●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●

Evrardo
Malagola

 

HOME

 

 

IMMAGINI

 

 

ARTICOLI

 

 

BIOGRAFIA

 

 

MUSICA

 

 

VIDEO

 

 

VARIE

 

●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●

 

 

 

 

Traduzioni

 

 

VA FRA IN BARCA

 

Tti i la varda Mantoa dai pont

i varda laqua chla nan cor mia

i dis chl bla sensa f i cont

coi schers cha tira la fantasia.

Se quel chat vedi al tha mia convint

al m consili tal dagh par gnint.

 

Va fra in barca

varda i crt

varda le cane

i fior da lt

i lus chi boca

i bartavi

con le trigolre

tavn e sansale

e i saltari.

 

I va a Molina quand a gh bl

sa gh on po d vent laqua l msa,

a vegn şo londa dal Parcarl

quand cala al sol l tta rosa

e quand sinpisa i prim lşor

tat senti dntar şgionfar al cr.

 

Va fra in barca

varda che bl

le tor, le ceşe

chle şbşa al cel

le par le cane

dlrgan dal Dm.

Alora ti sbraia

che Mantoa l bla

e tat senti n om.

.

Le par le cane

dlrgan dal Dm

alora sbraiema :

Ti Mantoa t s bla

e m senti n om.

 

 

 

VA FUORI IN BARCA

 

Tutti la guardano Mantova dai ponti

guardano lacqua che non corre via

dicono che bella senza fare i conti

agli scherzi che gioca la fantasia.

Se quello che vedi non ti ha convinto

il mio consiglio te lo do per niente.

 

Va fuori in barca

guarda i crt (radici palustri)

guarda le canne

i fiori di loto

i lucci che abboccano

i bartavi (nasse)

con le trigolre (piante acquatiche di castagne)

tafani e zanzare

e i saltari. (gamberetti di lago)

 

Vanno a Molina quando c bel tempo

se c un po di vento lacqua mossa

viene su londa dal Parcarl (argine)

quando cala il sole tutta rossa

e quando si accendono le prime luci

ti senti dentro scoppiare il cuore.

 

Va fuori in barca

guarda che bello

le torri, le chiese

che bucano il cielo

sembrano le canne

dellorgano del Duomo

allora tu urli

che Mantova bella

e ti senti uomo.

.

Sembrano le canne

dellorgano del Duomo

allora urliamo:

Tu Mantova sei bella

e mi sento uomo.

 

 

 

MEGARS

 

In dal cel, fra le niole el sol

fra i oşlin che intresa al s vol

nas quaşi quaşi par schrs

ona fabrica da megars.

 

Novantt, senten, sentetr

quand tinpisi la radio ogni d

a ta scolti qualcşa da p

dle menade chla d la tiv.

 

Novantt, senten, sentetr

e se t v tagh p ndar anca ti

sensa pei in sla lingua a parlar dla cit

dle so robe in libert.

 

Le stasion ad continui a sercar

e dle vlte at s p chi scoltar,

quante antne ch ble spont:

i bandiere da sta civilt.

 

Novantt, senten, sentetr


 

 

 

MEGAHERTZ

 

Su nel cielo fra le nuvole e il sole

fra gli uccelli che intrecciano il volo

nata quasi per scherzo

una fabbrica di megahertz.

 

Novantotto, centouno, centotre

quando accendi la radio ogni giorno

puoi ascoltare qualcosa di pi

delle menate che fanno in tiv.

 

Novantotto, centouno, centotre

se vuoi puoi andarci anche tu

senza peli sulla lingua a parlare della citt

dei suoi fatti in libert.

 

La stazione continui a cercare

ed a volte non sai pi chi ascoltare

quante antenne gi sono spuntate:

sono bandiere di questa civilt.

 

Novantotto, centouno, centotre

 

 

 

LE STRADE DLA CIT

 

A vaghi par le strade dla cit

dle vlte nan s mia indoa a son,

s indoa la via la taca e indoa la va,

ma quaşi snpar nan conosi al nom.

 

Epr prpia in prinsipi gh on quadrl

da mrmol bianch con s tant discrision;

pensi cha son on gran soml,

in tanti an ghho mai fat atension.

 

Tito Speri, Bepe Garibaldi,

Finsi, Masini, Poma, Scarselini;

parch tti i si a dismentga mia

i ti ha sbat in sal canton dna via.

 

Acs, ona cit piena da storia,

cha las dişmentga inc i fat da ieri,

invece dsar monment da gloria

la dventa quaşi quaşi on simiteri.

 

Per trista ti vegni listes,

col nas a laria varda i monment

varda San Şors, al lach da Ms

ad vedar chat andr via content.

 

I Bandiera, i Bronzetti,

Verdi, Cavur, Gonzaga, Don Leon;

tta gent chas dişmentga mia

anca sl sol in sal canton dna via.

 

I Bandiera, i Bronzetti,

Verdi, Cavur, Bernardo De Canal;

parch tti i si a dişmentga mia

i ti ha sbat in sal canton dna via.


 

 

 

LE STRADE DELLA CITTA

 

Vago per le strade della citt

a volte non so dove sono

so dove la via comincia e dove va

ma quasi sempre non ne so il nome.

 

Eppure proprio allinizio c una pietra

di marmo bianco con tanto discrizione;

penso che sono un gran somaro,

in tanti anni non vi ho mai fatto attenzione.

 

Tito Speri, Giuseppe Garibaldi,

Finzi, Mazzini, Poma, Scarsellini;

perch tutti non se li scordino

li hanno messi sullangolo duna via.

 

Cos una citt piena di storia

che non si dimentica oggi i fatti di ieri,

invece dessere monumento di gloria

diventa quasi un cimitero.

 

Per turista tu vieni ugualmente,

col naso per aria guarda i monumenti

guarda San Giorgio, il lago di Mezzo,

e vedrai che andrai via contento.

 

I Bandiera, i Bronzetti,

Verdi, Cavour, Gonzaga, Don Leoni;

tutta gente che non si dimentica

anche se solo sullangolo duna via.

 

I Bandiera, i Bronzetti,

Verdi, Cavour, Bernardo De Canal;

perch tutti non li scordino

li hanno messi sullangolo duna via.

 

 

 

MANTOA DINVERAN

 

Quand a gh cald ti tal s chl tant bl

fra in sal lach in batl

con on caplas par capl

e par vest on bartavl;

ma quand a taca a canbiar la stagion

l tta naltra canson

anca sl

şa meşd

tas grinsis parfin i di.

 

Alora va in sla riva da Belfior

e varda laqua chlha canbi color

e varda ben chl senpar cal profil:

la - la - la- la

na ceşa, ona tor, on canpanil.

 

Ma sa tti i la sa

ti tam piaşi me vecia cit!

 

Sensa le fie cha ta stopa al cel

al lach al par mia p quel

al par pu grand e p bl

a gira gnanca on batl

ma loc al cor da la riva lontan

a nan gh p cal bacan

e l ciar

al profil

dona tor, don campanil.

 

Alora va in sla riva da Belfior


 

 

 

MANTOVA DINVERNO

 

Quando c caldo tu sai che cos bello

fuori sul lago in battello

con un grande cappello

e per vestito una rete da pesca;

ma quando inizia a cambiare la stagione

tutta unaltra canzone

anche se

gi mezzogiorno

ti si raggrinziscono perfino le dita.

 

Allora va sulla riva di Belfiore

e guarda lacqua che cambia colore

e guarda bene sempre quel profilo;

la - la - la- la

una chiesa, una torre, un campanile.

 

Ma ormai tutti lo sanno

tu mi piaci mia vecchia citt!

 

Senza le foglie che nascondono il cielo

il lago non sembra pi quello

sembra pi grande e pi bello

non gira neanche un battello

ma locchio corre dalla riva lontano

e non c pi quel baccano

ed chiaro

il profilo

di una torre, di un campanile.

 

Allora va sulla riva di Belfior

 

 

 

AL FEMMINISTA

 

Quand a torni a ca

dopo tre ore ad laorar

trovi propia gnint pront da magnar,

ma gh ch on biliet con scrit:

A son in rinion

pensagh ti sat v la colasion.

 

Alora a vardi, a rmi, a cati

pignate e pignatin

scdle, botilie, forsine, tondine

ma gh gnanca on tegin;

a pensi, insoma, da fram in prsia

du v con al boter,

spachi d bicer e tt am va mal

a sbalti infin la sal.

 

Quand la riva le la gha po senpar da cridar

i v insima al fch i dre a brşar;

le la conta tt e mi son li com on salam

cha lascolti e intant am cres la fam.

 

Alora a vardi,


 

 

 

IL FEMMINISTA

 

Quando torno a casa

dopo tre ore di lavoro

non trovo nulla di pronto da mangiare

ma c qui un biglietto con scritto:

Sono in riunione

pensaci tu se vuoi la colazione.

 

Allora guardo, cerco, trovo

pentole e pentolini

scodelle, bottiglie, forchette e piatti,

ma non c neanche un tegamino;

allora penso di farmi in fretta

due uova al burro,

rompo due bicchieri e tutto mi va male

rovescio anche il sale.

 

Quando lei arriva ha sempre da lamentarsi

intanto le uova sul fuoco stanno bruciando;

lei mi racconta tutto e io sto l come un salame

e mentre lascolto cresce la mia fame.

 

Allora guardo,

 

 

 

ADES E ALORA

 

Quand in di ani indr

tti i andava a pe

o al msim con la bicicleta

 

i era p a la man

i era ps san

in cravata e in giacheta;

 

po i gn i motor

camion e trator

e i blu gins dal stes color.

 

Vi tornar in camporla sent sota an fich

vi andar con la m bla insiem coi amich

vi andar a margherite sora lrsan don qual fs

a vi bevar laqua s-ceta e tirarla s dal pos

caminar sensa para par strada da nt

mia far brta figra con tanti cast.

Vi tornar sent ani indr

quand i andava tti a pe

e le strade i era marciap.

 

Quand a gnea list

tanti i stava a ca

par al fresch i andava fra prta

 

po i ha tac a far

al so mes al mar

bsi ghan volea na sprta;

 

ds coi reoplan

as va p lontan

ma col portafi in man.

 

Vi tornar in camporela


 

 

 

ADESSO E ALLORA

 

Quando anni fa

tutti andavano a piedi

o al massimo con la bicicletta

 

si era pi alla mano

si era pi sani

in cravatta o in giacchetta;

 

poi sono arrivate le moto

i camion ed i trattori

e i blue jeans dello stesso colore.

 

Vorrei tornare in camporella seduto sotto un fico

andare con la mia bella insieme agli amici

raccogliere margherite sullargine di qualche fosso

bere lacqua pura e tirarla su dal pozzo.

Camminare senza paura per strada di notte

senza fare brutta figura con tanto chiasso.

Vorrei tornare centanni indietro

quando andavano tutti a piedi

e le strade erano marciapiedi.

 

Quando arrivava lestate

tanti stavano a casa

per trovare il fresco andavano fuori porta

 

poi hanno iniziato a passare

un mese al mare

e soldi ne serviva una borsa;

 

adesso con gli aerei

si va pi lontano

ma con il portafogli in mano.

 

Vorrei tornare in camporella

 

 

 

GIRA LA GIOSTRA

 

Tal s che a SantInselom gh luşansa

cha vegn a Mantoa tanti baracon

in tti chi giostrr gh la speransa

che l sol al dra tt la stagion.

 

Gira la giostra gira

ciapa tr bale e tira

e sat f centrot vinsi on simiotin

ona botilia o d, o tri pesin.

Gira la giostra gira

ciapa al fsil e mira

ma comam gdi

in ms a tta la m gent

gira la giostra gira.

 

Par SantInselom l na fsta granda

almen na vlta tti i va in sal Te

crocant e tiramla par merenda

per l longa andargh a pe.

 

Gira la giostra gira

 

L SantInselom fsta ad Primavera

la para via lInveran col s vel

e msiche...e color, e quand l sera

ad lampadine sinpisa al cel.

 

Gira la giostra gira

ciapa al fsil e mira

ma comam gdi

in ms a tta la m gent

gira la giostra gira.


 

 

 

GIRA LA GIOSTRA

 

Lo sai che a SantAnselmo c lusanza

dellarrivo a Mantova di tante giostre

in tutti i giostrai c la speranza

che il sole duri tutta la stagione.

 

Gira la giostra gira

prendi tre palle e tira

e se fai centro vinci un scimmiottino

una bottiglia o due, o tre pesciolini.

Gira la giostra gira

prendi il fucile e mira

ma come sono felice

in mezzo a tutta la mia gente

gira la giostra gira.

 

Per SantAnselmo c festa grande

almeno una volta tutti vanno in piazza Te

croccanti e tiramolla per merenda

per lunga andarci a piedi.

 

Gira la giostra gira

 

E SantAnselmo festa di primavera

che caccia via linverno col suo velo

fra musica e colori, quando sera

di lampadine si accende il cielo.

 

Gira la giostra gira

prendi il fucile e mira

ma come sono felice

in mezzo a tutta la mia gente

gira la giostra gira.

 

 

 

AL GIURAMENT

 

Quand am son spoş

le la mha gir

che le braghe le portavi mi,

dopo gnanca on mes

le lam fa l istes

se decidi insiem a ti.

 

Mi in fond ch a son on bon ptl

m pars che cs al fs p bl

cretino, cretino, cretino

a c don an son fni in dal bartavl.

 

Al d da cope al val da p

a son rest col nas in s

al s al padron son mi

ma tasi e dighi che

per la comanda le.

 

I ani i pas

e mi ghho gir

che in familia avres comand mi;

e la dit da s

dpo lha pians

e l me sogno cs l fn.

 

Mi in fond


 

 

 

IL GIURAMENTO

 

Quando mi sono sposato

lei mi ha giurato

che i pantaloni li avrei portati io,

dopo neanche un mese

lei mi dice lo stesso

se decidiamo insieme.

 

Io che in fondo sono un bravo ragazzo

mi parso che cos fosse pi bello

cretino, cretino, cretino

alla fine dun anno sono finito nella sua rete.

 

Il due di coppe vale di pi

sono rimasto col naso in su

lo so il padrone sono io

ma taccio e dico che

per comanda lei.

 

Gli anni sono passati

ed io le ho giurato

che in famiglia avrei comandato io;

lei ha detto s

poi ha pianto

e il mio sogno cos fin.

 

Ma in fondo

 

 

 

CLA SERA DIST

 

At ricordat cla sera dIst

quand andaom content in si pra

tam tegnevi la man e tat dşevi che ti

sensa da mi

tt lera fn.

Dinprovis a tho dat on başin

ti t credevi a nases on ptin.

 

Ads cle fle

i sol parle

ads le conta p;

anca in dle scle

i rse e vile

tti i na sa da p;

ma la verit

quand a sla sa

la prd on qul

a l mia p bel

sensa chal p

d mister.

 

Sol che inc son sicr che in si pra

sagh va gnanca in dle sere dIst,

ser s in dlautostrada la machina va,

piante cha cor

sere cha mr.

E po dpo mi t dagh on başin

ma stavlta tam vegni davşin.

 

Pensa a cle fle

i sol parle

 

 

QUELLA SERA DESTATE

 

Ti ricordi quella sera destate

quando andavamo contenti sui prati

mi tenevi la mano e dicevi che

senza di me

tutto finiva.

Dimprovviso ti ho dato un bacino

tu credevi nascesse un bambino.

 

Adesso le favole

sono solo parole

ora non si raccontano pi;

anche nelle scuole

sono rose e viole

tutti ne sanno di pi;

ma la verit

quando si sa

perde qualcosa,

e non pi bello

senza un po

di mistero.

 

Solo che oggi sono sicuro che sui prati

non ci si va nemmeno nelle sere destate,

chiusi in autostrada la macchina va,

alberi che corrono

sere che muoiono.

E poi dopo ti do un bacino

ma stavolta mi vieni vicino.

 

Pensa a quelle favole

sono solo parole

 

 

 

LE VOCASION

 

Al dis:Fagh al spasin

ma sensa convinsion

lho mia sernida mi sta profesion.

 

Quand at s picinin tti i ta dmanda:

Coşa fart da m? Lidea l granda;

tha st a pensaragh s gnanca on moment

e po tal disi frt che tti i sent:

A far larchitet o lingenier

al masim tat contenti ad ragionier.

 

A mi per nisn mlha mai dmand

e cs par tanti ani a son rest

sensa na vera e propia vocasion

e intant che chiltar i sfava nistrsion

mi andavi par i fs a psin ptana

e col coton ciapavi na qual rana;

 

dal d seri in di pra col m balon

e d nt a bagolar in sal porton.

A na m parea da far p gnint da stran

ma m son cat con na ramasa in man.

Dle vlte fagh per on ragionament:

Agh vl anca i spasin E son content.


 

 

 

LE VOCAZIONI

 

Dice: Faccio lo spazzino

ma senza convinzione

non lho scelta io questa professione.

 

Quando sei piccolo tutti ti chiedono:

Cosa farai da uomo Lidea grande;

non stai a pensarci su neanche un momento

e poi lo dici forte che tutti ti sentano:

Far lArchitetto o lIngegnere

al massimo accontentati di Ragioniere.

 

A me per nessuno lha mai chiesto

e cos per tanti anni sono rimasto

senza una vera e propria vocazione

e mentre gli altri si facevano unistruzione

io andavo per fossi a prendere piccoli pesci

e col cotone prendevo qualche rana;

 

di giorno stavo sul prato col mio pallone

e di notte a chiacchierare sul il portone.

Non mi pareva di fare niente di strano

ma mi son trovato con una scopa in mano.

Delle volte per faccio un ragionamento:

Servono anche gli spazzini E sono contento.

 

 

 

PAROLE DAMOR

 

Cosa faria anima mia

cara sensa da ti

ti at s acs bla at s la mi stla

vegnam davşin on p.

 

Queste le parole

chas dişea on d

ora le par fle

ma tornemle a di

e a la t morosa chl la t speransa

con le t parole ti at la consoli

e tagh dişi acsi.

 

Ti t s la promesa

ti t s al me penser

ti t s propria quela

cha voria par mi...

Na caseta a gavrem col giardin

profum con i fior chat v ti

e godrem tanta felicit, Amor!

 

Cara voria che le promese

la fos na realt

tegnam la man e stricam ancora

pensa che mi at vi ben.

 

Ti t s la promesa

e godrem tanta felicit

Amor!, Amor!, Amor!


 

 

 

PAROLE DAMORE

 

Cosa farei anima mia

cara senza di te

tu sei cos bella, sei la mia stella

avvicinati un po a me.

 

Queste le parole

che si dicevano un d

ora sembrano favole

ma torniamo a dirle

e alla tua morosa, che la tua speranza

con le tue parole tu la consoli

dicendole cos.

 

Tu sei la promessa

tu sei il mio pensiero

tu sei proprio quella

che vorrei per me,

avremo una casetta col giardino

profumato coi fiori che vuoi tu

e godremo tanta felicit, amor.

 

Cara vorrei che le promesse

fossero una realt

tienimi la mano e stringimi ancora

pensa che io ti voglio bene!

 

Tu sei la promessa

e godremo tanta felicit

Amor!, Amor!, Amor!

 

(Testo T. Malagola)

 

VECIA VAPORIERA

 

Oh vecia vaporiera

che in sal binari mrt

at pensi a quand at seri giuvna

e chat curevi csi frt

taspeti chi ta ciama

per far ancora na trotada.

 

Ma ades l sa on bl p

che in quarantena i tha piant

con tte le canpagne ct pas

e dopo tt quel laor

fmar in pace in guera

sbfar tra le montagne e le cit.

Portar ricordi onor e disonor

speranse delusion e baticr

porta pasiensa chat s in licensa

at turni in pista col nom nov locomotor.

 

Ti t tir tradote cariche da sold

e tt cle ble mondine che le faşeva bacan

salta il machinista

chal tha csi tant lustr.

 

Adio vaporiera che bi d

fughista e ferovier i resta l

la t presenza la ia sgomenta

ti thag ricordi al bel pas ch ormai lontan.


 

 

 

VECCHIA VAPORIERA

 

Oh vecchia vaporiera

che sul binario morto

pensi a quando eri giovane

che correvi cos forte.

Aspetti che ti chiamino

per fare ancora una corsa.

 

Ma adesso gi un bel po

che in quarantena ti hanno lasciato

con tutte le campagne che hai passato

e dopo tutto quel lavoro

fumare in pace e in guerra

sbuffare fra montagne e le citt.

Portare ricordi, onori e disonori

speranze, delusioni e batticuori,

porta pazienza che sei in licenza

e torni in pista col nome nuovo locomotore.

 

Hai trasportato tradotte cariche di soldati

e tante belle mondine che facevano baccano

saluta il macchinista

che ti ha cos lustrato.

 

Addio vaporiera dei bei giorni

il fuochista e il ferroviere si bloccano

la tua presenza li sgomenta

perch gli ricordi il bel passato ormai lontano.

 

(Testo T. Malagola)

 

AL MARCA DAL GIOEDI

 

At giri par le strade quand l gioran da merc

che animasion

che confşion!

L tt on bagolar a nat s mia come pasar

al Gioed

l snpr acs.

 

Eviva i paesan

chi vegn a Mantoa dai paes ps lontan

i fa merc

con na manada al contrat l şa firm.

 

Eviva i paesan

i sa parlar e contratar

e quand i va

a par chla sia restada vda la cit.

 

I gnea con al caval, con al birc e anca a pe

e dpo n po agh gnea se,

ads i vegn con di auto che i longhe fin a l

ormai, sal sa, tt l canbi.

 

Eviva i Paesan...


 

 

 

IL MERCATO DEL GIOVED

 

Giro per le strade quando il giorno di mercato

che animazione

che confusione!

tutto un parlottare non sai come passare:

al gioved

sempre cos.

 

Evviva i contadini

che vengono a Mantova dai paesi pi lontani

mercanteggiano

con una stretta di mano il contratto gi firmato.

 

Evviva i contadini

che sanno parlare e contrattare

e quando se ne vanno

sembra sia restata vuota la citt.

 

Venivano a cavallo, in carrozza ed anche a piedi

e dopo un po avevano sete,

adesso vengono con auto che sono lunghe fin l

ormai, si sa, tutto cambiato

 

Evviva i contadini...

 

 

 

I MOROS

 

Sera on ptlet con pca fantaşia

andavi a spas con Carla in na qual via

sensa lanpion e sensa confşion

par tegnamla ben strica

ben strica da scondon.

 

Andavi in di giardin vec da Belfior

quand ghera ancor le piante,al verd, i fior

e sa scondevam in mes a la marogna

par daras on başin sensa vergogna.

 

Ades a nan s mia

indoa i va i moros

indoa i resta scos

par star in compagnia.

 

Da piante na gh n p

par strada gh i lanpion

o i s başa a la stasion

o i sta col nas in s.

 

Ades che tti i ghha almen la Bianchina

i na ghha pu bişogn a dna panchina

sensa pauri i s cata sota al sol

e come rondanine

i ciapa prest al vol.

 

Ma si voles al verd, i fior, al vent

e parch no, on poctin da sentiment

i vaga ancora al bosch a dla fontana

che par noaltar lera trop lontana.

 

Ades a nan s mia


 

 

 

I MOROSI

 

Ero un ragazzo con poca fantasia

andavo a spasso con Carla in qualche via

senza lampioni e senza confusione

per tenerla stretta

ben stretta di nascosto.

 

Andavo nei giardini vecchi di Belfiore

quando cerano ancora gli alberi, il verde, i fiori

e ci nascondevamo in mezzo allerba alta

per darci un bacino senza vergogna.

 

Adesso non so

dove vanno i morosi

dove si nascondono

per stare in compagnia.

 

Gli alberi non ci sono pi

per strada ci sono i lampioni

o si baciano alla stazione

o stanno col naso in su.

 

Adesso che tutti hanno almeno lutilitaria

non hanno pi bisogno della panchina

senza paure si trovano sotto il sole

e come rondinelle

prendono presto il volo.

 

Ma se volessero il verde, i fiori, il vento

e perch no, un po di sentimento

possono andare ancora al bosco della fontana

che per noi era troppo lontana.

 

Adesso non sappiamo

 

 

 

PIERT

 

Gh la gent in serca dalegria

sem riv in tenp da Carneval

tte le tristese al prta via

nam voleva gnint cha vaga mal

 

ma chi l cal l

chal s travest

par chal varda propria chi.

 

Piert, Piert

la boca rid ma lc al fa pensar;

Piert, Piert

a par infin chat via mia balar

tt credi vc

la facia da farina e da bont

at pari al spc

dla vera manit Piert.

 

A l şa finida lalegria

l pas da on ps al Carneval

al costm t al btar mai via

at al prti anca sal fa mal;

 

son sicr che ti

sota al t vest

at gh on cr cha bat par mi.

 

Piert, Piert


 

 

 

PIERROT

 

C la gente in cerca dallegria

tempo di carnevale

tutte le tristezze porta via

non vogliamo niente che faccia male

 

ma chi quello l

che si travestito

sembra che guardi proprio qui.

 

Pierrot, Pierrot

la bocca ride ma locchio fa pensare;

Pierrot, Pierrot

sembra quasi tu non voglia a ballare

ti credi vecchio

la faccia di farina e di bont

sembri lo specchio

della vera umanit Pierrot.

 

Ed gi finita lallegria

da tempo passato il carnevale

il costume non lo butterai mai via

e lo porti anche se ti fa male;

 

sono sicuro che tu

sotto il tuo vestito

hai un cuore che batte per me.

 

Pierrot, Pierrot

 

 

 

PRIGIONIERA DI TRE LAGHI

 

Prigioniera di tre laghi

piccola vecchia citt

sembri messa l per gioco

ma quanta civilt.

 

La tua gente molto semplice

ti vuole tanto bene

bene come Cenerentola

un cuor vivo pu volere.

 

Se vedessero - i tramonti

i tuoi laghi - tutti rossi

il profilo - del castello

e la cupola - su su in ciel.

 

Prigioniera di tre laghi

Mantova vecchia citt

chi ti vuole tanto bene

non ti pu dimenticare.

 

Le tue chiese - i tuoi palazzi

le tue torri - i campanili

galleggianti - fior di loto

fra i canneti - tutti dor.

 

Prigioniera di tre laghi

piccola vecchia citt

chi ti vuole tanto bene

non ti pu dimenticare.

 

 

PREŞONERA DA TRI LACH

 

Da tri lach t s preşonera

picola e vecia cit

da Mulina fin sla Fera

ma quanta civilt.

 

SantAndrea con la s bala

las ved infin da fra

e la par, seben l giala,

on caplas dal lach ad sora.

 

Sat vedesi - le s caşe

le s nebie - i bi tramont

sat tochesi - tta laqua

chl pasada sota i pont.

 

* * * * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * *

CURIOSIT * * *

 

Questa la prima versione

come stata pubblicata

nel libro di Luigi Giovetti

ST COŞA AT DIGHI.

 

In seguito si decise

di incidere il brano

col testo in italiano

riveduto e corretto.

 

TORNA SU