LEFTORIUM, IL BLOG RIFORMISTA. Notizie e commenti sulla politica, l'economia e la societÓ.


Iscriviti a BannerGratis: lo scambio banner di Mr.Webmaster!

Leftorium

01.09.2009 web stats Feed RSS
Tech Tags: Technorati icon

La Poesia di Tangentopoli

Mediateca comunale. Rovistando tra gli scaffali la mia attenzione Ŕ caduta su un libretto intitolato "Chiusero le porte" di Lorenzo Necci. Non sapete chi Ŕ Lorenzo Necci? Non Ŕ un autore classico, nÚ un contemporaneo, magari uno di quelli che si scanna per un voto in pi¨ allo Strega. Necci Ŕ stato un ex "grande" manager delle Ferrovie dello Stato. Finý coinvolto, tirato in ballo dall'amicone di Antonio Di Pietro Chicco Pacini Battaglia, in quel gran romanzo italiano che prenderÓ poi il nome di Tangentopoli. Il libello, infatti, racconta i giorni della sua prigionia in carcere.

Chi mi conosce sa che sono uno abbastanza sensibile... diciamo pure dalla "lacrimuccia" facile. Ho pianto all'ultima puntata di "Lady Oscar" e per i ragazzi che salivano sui banchi de "L'attimo fuggente". Mi sono commosso persino per "Bambi" quando gli freddano la madre. AccadrÓ la stessa cosa pure per i versi di Necci? Vediamo.

TopOfBlogs

Ecco come il manager-poeta descrive la perquisizione della sua villa da parte della Guardia di finanza. "Continuano ore a cercare / a guardare, a rovistare. / Passate son le ore / Il sole tramonta, l'aria non brilla. / Ma tutto risente. / Lo stupro evidente. E' finita. / Una vita".

Vi giuro che mi sono sforzato. Niente, nemmeno una lacrima. Allora ho provato a concentrarmi pi¨ di un pomodoro pelato. Necci si Ŕ fatto quasi due mesi di carcere a La Spezia... e scrive: "Lontano dagli affetti / dagli amici diletti / dai figli protetti / dal giardino amato / per sempre violato". Eh giÓ... Povero giardino. Cazzo, niente. Non mi commuove nemmeno un filo d'erba del giardino di Necci.

Insisto. "Ti par di volare / Ma ecco il giornale / che riporta il reale / E finisce il sognare". Sognare? E cosa? Niente. Nothing. Nada de nada. Non c'Ŕ stato verso che mi abbia fatto versare uno straccio di lacrima per questo "Leopardi" capotreno.

E cosý, preso quasi dallo sconforto, provo a gettare l'occhio altrove, magari qualche scaffale pi¨ in lÓ. E cosa trovo? "L'elogio della stupiditÓ" di Musil dal quale estraggo la seguente frase che ben si presta ad epitaffio dell'opera necciana. "C'Ŕ un solo rimedio contro tanta luminosa stupiditÓ: la modestia". Modestia che il signor Lorenzo Necci, nÚ dentro nÚ fuori dal carcere, ha mai mostrato di possedere.

"Fuori passano i treni / e li sento suonare" scrive ancora il poeta di Tangentopoli. "Dodici volte al giorno / SarÓ un saluto, o un invito al ritorno?".

Un invito al ritorno? Necci non ci provare!


Iscriviti! Ti Ŕ piaciuto l'articolo? Iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi articoli del blog! Per sapere cosa sono i feed, clicca qui!
Bookmark and Share
Condividi in social network e vota gli articoli su:
- - - - - - - - - - - - - - post<li>
Leggi i commenti
blog comments powered by Disqus

Creative Commons License MigliorBlog.it