosiano,, Preside per trent'anni del Pontificio Istituto di Musica Sacra -i Milano, Promotore del Movimento Ceciliano e di Scholae Cantorum, Canonico maggiore poi Primicerio del Capitolo metropolitano del Duomo di Milano - Responsabile della Biblioteca Capitolare - Consultore per la Liturgia al Concilio Vaticano II - Protonotario Apostolico.


 

Ritratto da giovane

 

   

 

Per ulteriori informazioni inviate una mail a:

 

 

For additional information please email us at:

[ Home ] [ Up-Su ] [ Mappa del Sito ] [ Site Map ] [ Sponsors ] [ Two minutes ] [ Libri Elettronici ] [ Aiuto! ]