News
Cronologia
Discografia
Videografia
Filmografia
Teatro
Tv
Articoli
Curiosità
Bowie & Co
Gli altri su Bowie
Foto del mese
Collaborazioni
Quiz
Links
Home

 

Earthling (Bmg - 1997)

copertinaBrani: Little Wonder, Looking For Satellites, Battle For Britain (The Letter), Seven Years In Tibet, Dead Man Walking, Telling Lies (nuova versione), The Last Thing You Should Do, I'm Afraid Of Americans (nuova versione), Law (Earthling On Fire).

Testi: David Bowie - Musica: Bowie/Gabrels/Plati, ad eccezione di Seven Years In Tibet, Dead Man Walking e Law (Earthling On Fire) (Bowie/Gabrels), Telling Lies (Bowie), I'm Afraid Of Americans (Bowie/Eno)

David Bowie (voce, chitarra, alto sax, campionamenti e tastiere), Reeves Gabrels (programming, sintetizzatori, chitarre e chitarre campionate, cori), Mark Plati (programming, loops, campionamenti, tastiere),Gail Ann Dorsey (basso, cori), Zachary Alford (loops di batteria, batteria, percussioni elettroniche), Mike Garson (tastiere e piano) - produttore David Bowie - co-produttori Reeves Gabrels e Mark Plati

Studio: Looking Glass, New York

copertina LTD franceseDefinito dal Melody Maker "un album ottimistico sulla morte", Earthling non il previsto seguito di Outside, ma un album completamente diverso, frutto della intenzione di Bowie di catturare l'energia della band con cui aveva suonato dal vivo e di dare sfogo al suo entusiasmo per la musica drum&bass, la cui influenza chiaramente evidente nelle tracce ritmiche. Per questo motivo l'album stato criticato, con l'accusa di essere poco originale. In effetti, Bowie reinterpreta a modo suo le influenze di questo tipo di musica, imprimendo decisamente sull'album il proprio marchio. Esempio mirabile di questo sincretismo Little Wonder.
Earthling
uno degli album dal suono pi duro che Bowie abbia mai inciso, ma non mai privo di intelligenza e di fascino, come quasi tutti i suoi dischi; un album forte e scintillante, in cui la chitarra elettrica, elemento fondamentale di tutti gli album migliori di Bowie (la lista dei grandi chitarristi che hanno suonato con lui impressionante), sempre eccezionale protagonista. Un esempio straordinario l'assolo ininterrotto, suonato su una sola corda, in Looking For Satellites. Un virtuosismo impeccabile ma mai freddo. Altro grande brano Seven Years In Tibet. Da ricordare anche I'm Afraid Of Americans, scritta insieme ad Eno ed originariamente nella colonna sonora del mediocre film Showgirls, qui presente in una nuova versione (di cui esiste un riuscito remix di Trent Reznor, accompagnato da un video con i due insieme), e la dance Dead Man Walking, una canzone ispirata da un concerto di Neil Young.


Video
- Little Wonder
- Little Wonder Junior Vasquez remix
- Dead Man Walking
- I'm Afraid Of Americans
- Seven Years In Tibet (video composto di immagini live)


Classifiche

- n.6 in Gran Bretagna
- n.39 negli Stati Uniti
- n.9 in Francia
- n.11 in Germania
- n.8 in Italia
- n.5 in Svezia
- n.4 in Polonia
- n.1 in Estonia
- n.12 in Finlandia
- n.13 in Irlanda
- n.13 in Norvegia
- n.7 nella classifica Europea

 

Curiosità

  • Il Looking Glass, lo studio in cui stato registrato l'album, di propriet del compositore Philip Glass, amico di Bowie dagli anni 70, che ha anche realizzato due sinfonie basate sulla musica di Low e "Heroes".
  • E' stata pubblicata una versione di Seven Years In Tibet cantata in cinese mandarino, arrivata al n.1 nelle classifiche di Honk Kong.
  • I'm Afraid Of Americans era stata scritta originariamente per la colonna sonora del film Johnny Mnemonic, con Keanu Reeves (di qui il riferimento a Johnny nella canzone). Poi, invece, fu inserita, in una versione diversa da quella dell'album, nella colonna sonora di Showgirls (1995).
  • La colonna sonora del film The Saint (Il Santo - 1997) comtiene in alcune edizioni Little Wonder- Danny Saber remix ed in altre Dead Man Walking.

 

Altro

- RECENSIONI
- Modern Drummer luglio 1997 - intervista
- GQ gennaio 1997 - intervista
- Detour 1997 - intervista

 

Torna su
pagina aggiornata il 15 agosto 2006