Ambone o Pulpito o Pergamo




Pergamo: Eretto tra il 1224 e il 1283, esso colpisce per la classica armonia delle sue forme, per la fattura squisita delle sue sculture, per la magnifica decorazione musiva di una smagliante ma equilibrata policromia. L'opera, affiancato dal candelabro con il cero pasquale, dovuta ai "magistrati" Pellegrino e Taddeo, essa veramente notevole: eccettuata quella del Duomo di Salerno non ha eguale in tutta l'Italia meridionale.


La struttura con la vicinanza del candalabro con il cero pasquale















Rilievo scultoreo: Profeta Daniele zona Paolo:Pergamo -pennacchio.
Il rilievo in marmo scolpito (50x50 cm) stato realizzato da un maestro campano nella prima met del XIII secolo. L'opera racchiusa nel pennacchio dell'arco del lato ovest del pergamo. E' raffigurato il Profeta Daniele che regge un cartiglio con una mano e con l'altra indica lo stesso.Sul cartiglio incisa l'iscrizione:CUM VE/NERIT SCS/SCORUMCE. Note: Sui capitelli del pergamo poggiano arcate a tutto sesto,leggermente ribassato, con cornici fogliate in basso. Sui pennacchi di due degli archi si dispone un programma figurale a rilievo con le immagini della sibilla eritrea e di tre profeti.Queste figure stanno a significare "l'aspettazione messianica nei tempi 'sub lege'" (cfr. Pace,1983,pag.36).











Pulpito . Zona: Spigolo destro della cassa.
La scultura in marmo scolpito (50x18 cm) stato realizzata da un maestro campano nella prima met del XIII secolo. L'opera posta sul pilastrino destro della cassa del pergamo e raffigura una figura femminile seminuda in funzione di cariatide. Al di sopra della testa posta una mensola fogliata, mentre la figura poggia su un leoncino che a sua volta posto su di un'anfora.











Rilievo scultoreo: Geremia , Eritrea Ubicazione: Pergamo- pennacchi. Il rilievo in marmo scolpito su fondo a mosaico a tessere miste (70X110 cm) stato realizzato da un maestro campano nella prima met del XIII secolo. Le tre figure decorano due pennacchi dell'arco, leggermente ribassato, del lato ovest del pergamo. A sinistra posto il Profeta Geremia che regge un cartiglio e indica il cielo, a destra la Sibilla Eritrea su fondo mosaicato con anch'essa con cartiglio in mano. Al centro, una figura seminuda di uomo poggiante su di un felino che a sua volta poggia su di un cespuglio (si tratta, forse, di Ercole). Sul cartiglio del profeta Geremia inciso: ECCE/ VIR/ HORI/ ENS/ NOM. Sul cartiglio della Sibilla: JUDICI/ SINIUM.









Geremia Eritrea











Pergampo: Arco. Ubicazione: Cassa del pergamo.
L'arco a tutto sesto in marmo inciso (240x140 cm) stato realizzato da un maestro campano o romano nella prima met del XIII secolo. Esso inquadra l'accesso alla cassa del pergamo. Lo sostengono due colonnine esagonali con capitelli a motivi vegetali. Lungo tutta l'opera incisa, a caratteri gotici, la scritta: + HOC PRIUS INCEPTUM PANDULFUS PRESUL AD APTUM/ FINEM PERDUXIT. CUI CALICA (CELICA?) CONCIO DUX SIT.



INDIETRO