5.4 - La Federazione stenta a muoversi nel settore delle tecnologie informatiche.
Fiorenzo Chieppi
All'assemblea provinciale dell'81 fu invitato il Presidente Federale Fiorenzo Chieppi, al quale presentammo i nostri programmi per la gestione delle gare di Aereonautica, Sport Invernali e Rally. Il Presidente ci fece molti complimenti, ma non parve molto propenso ad adottare immediatamente le nuove tecnologie.
I programmi furono anche presentati a Roma, alla Commissione Tecnica, nella quale erano presenti Tazio Tondi, Mario Cova, Sandro De Crescenzi, Arnaldo Teichmann, Alfredo Franceschini, che avevano fatto la storia del cronometraggio automatico in Italia. Davanti al nuovo strumento ne intuirono le grandi possibilità, ma si resero anche conto della profonda rivoluzione che avrebbe apportato alle tecniche di cronometraggio usate fino a quel momento, delle quali erano stati artefici. Furono tutti molto prodighi di elogi, ma scarsi di iniziative.
Tuccella tentò di stimolare la Federazione con un provocatorio articolo intitolato "Cronistoria" pubblicato sulla nostra rivista Kronos, in cui accusò la Federazione di perdere la sua occasione tecnologica. La Commissione Tecnica replicò con un articolo dal titolo "La febbre del computer", in cui si affermava che "Gli ostacoli da superare sono tali e tanti da non richiedere certamente tempi brevi per giungere ad una soluzione ottimale, come taluni forse più "ansiosi" che "faciloni" ritengono possibile". I tempi lunghi si rivelarono una scelta abbastanza errata da parte della Federazione. Da varie parti si iniziò ugualmente a sperimentare l'introduzione delle tecnologie informatiche, creando situazioni che rischiavano di sfuggire al controllo degli organi centrali della Federazione ( come purtroppo si verificò in qualche caso)