DivinitÓ
(torna a Grecia antica)

Storia   Arte  CiviltÓ   DivinitÓ  Miti   Musica

WB01405_.gif (2208 byte)
Acheronte

Figlio del Caos e delle tenebre, marito della Notte fu prima cambiato in fiume e precipitato nelll'inferno per aver aiutato i giganti a combattere Zeus. Col nome Erebo si finý poi per chiamare l'inferno come per i nomi Ade, Dite e Tartaro.
WB01405_.gif (2208 byte)
Ares

Figlio di Giove e di Giunone, Dio della guerra pi¨ largamente onorato a Roma con il nome di Marte. I suoi compagni indivisibili erano: la Discordia, la Strage, la Paura, e il Terrore. Ares o Marte divenne amante ufficiale di Afrodite dalla quale ebbe vari figli: Cupido o Eros, Anteros, Deimos, Fobos, ed Armonia. Oltre ai figli avuti da Afrodite gli veniva attribuita la paternitÓ di Romolo e Remo che egli avrebbe avuto dalla vestale Rea Silvia.

WB01405_.gif (2208 byte)
Artemide o Diana

Dai Romani fu chiamata Diana; era figlia di Latona e di Giove ed era rappresentata come la luce lunare. Essa era conosciuta ed adorata sotto tre aspetti: divinitÓ celeste era la luna; terrestre, era la dea della caccia,; infernale, rendeva i parti difficili e rubava i bambini alla nascita . Normalmente era la dea della castitÓ e della fedeltÓ coniugale. Era identificata come Giunone Lucina e con Proserpina o Ecate; le fu riconosciuto anche un potere nelle arti magiche.