3.3 - De Petris e Tuccella, due solisti del cronometro
Vittorio De Petris
Nel 1968 fu "preso in forze" (come si diceva allora per gli allievi) il Prof. Vittorio De Petris, docente di matematica, già Fiduciario Provinciale del Gruppo Giudici Gara FIDAL. De Petris abbandonò ben presto la carriera di giudice di atletica per dedicarsi al cronometraggio, in cui raggiunse in breve tempo una piena padronanza nell'uso delle apparecchiature, tanto da arrivare a gestire tutto da solo due gare di Qualificazione Nazionale (QN) Femminile nella stessa giornata. Gli organizzatori si erano dimenticati di richiedere il servizio e non vi erano altri cronometristi disponibili. L'unico aiuto fu fornito da un maestro di sci al quale veniva comunicato per telefono il momento in cui far partire la concorrente. Tra una concorrente e l'altra venivano calcolati i tempi netti sui cartellini. Fioravanti fu talmente soddisfatto, che nel 1969, dopo appena un anno di apprendistato, promosse De Petris alla categoria dei cronometristi ufficiali, designandolo inoltre come Vice Segretario.
Analoga carriera lampo fu fatta nel 1970 dal Prof. Leonello (Leo) Tuccella, docente di Educazione Fisica. Anch'egli fu tesserato dopo un solo anno da allievo e dopo che si era trovato nella medesima condizione di dover gestire una gara tutto da solo, di nuovo a Pescasseroli (allora la principale stazione di sci in Abruzzo, per il numero di gare organizzate). Ricordo che il Maestro Frigerio, direttore della Stazione di Sci, telefonò la sera stessa a Fioravanti per dirgli :"Mi hai mandato un cronometrista che faceva andare anche l'orologio della Piazza, che era fermo da anni!". La coppia De Petris-Tuccella doveva imprimere una svolta importante ai sistemi di cronometraggio usati fino ad allora.
Leonello Tuccella